Classe Prima D: un’esperienza indimenticabile

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

tema svolto di Marianna Diterlizzi

Quest’anno ho frequentato la classe 1^D, la prima del liceo scientifico bilingue Gian Battista Vico: è stato l’anno scolastico più bello di tutta la mia vita. In questo anno ho imparato moltissime cose nuove, oltre che dal punto di vista didattico, anche dal punto di vista umano; mi sono trovata a diretto contatto con una nuova realtà, che, al contrario delle medie, mi imponeva responsabilità e costanza; mi sono trovata davanti professori che non mi trattavano più come una bambina, ma pretendevano da me, come da tutti i miei compagni, molto. C’è stato moltissimo da studiare e inoltre il programma è stato approfondito con attività o uscite scolastiche, ecco alcuni esempi: c’è stata una conferenza in onore di Giorgio Gaber, e il professor Gaudio ci ha introdotto l’argomento cantando alcune canzoni dell’artista; abbiamo approfondito il concetto di bullismo, della vita in carcere e dei danni della droga visitando La Casa del Giovane di Pavia e parlando con uno stesso ex bullo condannato all’ergastolo e, infine, abbiamo approfondito il concetto di città antica per Storia dell’ Arte visitando la città di Brescia e, dividendoci in gruppi, realizzando delle diapositive riguardanti alcune città. Ma oltre che dal punto didattico, come già detto la scuola si è preoccupata del nostro rapporto sociale, organizzando una gita a inizio anno ai Forti di Genova, nella quale io e i miei compagni ci siamo conosciuti meglio, il che è fondamentale dato che dovremmo passare insieme cinque anni molto importanti per la nostra vita; per il medesimo scopo, sempre a inizio anno, è stato organizzato un pranzo al quale oltre a noi alunni hanno partecipato anche i genitori e gli insegnanti. Nel corso dell’anno sono state effettuate anche altre attività che sono servite a farci fare attenzione al mondo esterno, come ad esempio il corso di educazione stradale o l’attività che ci ha presentato i rischi del fumo e quindi quanto è preferibile per la nostra salute non fumare. Non sono mancate inoltre uscite che avevano l’unico scopo di farci divertire, come la giornata al Forum di Assago dove abbiamo pattinato sul ghiaccio e inoltre abbiamo effettuato altri corsi a nostra scelta. Comunque mi devo ritenere molto fortunata, poiché parlando con alcune mie amiche che frequentano altre scuole, ho capito che non è scontato di capitare in una classe fantastica come la prima D. Con i miei compagni è stato facile socializzare poiché sono delle persone fantastiche sempre pronte a scherzare e, quando ce ne bisogno, a sostenerti, e quindi oltre che come ottimi compagni di classe ho imparato a volergli bene anche da amica. Concludo quindi questo tema dicendo che quest’anno è stato una tappa di fondamentale importanza per la mia vita, e spero che il prossimo anno scolastico sia altrettanto divertente e, soprattutto, altrettanto educativo.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: