Festa Patronale 2012 – incontro con le autorità civili

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità
“Non esiste autorità se non proviene da Dio; essa infatti è a servizio di Dio in tuo favore, perché tu compia il bene”.
Queste esortazioni che S. Paolo rivolgeva ai primi cristiani di Roma, fanno parte della mentalità del Popolo Cristiano.
“La storia del popolo di Milano (e di Corsico) infatti è ricchissima di cultura e di Fede” – così il Papa si è rivolto a tutti noi nel giugno scorso quando è venuto a Milano.
Non trovo quindi parole più degne per questo primo incontro con le Autorità civili di Corsico, che quelle del Santo Padre.
“Tale ricchezza ha innervato l’arte, la musica, la letteratura, la cultura, l’industria, la politica, lo sport e le iniziative di solidarietà di Milano e dell’intera Arcidiocesi”. E che pullulano a Corsico!
“Spetta ora a voi – continua il Papa – eredi di un glorioso passato e di un patrimonio spirituale di inestimabile valore, impegnarvi per trasmettere alle future generazioni la fiaccola di una così luminosa tradizione.
Conservando quindi – conclude il Papa – la linfa delle sue radici e i tratti caratteristici della sua storia, la nostra città è chiamata a guardare al futuro con speranza, coltivando un legame intimo e propulsivo con la vita di tutta l’Italia e l’Europa. Nella chiara distinzione dei ruoli e delle finalità, la Milano positivamente laica e la Milano della Fede, sono chiamate a concorrere al bene comune”.
Il primo segno visibile che mi ha colpito di questo scopo unitario del Bene Comune del nostro Popolo, è questa Festa che attinge la sua origine nella certezza che, come Santa Monica, ciascuno di noi è sotto lo sguardo amorevole  e colmo di tenerezza della Madre di Cristo e Madre nostra.
“Non temere Maria, le disse l’Angelo; non temere dice a ciascuno di noi, donne e uomini di questo tempo, attanagliati da un groviglio di problemi che sembrano infiniti e insolubili!
Non temere, dice la nostra Madonna della Cintura alle donne e agli uomini di Corsico; agli anziani e ai bambini, ai Politici e ai Preti e soprattutto ai bisognosi, alle persone sole e ai poveri; a chi ha fame e sete di giustizia, a chi cerca e ama la verità più di se stesso, a chi si lascia trascinare dalla ricerca e dallo stupore del bello, del vero, del buono!
“Il Signore è vicino a chi ha il cuore ferito e ama chi dona con gioia”:
Grazie per quello che avete fatto e farete per il nostro Popolo!

Consapevoli sempre più che “LA CORSICO POSITIVAMENTE LAICA E LA CORSICO DELLA FEDE, SONO CHIAMATE INSIEME A CONCORRERE AL BENE COMUNE”.

Corsico – 8 settembre 2012                                                                                     Don Savino 
Pubblicità
shares