Il fungo


di Maria Paola Viale

La scienza che studia i funghi è la Micologia, dal greco “mikes”, fungo, e “logos”, studio scientifico. I funghi sono vegetali, ma al contrario di tutte le piante verdi, non sono in grado di ricavare dal terreno o da altri eventuali substrati inorganici il nutrimento che è loro necessario per sopravvivere. Il regno dei funghi (in latino Fungi) o miceti, classificati scientificamente da Linneo nel 1753.

I funghi rappresentano un gruppo di organismi viventi, paragonabili a vegetali molto atipici perché sono sprovvisti di clorofilla.

Essi possono assomigliare alle piante verdi per due motivi:

*    sono immobili;

*    si riproducono però per mezzo di spore, che si possono paragonare ai semi dei vegetali superiori.

Però i funghi non hanno fusto, radici o foglie e sono sprovvisti del sistema linfatico delle piante.

Come qualsiasi organismo vivente, anch’essi sono formati dall’insieme di un numero indefinito di cellule, dove per cellula intendiamo il sistema base delle struttura e del funzionamento di ogni organismo vivente.

La parte principale dell’organismo fungino è formato da una sottile ed intricata rete di filamenti biancastri, chiamate ife miceliari, che si diramano nel suolo e nel terreno sottostante, talvolta anche per parecchie decine di metri di lunghezza.

Quello che si raccoglie come “fungo” è la fruttificazione.

Essi hanno la le seguenti caratteristiche:

  • Alimentazione eterotrofa
  • Completa mancanza di tessuti differenziati e di elementi conduttori
  • Sistema riproduttivo attraverso elementi detti spore

(fonte: wikipedia)

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria

Un pensiero su “Il fungo

I commenti sono chiusi.