LA RESTAURAZIONE – il Congresso di Vienna

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità
IL CONGRESSO DI VIENNA
    L’età della restaurazione
» si definiscono così i decenni successivi alle guerre napoleoniche,caratterizzati dal tentativo di ricostituire
   il vecchio ordine europeo (sovrani spodestati, gerarchie sociali e politiche dell’ancien regime…)
    Programma irrealizzabile
» programma irrealizzabile ed utopico: etano avvenuti troppi mutamenti nella società e nelle istituzioni
» era impossibile rimuovere l’eredità rivoluzionaria per le istituzioni giuridiche e politiche
» c’era nella diffusione degli ideali francesi un aspetto di progresso da mantenere: lo Stato moderno
   (certezza di diritto e uguaglianza formale dei cittadini, organizzazione burocratica, importanza borghesia)
» obiettivo= riparare i danni della rivoluzione francese e trattenere quello che c’era di buono
                  » ritornare alla situazione precedente alla rivoluzione evitando un ripetersi della storia
» vengono concordati i principi su cui ridisegnare l’Europa
1.      principio di legittimità
2.      equilibrio duraturo
3.      principio d’intervento
    Il congresso (1° novembre 1814-9 giugno 1815)
» per la prima volta nella storia tutte le potenze internazionali si trovano riunite a stabilire i confini
   dell’Europa (non è una semplice pace) » potenze vincitrici: Gran Bretagna, Russia, Prussia, Austria
» parteciparono i diplomatici di tutte le nazioni europee, anche la Francia(rappresentata da Talleyrand)
» il ministro degli Esteri austriaco Metternich fu il regista dei lavori
    Il principio di legittimità
» è il principio secondo cui dovevano essere restaurati i diritti legittimi violati dalla rivoluzione, rimettendo
   quindi sul trono le legittime famiglie (anche i Borbone in Francia » abile proposta di Talleyrand)
» era interesse anche delle forze vincitrici fare della Francia monarchica uno dei pilastri del nuovo
   equilibrio piuttosto che rischiare altre rivoluzioni procedendo con una dura punizione
» unica eccezione: non viene ripristinato il Sacro romano Impero, ormai residuo del passato
    Il nuovo equilibrio europeo (4 cardini: Inghilterra, Austria, Prussia, Russia)
» il nuovo assetto territoriale fu realizzato senza il minimo riguardo per i principi di nazionalità o per la
   volontà delle popolazioni interessate, ma comportò una razionalizzazione della geografia politica
» ci si assicura che nessun paese prenda troppo potere (eco dell’italiana pace di Lodi del)
» Russia» si espanse verso occidente occupando la Polonia
» Prussia» i ingrandì a ovest annettendo i territori nella zona del Reno
» Stati tedeschi » si ridussero di numero e furono riuniti in una Confederazione germanica la cui
                            presidenza era tenuta dall’Imperatore d’Austria
» Impero Asburgico » si afferma come fulcro dell’equilibrio continentale
                                 » gli viene riconosciuto un ruolo egemone sulla penisola italiana
» Belgio e Lussemburgo vengono uniti all’Olanda formando il Regno dei Paesi Bassi
» nessun mutamento nella penisola iberica e nei Balcani
» Inghilterra» non accampò pretese territoriali sul continente, ma assicurò in Europa un equilibrio tale da
                        impedire l’emergere di nuove posizioni egemoniche proporzionate
» Italia» rafforzamento dell’egemonia austriaca (maggiore anche rispetto alla situazione prerivoluzionaria)
            » sovranità austriaca sul Lombardo-Veneto, regno di Napoli e altri Stati
            » il Regno di Napoli viene ribattezzato Regno delle Due Sicilie
            » Regno di Sardegna è l’unico a mantenere una certa autonomia (si espande con Savoia e Liguria)
    Principio d’intervento: Santa alleanza e Quadruplice alleanza
» strumenti diplomatici e militari atti a garantire la conservazione degli equilibri interni e internazionali
» Santa alleanza » nata da un’iniziativa dello zar russo Alessandro Icui aderirono Austria e Prussia
                           » di profilo conservatore e reazionario: idea di una missione affidata da Dio per tutelare la
                              legittimità di quelle casate poste al comando da Dio stesso
                           » poi vi aderì la Francia ma non l’Inghilterra perché incompatibile con i propri fondamenti
                              del proprio regime costituzionale, nato da una rivoluzione
» Quadruplice alleanza » fondata come alternativa dall’Inghilterra, firmato dall’Austria, Russia, Prussia
                                      » sorvegliava contro i possibili tentativi di rivincita da parte della Francia e
                                         interveniva contro ogni movimento rivoluzionario che minacciasse l’equilibrio
» si forma il cosiddetto “cordone sanitario” intorno alla Francia, per contenerla in caso di sommosse
    Il concerto europeo
» le decisioni del Congresso sono concordate con gli altri paesi egemoni a livello europeo
» novità nel sistema di diplomazia » legava il mantenimento dell’ordine internazionale all’ordine interno
                                                        » prevedeva consultazioni periodiche tra le maggiori potenze
» si dà vita ad un Direttorio europeo con il compito di risolvere pacificamente eventuali contrasti fra Stati
» nasce un dialogo costante tra le grandi potenze, definito “concerto europeo”
GLI ORDINAMENTI POLITICI
» la restaurazione ebbe caratteri ed intensità diverse a seconda dei paesi (ovunque orientamento conservatore)
    Gran Bretagna
» prevalenza dell’ala destra del partito conservatore (i tory) basata sull’aristocrazia terriera e l’alto clero
    Spagna
» il re Ferdinando VII abrogò la costituzione liberale promessa (Costituzione di Cadice, 1812) e mise in
   atto una dura repressione nei confronti delle correnti liberali
    Europa del nord
» Regno dei Paesi Bassi, Confederazione germanica » regimi a base parzialmente rappresentativa
    Francia
» restaurazione dei Borbone » al trono fu messo Luigi XVIII
» promulgò una Costituzione » preferì chiamarla con il nome generico di «Carta» (Charte octroyèe)
                                                » proclama l’uguaglianza di tutti i francesi davanti alla legge e le libertà
                                                   fondamentali (di opinione, di stampa, di culto)
                                                » prevede un Parlamento bicamerale
» Parlamento» Camera dei pari, di nomina regia
                      » Camera dei deputati, di nomina elettiva » presentata come una concessione del re
                      » diritto di voto viene legato all’età (30 anni) e al censo (livello di reddito)
» vennero mantenute molte innovazioni del periodo napoleonico (Codice civile, amministrazione, scuola…)
» fu garantita l’inviolabilità di tutte le terre, vecchie e nuove
    Moderati e ultrarealisti
» la moderazione del re scontenta i legittimisti più intransigenti che si aspettavano di riavere i loro beni e di
   riprendere gli antichi usi feudali » ultrarealisti (o «ultras») sognavano il ritorno puro all’ancien regime
    Piemonte e Stato della Chiesa
» venne restaurato Vittorio Emanuele I, che abrogò la legislazione napoleonica (linea intransigente)
» ristabilisce il controllo della Chiesa e riporta in vigore la discriminante religiose (ebrei e valdesi)
» moderazione del papa Pio VII, che si scontrava con gli zelanti(collegio religioso ristoratore)
    Regno delle due Sicilie
» Luigi de’ Medici: linea moderata
» dovette misurarsi con le linee reazionarie impersonate da re Ferdinando I
» lo stato fu unificato dal punto di vista amministrativo quando nel 1816 diventò Regno delle Due Sicilie
» suscitò una protesta autonomistica della nobiltà siciliana
    Toscana e ducati
» in Toscana: granduca Ferdinando II che si riallaccia all’assolutismo illuminato
    Il Lombardo-Veneto
» dominazione austriaca caratterizzata da autoritarismo e buona amministrazione
» Lombardia: regione economicamente più avanzata dell’Italia nonostante il regime doganale a cui era

   sottoposta che ne ostacolava lo sviluppo (controllo austriaco non permette attività culturale vivace)
Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: