Chi è questa che v’èn, ch’ogn’om la mira di Guido Cavalcanti

Chi
è questa che
v’èn,
ch’ogn’
om
la mira,

che
fa tremar di
chiaritate
l’
âre

e
mena seco Amor, sì che parlare

null’
omo
pote,
ma ciascun sospira?

O
Deo,
che sembra quando li occhi gira
,  5

dical
Amor, ch’i’
nol
savria
contare:

cotanto
d’umiltà donna mi pare,

ch’ogn’altra
ver’ di lei i’ la
chiam
ira.

Non
si
poria
contar la sua piagenza,

ch’a
le’
s’
inchin
ogni gentil
vertute10

e
la
beltate
per sua dea la mostra.

Non
fu sì alta già la mente nostra

e
non si pose ’n noi tanta salute,

che
propiamente
n’
aviàn
conoscenza.