I PELLEGRINAGGI – medioevo e oggi

I PELLEGRINAGGI
          Etimologia » dal latino peregrinus, “straniero”
          È un viaggio meditativo di santificazione verso mete sacre dove poter entrare in contatto con Dio
       » non è un viaggio di piacere né nato da esigenze economiche, ma di purificazione e conversione
       » il medioevo era caratterizzato da un grande movimento che si realizza su diversi piani, economico
          (sviluppo dei commerci con i mercanti), culturale (università e realtà nate dal basso), sociale (con
           la nascita dei pellegrinaggi, nati come movimento religioso)
          Caratteristiche » prova fisica » viaggio pericoloso per intemperie e attacchi dei briganti
                               » prova morale (durante il viaggio perde i contatti con la comunità originaria e si
                                  ritrova straniero rispetto ai luoghi che attraversava)
                               » metaprecisa verso un luogo sacro
                               » ricompensadi ordine spirituale (perdono dei peccati, meriti presso il Signore) o
                                  materiale(guarigione da una malattia, grazie ricevute…)
          Pellegrino » nel passato riconoscibile nell’aspetto (bastone, bisaccia, mantello con grande cappuccio)
                        » indossando nuovi abiti il fedele abbandonava la propria vita quotidiana
                        » le autorità offrivano salvacondotti per agevolare gli attraversamenti di alcune città
                        » era quasi un obbligo morale accogliere i pellegrini in viaggio (accolti anche da privati,
                           perché per la mentalità comune era un atto lodevole di misericordia cristiana)
                        » erano soggetti a immunità » ritenuto empio e massimamente spregevole attaccare un
                           pellegrino in cammino, ti escludevano anche dalla comunità, perdevi la tua identità
                        » sorgono strutture di accoglimento (vie del pellegrinaggio, monasteri, ospedali…)
          Riti » una volta arrivati preghiere, abluzioni, gesti simbolici, richieste alle divinità
             » dai quali dipendeva il significato del viaggio e l’ottenimento della ricompensa
             » viaggi si svolgono a piedie duravano settimane o mesi e senza tutte le strutture di soccorso
          Mete » numerose e sparse in tutto il mondo
                » Roma » arrivo presso le tombe degli apostoli Pietro e Paolo
                              » i pellegrini che andavano a Roma si chiamavano “romei”
                » Santiago de Compostela» nella Spagna nord-occ dove era sepolto l’apostolo Giacomo
                                                           » chiamata anche “mata moros” perché S. Giacomo è colui che ha
                                                              preso le armi contro i musulmani e difese il cristianesimo
                » Loreto » nelle Marche dove dal XIII sec si venera la reliquia della “Santa Casa” dove Maria
                                  ricevette l’annunzio dall’arcangelo Gabriele
                » Terrasanta » per pregare i luoghi dove Gesù ha predicato, è stato crocifisso ed è risorto
                                       » i pellegrini diretti a questo luogo santo si chiamavano “palmieri”
          Economia » era importante testimoniare la propria impresa, portando delle prove dell’esperienza
                        » piccoli oggetti che sono entrati in contatto con i luoghi o le reliquie del santo