Il compagno Don Camillo

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Giovannino Guareschi

Relazione di narrativa

TITOLO: Il compagno don Camillo

AUTORE: Giovannino Guareschi, che visse dal 1908 al 1968, scrisse questo libro parlando del comunismo e della politica attraverso la satira.

RIASSUNTO: i protagonisti di questo brano sono Peppone (sindaco del paese)e don Camillo (prete del paese).Entrambi erano iscritti al partito comunista e quindi secondo i principi di questo regime bisognava diversi tutto, cosa che non voleva Peppone appena vincitore di 10000000 lire al totocalcio, perciò prese il nome di Pepito Bottazzi.Don Camillo si accorse che quello era il nome di Peppone e quindi lo ricattò costringendolo a recarsi in Russia per una gita-premio con i 10 eletti.

Arrivati in Russia e conosciuti i compagni Petrovna e Oregov, responsabili della loro gita, scoprono e vedono la Russia patria del socialismo e conoscono le persone russe. Sempre in competizione per i loro stessi ideali,essi si provocano e stuzzicano continuamente. Dopo avere riconosciuto che tutti gli eletti appartenenti alla loro cellula sono venuti qui non per il comunismo ma per obiettivi personali, si imbarcano e tornano a casa sani e salvi anche dopo essere usciti indenni da un naufragio grazie alla vera identità di don Camillo che si mostra prete, dato che era rimasto sotto un travestimento a causa dell’odio dei socialisti riguardo i preti. Ormai a casa dopo sei mesi di lontananza, don Camillo e Peppone, si ritrovano davanti un fuoco pensando che sia passata una eternità dalla loro esperienza.

PERSONAGGI:

Peppone: esasperato da don Camillo, quando può anche lui provocatore.

Don Camillo: rende un inferno la gita a Peppone, è astuto e abile parlatore.

Nella vicenda compaiono come personaggi tutti i membri della cellula “Kruscev”, gli accompagnatori russi Petrovna e Oregov e  alcuni contadini di un villaggio fatto vedere alla cellula nei pressi di Mosca.

SPAZIO: La vicenda si svolge in Russia e compaiono sia spazi aperti sia chiusi.

TEMPO: La vicenda si svolge circa in 6-7 mesi. Compaiono analessi e prolessi

STILE: Il linguaggio è comprensibile, però compaiono sia il latino per celebrare la messa sia il russo quando parlano il capitano dell’imbarcazione e il compagno Oregov.

TECNICHE NARRATIVE: Compaiono alcuni monologhi interiori soprattutto nel finale, ma è molto usato il discorso diretto.

NARRATORE: Il narratore non è interno alla vicenda però assume il punto di vista dei personaggi.

TEMATICHE: Questo testo ci fa riflettere sulla politica e quindi è ancora attuale.

COMMENTO: A me non piacciono i libri politici però questo è piacevole perché è molto comico.

Pubblicità
shares