OPERE DI CICERONE – latino

Sharing is caring!

OPERE DI CICERONE
ORATIONES
          Sono i discorsi forensi che segnano le tappe della sua carriera politica
  1. Pro Quinctio » scritta nell’ 81 a.C. è la sua prima orazione
  2. Pro Roscio Amerino » personaggio ingiustamente accusato di parricidio da un potente amico di Silla
                                         » è l’unico che accetta di difenderlo pur non attaccando direttamente il dittatore
  » Cicerone vince e Quinto Roscio Amerino viene assolto
          Si reca in Grecia e in Asia per completare gli studi di retorica e di filosofia
          Al suo ritorno nel 76 a.C. inizia la sua carriera politica diventando questore in Sicilia
  1. Actio prima in Verrem » i siciliani, fedeli a lui, chiedono di essere difesi contro Verre
                                            » era accusato di concussione e malgoverno
                                            » fugge, sicuro di essere condannato,
  1. Actio secunda in Verrem » la scrive a processo ormai sospeso analizzando tutti i suoi crimini
                                                » processo viene concluso in contumacia con la lis aestimatio, terza fase
                                                  del processo che consiste nell’esatta determinazione della pena
          Dal 69 al 63a.C. percorre tutte le tappe del cursus honorum
          Nel 66 a.C. si schiera a favore di Pompeo
  1. De imperio Cnei Pompei » (chiamata anche De lege Manilia) scritta affinché fosse affidato a
                                                  Pompeo un comando con pieni poteri contro Mitridate
          Nel 63 a.C. viene eletto console con l’appoggio dell’aristocrazia senatoria
  1. Orationes In Catilinam » sono quattro in tutto, la 1° fu pronunciata con Catilina presente in senato
                                            » le altre tre in sua assenza; nella 2° e 3° chiarisce il proprio operato
 » nella quarta giustifica in senato l’opportunità della condanna a morte da lui
    sancita ai congiurato rimasti a Roma
          Inizia il lento declino di Cicerone come uomo politico, pur avendo avuto successo con Catilina
          Nel 57 a.C. ritorna dal suo esilio, fino al 48 a.C. (battaglia di Farsalo) scrive alcune orazioni con il tentativo di raggiungere la pace sociale tra gli ottimati (concordia ordinum)
» conciliazione tra nobilitas sostenuta da Pompeo e i populares sostenuti dal democratico Cesare
  1. De provinciis consularibus
  2. Pro Sextio
  3. Pro Caelio
  4. Pro Milone » capolavoro di Cicerone oratore
                          » tentativo di difendere Tito Annio Milone (ricco e influente padrone di gladiatori, con
                             ottimati) dall’accusa di omicidio di Cl’odio (tribuno della plebe, campione dei popolari)
          Dopo la sconfitta di Pompeo, Cicerone cerca di avvicinarsi a Cesare, arbitro della situazione
          Scrive quindi le orazioni cesariane, pronunciate di fronte a Cesare stesso
  1. Pro Marcello
  2. Pro Ligario
  3. Pro Lege Deiotario
          Esce dalla vita politica e si dedica agli studi, soprattutto di filosofia
          Con la morte di Cesare (44 a.C.) si schiera contro Antonio, cancellatore delle libertà repubblicane
  1. Filippiche » 14 durissime orazioni contro Antonio, che costano la vita a Cicerone
                        » il nome riprendono le orazioni del greco Demostene contro Filippo di Macedonia, re
                           che pose fine all’autonomia e libertà delle polis greche » accostamento temporale
OPERE RETORICHE
          L’attività oratoria si accosta ad una riflessione su principi teorici dell’arte del dire, eredità dei greci
          La retorica non si esaurisce in una tecnica ma nell’unione che si stabilisce nella pratica tra qualità naturali, cultura ampia e un carattere morale elevato
      » riprende il concetto di Catone il Censore: l’oratore deve essere un vir bonus dicendi peritus
» riunisce la retorica e la filosofia, com’era prima di Platone: l’oratore non può ignorare la filosofia
» il filosofo non può rifiutarsi di partecipare alla vita politica né viceversa
          Teoria e prassi si congiungono in una continua sperimentazione stilistica e tecnica
  1. De inventione » prima parte di un’enciclopedia retorica
  2. De oratore » scritta nel 55 a.C. composto da tre libri
 » opera organizzata in forma di dialogo platonico
 » vari interlocutori espongono la propria concezione sulla natura dell’oratoria e sulle
    qualità dell’oratore ideale, sulle parti dell’orazione, sui gesti e la voce, i portamenti
 » qui è racchiuso l’ideale perfetto dell’oratore secondo Cicerone
  1. Brutus » scritto nel 46 a.C. dialogo in cui si rivolge all’amico Giunio Bruto, in cui traccia la storia
                     dell’eloquenza dalle origini greche fino alla sua contemporaneità
 » tesi: retorica latina è un perfezionamento di quella greca
 » polemica contro gli atticisti, ma al di là degli stili la condizione imprescindibile di una
    buona eloquenza è che sia in grado di persuadere e di interessare
 » la bontà del discorso dipende anche dal pathos e dalla capacità di convincimento
  1. Orator » composizione in forma di trattato in cui si definiscono i compiti del perfetto oratore
 » probare = convincere; dilectare= dilettare; flectere = commuovere
 » oratore deve padroneggiare tutti gli stili e usarli a seconda della convenienza e scopo
 » affronta il problema della musicalità del ritmo della prosa
  1. Partitiones oratoriae » scritta nel 54 a.C. sulle parti dell’orazione
                                        » compendio della retorica che scrive per il figlio Marco
  1. De optimo genere oratorum » del 46 a.C. sostiene che il miglior oratore non è Lisia ma Demostene
  2. Topica » del 44 a.C. in cui analizza i “luoghi comuni” di cui un oratore può valersi nei suoi discorsi
LE EPISTOLE
          Ci è pervenuta solo una parte delle lettere scritte da Cicerone (tuttavia sono 37 libri)
» Cicerone riversa tutto se stesso: speranze, delusioni, valutazioni politiche con stile vario
          16 libri sono indirizzato all’amico Attico
          16 libri dedicati ai familiarie agli amici più stretti
          3 libri al fratello Quinto
          2 libri a Marco Bruto
shares