Concorso Dirigenti ammessi orale: percentuali bassissime, ma fiducia nelle commissioni – di Luigi Gaudio

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

I dati provenienti da Molise e Umbria confermano la severità nella selezione degli idonei all’ orale del Concorso Dirigenti Scolastici. Se in Friuli era passato il  31%, in Umbria il 34% e in Molise solo il 18%. Confidiamo comunque nella serietà della commissione, che evidentemente si è trovata dinanzi degli elaborati non adeguati, in base ai criteri adottati.


A questo proposito, riporto qui sotto un’acuta osservazione di una aspirante dirigente:
“A breve usciranno i risultati relativi alle altre regioni. Ho la sensazione che la quota di ammissione del 30% possa essere “comune”, probabilmente saranno arrivate disposizioni in tal senso. Ho letto cose non piacevoli sulla prima commissione che ha terminato i lavori, e io non mi trovo d’accordo, pur rispettando le opinioni di tutti. Ritengo che si sia guardato ai dimensionamenti e, in generale, alle proiezioni occupazionali future, che non sono certo rosee, e che si sia alzata la soglia (non dimentichiamo che il minimo è il “7”, non il “6”, che, di per sé, è comunque un voto sufficiente, anche se non per l’ammissione). Mi piace pensare che tutti abbiano lavorato con correttezza e professionalità, come sempre dovrebbe essere. Ritengo anche che la soglia di ammessi potrebbe essere più alta nelle regioni del sud, visto che, non avendo proceduto agli stessi tagli operati da tempo nel nord, i numeri potrebbero mettere in sincera difficoltà e imbarazzo la questione del “dopo”. Si spiegherebbe così anche “l’accantonamento” di posti del FVG e, a questo punto, potrebbe anche essere possibile che ciò avvenga da parte di altre regioni. Auguro dunque buon lavoro alle commissioni, impegnate nel difficile compito della valutazione, che, pur oggettiva che sia, mette in campo una pluralità di aspetti, “tecnici” ma anche umani.” di Lorenza Pellegrini

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: