Applicazioni mediche delle cellule staminali

3.1. MEDICINA RIGENERATIVA

La maggior parte delle malattie che la medicina non riesce ancora a curare sono le malattie dovute alla degenerazione dei tessuti umani. Fino all’Ottocento le malattie che mietevano più vittime erano quelle causate da virus (vaiolo, epatite, poliomielite) o da batteri (peste, tubercolosi..) ed erano malattie infettive. Nel Novecento, nella parte di mondo industrializzato, gran parte delle malattie infettive sono state debellate (ad eccezione, per esempio, dellAids) e le malattie che mietono più vittime sono quelle collegate al malfunzionamento dei tessuti che compongono gli organi (cancro, malattie cardiache, ictus ecc..).

La nuova frontiera della medicina è quindi la lotta a queste malattie, e le cellule staminali sicuramente sono uno strumento molto importante per la lotta di queste patologie.

Il grafico sottostante è utile per capire le cause di morte attuali e quelle di inizio secolo.

Epidemiologia veterinaria: malattie dell'uomo nell'ultimo secolo

(fonte: http://www2.unipr.it/~bottarel/epi/intro/mal_uom.htm)

La medicina che si occupa di queste malattie è detta medicina rigenerativa. Le malattie che si propone di curare sono tutte quelle legate a un’alterazione di tessuti:

Le malattie che alterano le cellule nervose come: il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer, il morbo di Lou Gherig; i vari tipi di scl’erosi
Le malattie che alterano le cellule muscolari come le distrofie muscolari.
Malattie che alterano diversi organi del nostro corpo: il diabete che altera il pancreas, la cirrosi epatica il fegato.
L’infarto, legato alla morte di cellule cardiache
I tumori che danneggiano le più svariate parti del corpo: le leucemie, il tumore celebrale, il tumore al seno ecc..

Per la cura di queste patologie, fino a poco tempo fa incurabili, si può ricorrere a trapianti di organo, di tessuto, o di singole cellule. L’idea di curare alcune malattie con trapianti di organi, o addirittura di cellule, nel caso del midollo osseo, non è nuova. Sin dall’inizio del Novecento i medici hanno iniziato a utilizzare queste tecniche. Ora però i meccanismi sono un po più chiari e con le cellule staminali si sono aperte nuove possibilità:

·         Le staminali potrebbero un giorno portare alla fine delle lunghe liste dattesa per i trapianti; infatti, se si trovasse il modo di generare interi organi grazie a queste particolari cellule, il problema della disponibilità di organi svanirebbe.

·        

Le staminali potrebbero portare alla fine stessa della pratica del trapianto, che è ancora molto invasiva e spesso problematica. Questo se un giorno, dopo aver compreso in modo efficace tutti i meccanismi delle staminali, si riuscisse a fornire nuove cellule agli organi ammalati, semplicemente iniettando cellule staminali.

·         Unulteriore metodo di terapia allo studio è quello di immettere nel corpo umano fattori di crescita specifici, che facciano in modo che le staminali già presenti nei tessuti da curare, aumentino la loro attività e si moltiplichino.

Queste sono le prospettive, molto promettenti della medicina rigenerativa. Purtroppo rimangono ostacoli tecnici ed etici molto rilevanti. Di seguito, schematicamente, riporto i pregi e i difetti delle staminali embrionali e di quelle adulte, nell’ambito della ricerca e dellapplicazione clinica.

 

STAMINALI ADULTE

Pregi:Reperibili nei tessuti umani; no rischio di tumori

Difetti: Difficilmente moltiplicabili in vitro

 

STAMINALI EMBRIONALI

Pregi: Grande capacità proliferativa, possibilità di creare tutti i tessuti esistenti

Difetti: Rischio di tumori

 

Ora vorrei fornire qualche esempio di terapia che si basa sulle cellule staminali già esistente, e qualche terapia in fase di studio.

Torna all’indice della tesina La scoperta delle cellule staminali: Aspetti scientifici e filosofici di Cristiano Parisi