IRONIA

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

L’ironia è un modo di esprimersi per cui si dice una cosa, ma si lascia intendere l’esatto contrario. Da sempre l’ironia è la marca costitutiva dell’artista che guarda disincantato gli atteggiamenti incoerenti o assurdi degli altri uomini, che si mettono in ridicolo da soli, semplicemente presentandoli così come sono al lettore, senza che l’autore debba spiegarlo.

 

LATINO

·        L’ironia nel Satyricon di Petronio tende a colpire l’ipocrisia delle concezioni morali tradizionali o stoiche, basate su una virtus che non sempre poi viene attuata con coerenza in tutte le situazioni (es.: la matrona di Efeso).

·        Negli epigrammi satirici di Marziale l’ironia è lieve. C’è leggerezza nello stile, nei contenuti e nelle espressioni.

·        Giovenale mette alla gogna le ipocrisie umane nelle sue Satire. Il tono è duro, aggressivo ed esplicito

 

ITALIANO

·        L’ironia è amara nelle operette morali di Leopardi. Per esempio nel Dialogo di un folletto e uno gnomo si ironizza sulla pretesa dell’uomo di essere al centro del cosmo, oggetto di un privilegio che non condivide con tutti gli altri esseri dell’universo

·        L’ironia manzoniana è molto presente ne I promessi sposi come figura retorica prevalente, accanto alla ritenzione (si pensi al famoso “non era certo un cuor di leone”) . Ma l’ironia è sottesa a tutto il romanzo manzoniano, in quanto la realtà smentisce sempre i progetti dell’uomo, e questo, soprattutto quando l’uomo ripone tutte le sue speranze nei suoi gretti disegni, fa sorridere. L’ironia manzoniana nasce proprio dalla consapevolezza della sproporzione fra i piccoli scopi che l’uomo si prefigge e i grandi scopi del disegno provvidenziale, generando una sana diffidenza di sé e una fiducia totale in Dio. ecco perché Lucia è profondamente ironica, di fronte a sua madre Agnese e a Renzo, perché sono troppo legati ai loro schemi.

·        Trattato sull’ Umorismo di Pirandello. L’umorismo pirandelliano fa cogliere le contraddizioni del reale, fa capire cosa c’è dietro la realtà, crea un distacco fra noi e tutto ciò che è legato al “gioco delle parti”.

·        Un altro autore che ha fatto dell’ironia la sua marca essenziale è Guido Gozzano, che in tal modo intende demolire il superomismo dannunziano.

·        L’ironia si trova anche nelle poesie dell’ultimo Montale (le raccolte Diario del ’70-71 e Satura) 

 

TEDESCO

·        Ironia romantica: le cose viste da una prospettiva “assoluta” appaiono per forza limitate e inducono allo scherzo, Questa ironia è presente nelle opere di Hoffmann e di Heinrich Heine (Düsseldorf 1797 – Parigi 1856)

·        Ironia antiromantica: H.Heine, anche lui nato a Düsseldorf, ma nel 1917, appartenente al movimento della “Junges Deutschland”  viene considerato poeta della contraddizione e critica fortemente l’atteggiamento ipocrita dei cosiddetti “Maulchristen” (cristiani a parole). Nella poesia Das Fräulein stand am Meer (La ragazza stava davanti al mare) egli distrugge in modo ironico l’atmosfera tipica di un paesaggio romantico.

 

STORIA DELL’ARTE

H.Daumier, pittore e scultore francese (1808-1879), dopo aver fattodisegni satirici per la rivista “La caricature”, continuerà a dedicarsi alla caricatura politica e alla satira sociale, fino a quando non si diede alla pittura ricca di chiaroscuri e di una vigorosa forma plastica.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: