Franco Trisciuzzi, tra i migliori chitarristi Blues/Swing nazionali canta “My mother’s eyes” e presenta la leggendaria “FREEDOM” (Libertà ) di Richie Havens – (Woostok 1969.

Nell’ambito della Celebrazione annuale organizzata dal Comitato per la Pace Danilo Dolci, assieme al comitato permanente Ondina Peteani, nella storica Piazza Guglielmo Oberdan, mercoled’ 9 maggio 2018, presso il palazzo dove venne insediato il Comando delle famigerate SS naziste in cui venne segregata Ondina Peteani, l’artista Franco Trisciuzzi, tra i migliori chitarristi Blues/Swing nazionali ha cantato il magnifico brano “My mother’s eyes” (chitarra acustica e voce). 
Al termine ha presentato la leggendaria “FREEDOM” (Libertà ) di Richie Havens cui venne affidata l’apertura del mitico concerto di Woostock del 1969, imperniato sulla ribellione giovanile statunitense alla Guerra del Vietnam. Venne accolto da un’immensa ovazione e continuò a suonare bis fino a esaurire tutto il proprio repertorio. Alla fine, decise di improvvisare una versione del brano Motherless Child con l’aggiunta della parola “Freedom” ripetuta a oltranza.
Un grazie particolare a Franco Trisciuzzi.
Grazie a Piero Caenazzo per il contributo in post-produzione.