“Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Mark Haddon – di Elisa Colombo

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Lo Strano caso del cane ucciso a Mezzanotte è un romanzo, il narratore è il personaggio principale, un ragazzo autistico.Christopher Boone, ha quindici anni e vive solo con il padre, la madre è morta due anni prima.

Christopher non ama gli estranei e non sopporta essere toccato, nemmeno dai genitori. Un abbraccio tra loro è l’avvicinarsi delle mani aperte a ventaglio. Odia anche il colore giallo e marrone. E’ un genio in matematica ma ha comportamenti da bambino.Una notte trova il cane della vicina trafitto da un forcone e decide di indagare come farebbe Sherlok Holmes, suo idolo.Durante l’indagine Cristopher trova una scatola con molte lettere indirizzate a lui, che il padre aveva nascosto.Sconvolto scopre che sono scritte da sua madre, che ha lasciato lui e il padre per andare a vivere a Londra con il vicino di casa ed è quindi viva, il padre ha mentito.Il padre per scusarsi decide di essere completamente sincero e confessa di aver ucciso il cane della vicina perché lei voleva più bene al cane che a loro.Christopher ha ora paura del padre e decide di scappare e raggiungere la madre a Londra.Per lui è un’avventura straordinaria, per la prima volta si sposta da solo, prende un treno e sfugge al controllo di un poliziotto che voleva riportarlo a casa.Raggiunta la mamma, il ragazzo rimane qualche giorno con lei, poi tornano a casa, con grande gioia di Christopher che riesce a fare l’esame di matematica che supera con pieni voti.Il padre cerca di riconquistare la fiducia di Christopher regalandogli un cane.

 
E’ un libro bello e interessante, perché fa capire che con la forza di volontà si possono superare molti problemi.

Audio Lezioni sulla Letteratura del novecento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura del novecento” su Spreaker.

Pubblicità
shares