Il sentiero dei nidi di ragno

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Italo Calvino

relazione di narrativa di Tinku Poggi

Titolo: ‘Il sentiero dei nidi di ragno’

Autore: Italo Calvino è nato a Siena nel 1923 ed è morto nel 1985. La prima opera (romanzo) che scrive è proprio il Sentiero dei nidi di ragno.

Riassunto: Il romanzo inizia descrivendo Pin ed il luogo in cui abita: il Carruggio. Pin è un ragazzo amato e allo stesso tempo odiato da tutti. Si sente troppo grande per stare con i ragazzi della sua età che lo detestano e con cui non va mai d’accordo, ma è troppo piccolo per stare con i grandi che sono così diversi ed incomprensibili con i loro continui cambiamenti di umore ed i loro discorsi a volte così complicati per lui. Siamo verso la fine della seconda guerra mondiale e anche gli uomini del Carruggio si stanno preparando per prendere parte alla Resistenza. Viene imposto a Pin di rubare la pistola del marinaio tedesco che si incontra con sua sorella, ma una volta rubata gli uomini “razza ambigua e traditrice”, come dice lui, sembrano non essere più interessati a quell’oggetto. Pin fugge dall’osteria dove era andato ad incontrarli, ma dopo aver nascosto la pistola viene catturato dai tedeschi.
Il giorno dopo sarà interrogato e messo in prigione. Lì troverà Lupo Rosso che sembra essere l’amico che ha cercato per tanto tempo. Insieme fuggono dalla prigione, ma subito fuori viene abbandonato a se stesso e sarà allora che, girando di notte per la campagna, incontrerà il Cugino. Il Cugino è un uomo appartenente al distretto del Dritto; sono partigiani e lottano contro i tedeschi per la libertà. Pin passa un periodo abbastanza lungo con loro, tra una battaglia e l’altra. Alla fine scoprirà che anche quello non è posto per lui e fuggirà anche da lì e, vagando per la campagna, incontrerà di nuovo il Cugino e sarà allora che si accorgerà che è lui l’amico che ha cercato per tanto tempo.

Personaggi: Pin è il personaggio principale della storia.
Fin da piccolo ha cercato spazio nel mondo dei grandi pur non capendo il loro strano modo di ragionare, infatti durante la giornata cerca clienti per sua sorella, prostituta conosciuta in tutto il paese come la Nera di Carrugio Lungo. Non gioca con i coetanei, ma al contrario ha sempre cercato la stima degli adulti, che cercava di far ridere cantando canzoni su di cose che lui neanche capisce (come il sesso e la guerra).
Nonostante i suoi dieci anni, Pin ha vissuto esperienze da adulto, infatti lavorava in una bottega come calzolaio e faceva “pubblicità” alla sorella, ma questo non ha cambiato il suo modo di ragionare e di sognare, tipico di un bambino, tanto che non riesce a distinguere il bene dal male a causa della superficialità con cui supera le difficoltà.
Frequenta un’osteria dove si ritrovano gli adulti che con lui parlano molto, ma lo usano per calmare i momenti di tensione con le filastrocche cantate o per scopi personali, come quando gli ordinano di prendere una pistola.
Pin non ripone fiducia in quelle persone così diverse da lui, infatti non dirà a nessuno di loro il suo posto magico e segreto il sentiero dove fanno il nido i ragni.
CUGINO : Il bambino protagonista conosce quest’uomo quando scappa nei boschi dopo essere stato in prigione. È un uomo possente, alto, curvo su sé stesso, con i baffi, vestito sempre con una mantellina e un berretto di lana. È un partigiano, ma di quelli che credono in quello che fanno e che sanno perché fanno la guerra: perché vogliono la libertà. È un misogino, infatti odia le donne, al punto da pensare che loro abbiano voluto il conflitto. Questa sua convinzione è dovuta ai frequenti tradimenti che la moglie gli faceva quando lui era in guerra.
È questo personaggio a condurre Pin nel distaccamento del Diritto, dove lo conosce meglio e sarà poi lui a diventare l’Amico.
Quest’uomo possente nasconde in sé una dolcezza e una semplicità di sentimenti che lo portano ad essere un grande-piccolo, ma fermo negli ideali, proprio la persona che Pin il bambino-vecchio, stava cercando. Infatti il cugino pare non voler fare parte del mondo dei grandi con donne, guerra, sembra che abbia ancora la voglia di ascoltare con interesse un bambino.
KIM : il romanzo è dedicato a lui. È un personaggio che cerca e vuole certezze. Crede in quello che fa ed è il capo dei partigiani. Appare tardi sulla scena, infatti arriva la notte prima della battaglia e porta dentro la freddezza della guerra il bisogno di riflettere sulle motivazioni profonde che animano partigiani e repubblichini. Sa che c’è bisogno di certezze, ma non può rinunciare alle domande, soprattutto a quelli più radicali.
LUPO ROSSO : è il primo fra i partigiani che incontra Pin. Il suo nome di battaglia fa già capire i suoi ideali tipicamente comunisti. Ha sedici anni, è grande e grosso, con la faccia gonfia e livida e porta sempre un berretto alla russa.
È un ragazzo introverso con ideali molto sicuri in cui crede fermamente. Possiede molta fama fra i partigiani e sono tanti a stimarlo per le sue azioni di guerra. Scappa dalla prigione con Pin per vedere con lui il posto magico del bambino, ma durante il tragitto si perdono e si separano. Si rincontrano poi durante la guerra, nonostante siano in due distaccamenti differenti.
E’ per Pin una persona da cui attingere forza e coraggio, poiché Lupo Rosso sarà uno dei pochi esempi di coerenza e di fermezza che incontrerà sul suo cammino
IL DRITTO : è il comandante del gruppo partigiano di cui fa parte Cugino. Per tutta la durata del libro rimane un comandante forte, che sa guidare i suoi uomini in battaglia e sa farsi rispettare da loro, fino a quando per via dell’amore che prova per la Giglia, la moglie di Mancino, non brucia tutto il capanno in cui risiedeva tutta la brigata. Questo gesto di incapacità attira i tedeschi nel luogo in cui erano nascoste tutte le brigate e lo porterà ad essere fucilato alla fine del libro.

Spazio e Tempo: Il romanzo è ambientato sulle colline liguri dove si svolsero le guerre tra partigiani e tedeschi e in un paese sul mare che richiama immediatamente Sanremo, il paese natale d’origine della famiglia di Italo Calvino.
Lo spazio è esterno per le azioni di guerra, mentre lo spazio interno si identifica nella sede del distaccamento partigiano. Importante è anche l’episodio della detenzione di Pin in carcere.
La vicenda si svolge durante la Seconda Guerra mondiale.

Stile: Il testo è molto scorrevole e i dialoghi sono scritti con un linguaggio quotidiano. C’è una particolare attenzione alla descrizione dei personaggi principale e dei luoghi dove si svolgono le azioni di guerra.

Narratore: Il narratore è onnisciente, nonostante il libro sia narrato in terza persona. Il suo scopo è quello di cercare di raccontare e descrivere i fatti dal punto di visti delle persone di basso rango, ovvero da chi non può nulla contro i conflitti eppure è costretto a prendervi parte, in questo caso questa persona è Pin.

Tematiche: La tematica principale di questo libro è la ‘Guerra’. Poi si parla anche di prostituzione, organizzazioni partigiane, fascismo…….

Commento: La parte iniziale del libro non mi è piaciuta perché a ritmi molti lenti, ma piano piano la storia segue un ritmo sempre più incalzante e riesce coinvolgerti completamente nella lettura. Il libro è abbastanza difficile da comprendere perché utilizza un linguaggio dialettico e non sempre lineare e parla di tematiche molto difficili di comprensione, ma sono riuscito a capire tutto anche se con qualche difficoltà e mi ha fatto riflettere molto.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: