La patente a punti

 

per il raggiungimento degli obiettivi comportamentali

Visto che, grazie alla patente a punti, è diminuito il numero degli incidenti stradali, si è pensato di adottare un sistema simile anche per debellare la deprecabile piaga delle mancanze disciplinari degli studenti, per evitare che la scuola italiana degeneri in un far west, degno delle peggiori tradizioni americane.

Lo studente dispone, all’inizio dell’anno scolastico, di un “pacchetto” di venti punti, che lo classificano come “studente normale, che conosce e applica le regole generali di comportamento scolastico”.

Nel corso dell’anno scolastico ci potranno essere varie situazioni, che comporteranno un decremento nel proprio pacchetto di punti, fino al totale esaurimento, che comporterà, come punizione, una lezione di comportamento e disciplina ad opera del dirigente scolastico. Dopo questa lezione vengono dati dieci punti di bonus allo studente, il quale, se esaurirà anche questi, andrà incontro ad altri provvedimenti disciplinari, più gravi, scelti dal consiglio di classe.

Nel dettaglio, i seguenti comportamenti saranno sanzionati come segue:

1 punto in meno nella propria “patente”

  • ritardo nel rientro in classe dopo l’intervallo

  • mancato svolgimento di un compito

  • suggerimento durante compito in classe o interrogazione

  • chiacchierare con il/la compagno/a di banco

2 punti in meno nella propria “patente”

  • bigliettino durante il compito in classe

  • disturbo continuato, che ha creato un danno all’apprendimento della classe

  • corsa tra i corridoi o altro comportamento poco controllato (es. : urla, pugni nel muro, ecc…)

3 punti in meno nella propria “patente”

  • modo volgare di esprimersi (parolacce e bestemmie)

4 punti in meno nella propria “patente”

  • insulti ai compagni e ai docenti, mancanza di rispetto e cafoneria

5 punti in meno nella propria “patente”

  • atti gravi

Notabene finale: non si giudichi questa griglia troppo lassista. Se il metodo verrà applicato con rigore,  alcuni studenti rischieranno di esaurire i loro “punti” già nei primissimi giorni di scuola!