La condizione umana in Leopardi e Schopenhauer

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

TESINA – ESAME DI STATO 2002

Alberto Bairati

SCHOPENHAUER E LEOPARDI: CONFRONTO DIRETTO

Schopenhauer

Per Schopenhaucr affermare che l’essere è la manifestazione di una volontà infinita equivale a dire che la vita è dolore. Infatti volete significa desiderare, e il desiderate porta ad uno stato di tensione, per la mancanza di ciò che vorremmo avere. Il desiderio risulta quindi per definizione, assenza, vuoto ossia dolore.

“Ogni volere proviene da un bisogno, cioè da una privazione, cioè da una sofferenza. La sofferenza vi mette un temine; ma per un desiderio che tiene soddisfatto, ce ne sono dieci almeno che debbono essere contrariati; per di più, ogni forma di desiderio sembra non aver mai fine, e le esigenze tendono allinfinito, la soddisfazione è breve e amaramente misurata. Ma lappagamento finale non è poi che apparente: ogni desiderio soddisfatto cede subito il posto ad un nuovo desiderio: il primo è una disillusione riconosciuta, il secondo una disillusione non ancora riconosciuta”

(Il mondo come volontà e rappresentazione, 1818)

 

Anche per Leopardi ogni essere è stimolato per natura da un continuo desiderio di piacere. Questo desiderio incessante potrebbe essere appagato solo da un piacere infinito. Ma i piaceri che ci offre la realtà sono insufficienti a soddisfare la nostra natura che ci spinge a volete sempre di più senza mai trovare soddisfazione.

La Natura non ci ha solamente dato il desiderio della felicità, ma il bisogno; vero bisogno come quel di cibarsi. Perché chi non possiede la felicità è infelice come chi non ha di che cibarsi, patisce la fame. Or questo bisogno ella ci ha dato senza la possibilità di soddisfarlo”.

(Zibaldone, 1831)

 

L’ infelicità umana deriva appunto dall insuperabile distanza tra l infinità del desiderio e la finitezza della realtà. Nella seconda fase del suo pensiero, linfelicità dell’ uomo non dipende da questa o quella situazione storica ma dalla contraddizione tra ciò che egli percepisce come il suo fine personale, il piacere, il graduale deperimento, annullamento e riciclaggio a cui la Natura lo destina insieme a tutte le altre parti dell universo.

 

Non gli uomini solamente, ma il genere umano fu e sarà sempre infelice di necessità. Non il genere umano solamente ma tutti gli animali. Non gli animali soltanto ma tutti gli esseri a loro modo. Non l’individuo ma la specie, i generi, i regni, i globi, i sistemi, i mondi.

(Zibaldone, 1826)

 

“Forse in qual orma, in quale

stato che sia, dentro covile o cuna,

è funesto a chi nasce il dì natale”

 (Canto notturno di un pastore errante dell Asia,1830)

 

LA CONCEZIONE DEL PIACERE DEI DUE INTELLETTUALI

Entrambi gli studiosi considerano il piacere come una momentanea cessazione del dolore:

Per Schopenhauer la soddisfazione di un desiderio (il piacere) o ne suscita altri o fa precipitare l’uomo in una situazione altrettanto:negativa che è la noia

“Dunque la vita oscilla come un pendolo fra il dolore e la noia, suoi due costitutivi essenziali. Donde lo stranissimo fatto, che gli uomini, dopo ricacciati nellinferno di dolori e supplizi, non trovarono che restasse, per il cielo, nientaltro allinfuori della noia”

(Il mondo come volontà e rappresentazione, 1818)

 

Per Leopardi ogni parvenza di felicità è un inganno:  

“O natura cortese,

son questi i doni tuoi,

questi i diletti sono

che tu porgi ai mortali. Uscir di pena

è diletto fra noi.

Pene tu spargi a larga mano; il duolo

spontaneo sorge: e di piacer quel tanto

che per mostro e miracolo talvolta

nasce d’affanno, è gran guadagno”

 (La quiete dopo la tempesta, 1829)

 

Per entrambi l’uomo insegue il piacere infinito ma non lo raggiunge mai:

“Di tal natura sono gli sforzi e i desideri umani che ci fanno brillare innanzi la loro realizzazione come fosse il fine ultimo della volontà, ma non appena vengono soddisfatti cambiano fisionomia[..] Vengono sempre messi da parte come illusioni svanite”

(Il mondo come volontà e rappresentazione, 1818)

 

La felicità è possibile a chi la desidera perché il desiderio è senza limiti necessariamente, perché la felicità assoluta è indefinita e non ha limiti [..] e la felicità ed il piacere è sempre futuro, [..] esiste solo nel desiderio del vivente e nella speranza o aspettativa che ne segue”

(Zibaldone, 1821)

 

Per il poeta le illusioni proprie solo della giovinezza, costituiscono l’unico momento felice dell’uomo, perché la felicità non può consistere che nell’attesa e nel sogno, o nella loro :ricordanza:

Questo di sette è il più gradito giorno,

pien di speme e di gioia:

diman tristezza e noia

recheran l’ore, ed al travaglio usato

ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Garzoncello scherzoso,

cotesta età fiorita

è come un giorno dallegrezza pieno,

giorno chiaro, sereno,

che precorre alla festa di tua vita.

Godi, fanciullo mio: stato soave,

stagion lieta è cotesta.

Altro dirti non vo’; ma la tua festa

ch’anco tardi a venir non ti sia grave.

(Il sabato del villaggio, 1829)

 

Secondo il filosofo può dirsi fortunato chi, nonostante le delusioni, coltiva ancora qualche desiderio, perché può ancora illudersi; chi non ha più alcun desiderio precipita nella noia, cioè in una condizione ancora più infelice

“Fortunato abbastanza colui, al quale resti ancora da accarezzare qualche desiderio, qualche aspirazione. potrà continuare a lungo il gioco del perpetuo passaggio dal desiderio all’appagamento, dall appagamento il nuovo desiderio [..]; ma se non altro non cadrà in quella paralizzante stasi che è sorgente di stagnante e terribile noia, di desideri vaghi, senza oggetto preciso, e di languore mortale”

(Il mondo come volontà e rappresentazione, 1818)

 

Come per Schopenhauer, anche per Leopardi la noia è il peggiore dei mali in quanto piena consapevolezza dell’uomo (il più sofferente degli esseri) della sua infelicità

“Ed io godo ancor poco, 

o greggia mia, né di ciò sol mi lagno.

Se tu parlar sapessi, io chiederei:

-Dimmi: perché giacendo

a bellagio, ozioso,

s’appaga ogni animale;

me, s’io giaccio in riposo, il tedio assale?-”

(Canto notturno di un pastore errante dell Asia,1830)

 

CONCLUSIONI

Le affinità tra Leopardi e Schopenbaucr sono state analizzate anche in un saggio, ad opera del critico De Sanctis, il quale, dopo essersi avvicinato apertamente e con passione al Leopardi, spiega come le proposte di Schopenhauer si rivelino aride e incostruttive mentre, all’opposto, quelle del poeta siano fera perché producono l’effetto contrario a quello che si propongono.

“Non crede al progresso, e te lo fa desiderare, non crede alla libertà e te la fa amare. Chiama illusioni l’amore, la gloria, la virtù e te ne accende in petto un desiderio inesausto. E non puoi lasciarlo che non ti senta migliore”

L’ unico atto di libertà che sia possibile all uomo è la soppressione della volontà di vivere, praticabile solo tramite l’ascesi. Questa consiste nella

“astensione dal piacevole e la ricerca dello spiacevole, lespiazione e la macerazione spontaneamente scelta, per la continuata mortificazione della volontà. ”

Cosi mentre in Schopenhauer lo sbocco logico del suo pessimismo consiste nella fuga dalla vita e nel quietismo dell’asceta, in Leopardi lesito dei suo pessimismo dà all’uomo un messaggio positivo:

“Nobil natura è quella

che a sollevar s’ardisce

gli occhi mortali incontra

al comun fato, e che con franca lingua,

nulla al ver detraendo,

confessa il mal che ci fu dato in sorte,

e il basso stato e frale;

quella che grande e forte

mostra sé nel soffrir, né gli odi e lire

fraterne, ancor più gravi

d’ogni altro danno, accresce

alle miserie sue, l’uomo incolpando

del suo dolor, ma dà la colpa a quella

che veramente è rea, che de’ mortali

madre è di parto e di voler matrigna.

Costei chiama inimica; e incontro a questa

congiunta esser pensando,

siccome è il vero, ed ordinata in pria

lumana compagnia,

tutti fra sé confederati estima

gli uomini, e tutti abbraccia

con vero amor, porgendo

valida e pronta ed aspettando aita

negli alterni perigli e nelle angosce

della guerra comune.

(La Ginestra, 1836)

 

A differenza dei pensatore tedesco dunque,, la filosofia “dolorosa ma vera” del Leopardi trasmette un messaggio di fraternità per tutti gli uomini e comunica lesigenza di costruire un mondo fondato sull’amore e sulla solidarietà, non a caso tra i titoli delle opere che aveva in mente di scrivere e non potè compiere si trova la “Lettera a un giovane del XX secolo.”

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: