Il furto della verginità di Alda Merini

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Il furto della verginità di Alda Merini

Il mio primo trafugamento di madre

avvenne in una notte d’estate

quando un pazzo mi prese

e mi adagiò sopra l’erba

e mi fece concepire un figlio.

 

O mai la luna gridò così tanto

contro le stelle offese,

e mai gridarono tanto i miei visceri,

né il Signore volse mai il capo all’indietro

come in quell’istante preciso

vedendo la mia verginità di madre

offesa dentro a un ludibrio.

 

Il mio primo trafugamento di donna

avvenne in un angolo oscuro

sotto il calore impetuoso del sesso,

ma nacque una bimba gentile

con un sorriso dolcissimo

e tutto fu perdonato.

 

Ma io non perdonerò mai

e quel bimbo mi fu tolto dal grembo

e affidato a mani più “sante”,

ma fui io a essere oltraggiata,

io che salii sopra i cieli

per aver concepito una genesi.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: