Analisi di un testo tratto da La luna e i falò di Pavese

 

SVOLGIMENTO TEMI – ESAME DI STATO 2001

TIPOLOGIA A

Cesare Pavese, La luna e i Falò

C’è una ragione perché sono tornato in questo paese, qui e non invece a Canelli, a Barbaresco o in Alba. Qui non ci sono nato, è quasi certo; dove son nato non lo so; non c’è da queste parti una casa né un pezzo di terra né delle ossa ch’io possa dire “Ecco cos’ero prima di nascere”. Non so se vengo dalla collina o dalla valle, dai boschi o da una casa di balconi. La ragazza che mi ha lasciato sugli scalini del duomo di Alba, magari non veniva neanche dalla campagna, magari era la figlia dei padroni di un palazzo, oppure mi ci hanno portato in un cavagno da vendemmia due povere donne da Monticello, da Neive o perché no da Cravanzana. Chi può dire di che carne sono fatto? Ho girato abbastanza il mondo da sapere che tutte le carni sono buone e si equivalgono, ma è per questo che uno si stanca e cerca di mettere radici, di farsi terra e paese, perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione.
Se sono cresciuto in questo paese, devo dir grazie alla Virgilia, a Padrino, tutta gente che non c’è più, anche se loro mi hanno preso e allevato soltanto perché l’ospedale di Alessandria gli passava la mesata. Su queste colline quarant’anni fa c’erano dei dannati che per vedere uno scudo d’argento si caricavano un bastardo dell’ospedale, oltre ai figli che avevano già . C’era chi prendeva una bambina per averci poi la servetta e comandarla meglio; la Virgilia volle me perché di figlie ne aveva già  due, e quando fossi un po’ cresciuto speravano di aggiustarsi in una grossa cascina e lavorare tutti quanti e star bene. Padrino aveva allora il casotto di Gaminella – due stanze e una stalla -, la capra e quella riva dei noccioli. Io venni su con le ragazze, ci rubavamo la polenta, dormivamo sullo stesso saccone, Angiolina la maggiore aveva un anno più di me; e soltanto a dieci anni, nell’inverno quando morì la Virgilia, seppi per caso che non ero suo fratello. Da quell’inverno Angiolina giudiziosa dovette smettere di girare con noi per la riva e per i boschi; accudiva alla casa, faceva il pane e le robiole, andava lei a ritirare in municipio il mio scudo; io mi vantavo con Giulia di valere cinque lire, le dicevo che lei non fruttava niente e chiedevo a Padrino perché non prendevamo altri bastardi.
Adesso sapevo ch’eravamo dei miserabili, perché soltanto i miserabili allevano i bastardi dell’ospedale. Prima, quando correndo a scuola gli altri mi dicevano bastardo, io credevo che fosse un nome come vigliacco o vagabondo e rispondevo per le rime. Ma ero già  un ragazzo fatto e il municipio non ci pagava più lo scudo, che io ancora non avevo ben capito che non essere figlio di Padrino e della Virgilia voleva dire non essere nato in Gaminella, non essere sbucato da sotto i noccioli o dall’orecchio della nostra capra come le ragazze.

Cesare PAVESE è nato nel 1908 a Santo Stefano Belbo, piccolo centro del Piemonte meridionale nella zona collinare delle Langhe ed è morto a Torino nel 1950. Ha esordito come poeta e traduttore di romanzi americani, per poi affermarsi come narratore. Il brano è tratto dal romanzo La luna e i falò, pubblicato nel 1950. La vicenda è raccontata in prima persona dal protagonista, Anguilla, un trovatello allevato da poveri contadini delle Langhe, il quale, dopo aver fatto fortuna in America, ritorna alle colline della propria infanzia.

1.Comprensione complessiva
Dopo una prima lettura, riassumi il contenuto informativo del testo in non più di dieci righe.

2.Analisi e interpretazione del testo
2.1 “C’è una ragione…”. Individua nel testo la ragione del ritorno del protagonista.
2.2 I paesi e i luoghi della propria infanzia sono indicati dal protagonista con i loro nomi propri e con insistenza. Spiegane il senso e la ragione.
2.3 Spiega il significato delle espressioni “non c’è da queste parti una casa né un pezzo di terra, né delle ossa” e chiarisci il senso della ricerca di se stesso “prima di nascere”.
2.4 La parola “carne” ritorna nel testo tre volte. Spiega il significato di questa parola e della sua iterazione.
2.5 Spiega come poter conciliare l’affermazione “tutte le carni sono buone e si equivalgono” con il desiderio che uno ha “di farsi terra e paese” per durare oltre l’esistenza individuale ed effimera.
2.6 La parola “bastardo” ricorre con insistenza. Spiegane il significato in riferimento alla situazione specifica in cui il termine viene di volta in volta collocato.

3.Interpretazione complessiva e approfondimenti
Sulla base dell’analisi condotta, proponi una tua interpretazione complessiva del brano ed approfondiscila collegando questa pagina iniziale di La luna e i falò con altre prose o poesie di Pavese eventualmente lette. In mancanza di questa lettura, confrontala con testi di altri scrittori contemporanei o non, nei quali ricorre lo stesso tema del ritorno alle origini. Puoi anche riferirti alla situazione storico-politica dell’epoca o ad altri aspetti o componenti culturali di tua conoscenza.

 

SVOLGIMENTO 

1. Il protagonista Anguilla dopo aver girato per molti paesi, è tornato nei suoi luoghi di infanzia, perché ha il desiderio di radicarsi in un luogo, di trovare un posto in cui la sua persona possa valere per più di una generazione. Anguilla però non sa dove è nato, perché è stato lasciato da sua madre sugli scalini del Duomo di Alba, poi è stato allevato dalla famiglia di Virgilia e di Padrino, proprietari della Gaminella, morti in seguito. I due l’avevano preso, anche perché l’ospedale di Alessandria dava uno scudo d’argento (equivalente a cinque lire) a chi prendeva su di sé un orfanello.

Anguilla non aveva capito subito di essere un figliastro. Certo, la cosa che più lo aveva amareggiato era il fatto di non sapere dove era nato, ma sicuramente non era nato in quel posto.

2.1 Per Anguilla non ha alcun senso andare da un’altra parte, cercare un altro posto, magari più vicino o coincidente con il suo luogo di nascita, poiché in realtà  non sa dove è nato veramente. Quello, la Gaminella, è il posto cui si sente più legato, perché è il primo di cui conservi un ricordo. Il motivo profondo del suo viaggio alla ricerca delle proprie radici lo dice lo stesso protagonista-narratore, quando afferma che una persona alla fine si stanza di girare per il mondo e “cerca di mettere radici, di farsi terra e paese, perché la sua carne valga e duri qualcosa di più che un comune giro di stagione”.

2.2 Anguilla consapevolmente ripete la denominazione di quei luoghi che lo hanno visto da ragazzo e che adesso sta ripercorrendo, notandone i cambiamenti. Questo è un modo per fissarseli nella memoria e non farli sfuggire più, per consolidare quelle radici che sembravano perse per sempre, per riaffermare la propria identità  e la propria storia. Il ricordo quindi è fondamentale. È importante riscoprire i posti, risentire gli odori e provare di nuovo le sensazioni che avevano caratterizzato la sua infanzia.

2.3 Il protagonista esprime in questo modo inconsapevolmente la profonda angoscia, perché non sa il nome di suo padre e, soprattutto, di sua madre (quella ragazza che l’ha lasciato ai piedi della scalinata del Duomo di Alba). Insomma Anguilla non sa se è stato desiderato, se è stato voluto, prima di nascere, oppure se è nato un po’ per caso, come farebbe supporre il fatto di essere stato lasciato l’.

2.4 L’insistenza sulla parola carne sottolinea ancora di più il desiderio di quello che al protagonista manca, e che non potrà  mai avere integralmente: una famiglia d’origine. Gli manca quel legame di sangue, per cui poter riconoscere un’unione, un’affinità , una comunanza, una somiglianza, un’identità  che possa distinguere un uomo da tutti gli altri, una carne, appunto, da tutte le altre carni, perché c’è un momento nella vita in cui uno vuole capire da dove viene e chi lo ha preceduto.

2.5 L’esperienza di Anguilla gli ha consentito di aprirsi al mondo, di conoscere diverse popolazioni, di girare per diversi luoghi. Questo gli ha permesso di riconoscere che tutti gli uomini sono uguali per dignità  e per importanza. Ma adesso il protagonista si rende conto che la sua esistenza potrebbe scorrere senza lasciare traccia, se non ritorna, se non si lega alla sua terra, se non consolida questo legame ancestrale, originario.

2.6 I bastardi dell’ospedale sono gli orfani abbandonati, che non hanno appunto dei genitori, per i quali si danno cinque lire al mese (uno scudo d’argento) alla famiglia che li adotta. Solo dopo tanto tempo Anguilla ha capito di essere un bastardo, non nel senso di un insulto generico, simile a vigliacco o vagabondo, come credeva quando a scuola i suoi coetanei lo chiavano cos’, ma nel senso vero e proprio di orfano, figlio senza genitori. Solo allora ha capito che erano proprio dei miserabili quelli che l’avevano allevato solo per godere di questo sussidio.

3. Nel protagonista, è chiaro fin dalle prime righe il risentimento per la sua esistenza da “bastardo”, priva di origini, di veri legami che lo possano unire a quei luoghi. È evidente il tema della ricerca di un’identità  chiara e precisa di cui ogni individuo ha bisogno, per vivere serenamente. Comunque, lui non troverà  mai questa identità , anche se si accorgerà  di essere molto legato alle zone collinari nelle quali ha trascorso l’adolescenza. Per accorgersi di tutto ciò ha però dovuto viaggiare a lungo e allontanarsi enormemente da quei luoghi, emigrando in America. Solo cos’ è cambiato: da povero ragazzo alle dipendenze di altri si trova ad essere maturato e soprattutto ricco e abbastanza conosciuto. Lui è molto diverso, ma al contrario, i luoghi sono sempre i medesimi, la cultura contadina è rimasta la stessa con le sue credenze (per esempio quella sulla luna e sui falò), le persone sono altre, ma hanno tutte qualcosa in comune con le generazioni passate.

Riaffiorano nella memoria, gli anni dell’infanzia e della giovinezza, dopo che era stato accolto ed allevato da una povera famiglia, nel «casotto» sulla collina di Gaminella. Le persone da lui conosciute sono scomparse e i luoghi stessi sembrano mutati. È rimasto solo Nuto, il compagno di un tempo, con cui vengono rivissute le vicende del passato, quando Anguilla, passato al servizio di un ricco possidente, il sor Matteo, si recava alle feste dei paesi vicini, dove Nuto suonava il clarino. La presenza dell’amico, più vecchio e posato, si era rivelata decisiva: Nuto gli aveva insegnato «molte cose», dandogli il suo sostegno e aprendogli gli occhi di fronte alle dure realtà  della vita. Adesso Nuto (che rappresenta la maturità  di chi non è corso dietro ai sogni, ma è rimasto fedele alle proprie radici) ha anche il compito di colmare il vuoto degli anni in cui il protagonista è rimasto lontano. Egli viene cos’ informato delle sventure che hanno colpito le figlie del sor Matteo, in particolare la più giovane, Santa, che è stata uccisa dai partigiani. Ma neppure il dopoguerra ha portato la pace: il rinvenimento di alcuni cadaveri, che ispira a Nuto sentimenti di pietà , offre l’occasione per rinfocolare gli odi e le divisioni di parte. Nel frattempo il protagonista ha conosciuto Cinto, un povero ragazzo storpio, che abita adesso nel «casotto» della Gaminella ed è costretto a subire i maltrattamenti del padre, il Valino. Questi, vittima della miseria e colpito da un’improvvisa crisi di follia, da fuoco all’abitazione; solo Cinto riesce a salvarsi, assistendo nascosto alla scena, pronto a difendersi con il coltello che gli ha regalato lo stesso protagonista, al quale non rimane altro da fare che abbandonare il paese, dopo aver affidato a Nuto l’avvenire di Cinto. Il proposito di sistemarsi definitivamente nella terra d’origine è dolorosamente fallito.

Pavese non ha mai dimenticato le sue colline. Anche quando rifletteva sulla vita ripercorrendo topoi letterari (Dialoghi con Leucò) o descriveva la vita della città  (La bella estate), l’unico punto di riferimento certo erano proprio le Langhe sulle quali aveva giocato da ragazzo e sulle quali i partigiani avevano costruito la loro epopea di lotta per la libertà  (La casa in collina). Certo nessun testo di Pavese mostra più profondamente questo legame con le proprie radici quanto il romanzo La luna e i falò, che si presenta come una sorta di testamento spirituale da consegnare alle generazioni future, nell’imminenza di quell’unico atto che lo liberò, o lo allontanò, per sempre dal faticoso ma misterioso “mestiere di vivere”, quale fu appunto il suo suicidio nel 1949, pochi mesi dopo la pubblicazione di questo romanzo. Forse la ragione più profonda del ritorno di Anguilla alla Gaminella è proprio questa: riscoprire le proprie radici per capire meglio se stessi, il motivo per cui si è al mondo, motivo che disperatamente sembra sfuggire e mancare. Come non farsi venire in mente Proust e le sue maddalenine, Leopardi e le sue Silvie e Nerine, Foscolo e la sua Zacinto, Montale e le sue immagini evanescenti nell’acqua di un secchio e Pascoli e i suoi ricordi di infanzia ne “La mia sera”, per capire che da sempre la letteratura non è altro se non un viaggio alla riscoperta di se stessi e del proprio passato nella speranza, o nell’illusione, che l’ ci sia la chiave di volta per spiegare ciò che razionalmente non riusciamo a spiegare: la nostra condizione umana e il senso della nostra esistenza.

Schematizzazione della poetica di Pavese:

  • Creazione di una narrativa immediata e incisiva, diversa dalla prosa d’arte tipica della letteratura italiana nel periodo fascista, sul modello della letteratura americana, che Pavese stesso contribu’ a diffondere con le sue traduzioni, anche se la sua narrativa non è semplicisticamente riconducibile all’etichetta di “neorealista”.
  • La poesia-racconto di Lavorare stanza contrapposta alla coeva poesia ermetica, per il suo andamento prosastico, i versi lunghi, gli ambienti popolari, i dialoghi dei personaggi che scardinano l’autoreferenzialità  della poesia italiana.
  • La sacralità  rituale della campagna, da cui emergono miti riposti nel fondo della coscienza.
  • La solitudine irriducibile a qualsiasi motivo consolatorio, sentita come un destino ineluttabile, odiata perché giustificazione di una passività  ontologica, ma nello stesso tempo cercata perché strumento necessario per lo scavo interiore.

Luigi Gaudio

Audio Lezioni su Cesare Pavese del prof. Gaudio

Ascolta “Cesare Pavese” su Spreaker.