Postmoderno

Letteratura postmoderna

Uso della parodia nella letteratura postmoderna

 

L’uomo contemporaneo sente di essere arrivato ad un punto in cui non può creare” qualcosa di nuovo. Tutto è post”, cioè già visto, pensato o sperimentato. L’arte diventa parodia dell’arte precedente, la poesia diventa parodia della poesia precedente (quindi perde il significato conoscitivo che aveva per Pascoli), la letteratura e il cinema diventano parodia della letteratura e del cinema precedenti.

 

ITALIANO

·        Calvino scrive  Le città invisibili, romanzo ibrido a sfondo allegorico, che può essere definito postmoderno. Simboleggia il caos e il labirinto della condizione post-moderna. La città è un topos (lo spazio della cultura contrapposto allo spazio della natura). Esempi: Zirma è la città della ripetizione, indice di ordine; Zoe è la città della negazione; Ipazia è la città del sovvertimento del senso: Olivia è la città della doppiezza. Marco Polo personaggio intertestuale e metatestuale

·        Antonio Tabucchi nel suo romanzo Requiem arriva a importanti definizioni e riflessioni sul postmoderno, di cui è un esponente di spicco

·        La poesia particolarmente complessa e ricca di riferimenti colti di Zanzotto è un esempio emblematico di postmoderno

 

SPAGNOLO

·        Jorge Luís Borges nelle sue opere di poesia e, soprattutto, di prosa creò universi fantastici e metafisici, dotati di un simbolismo del tutto personale, mescolando spesso suggestioni provenienti dalle culture più disparate, per cui divenne, più che altro, un maestro del postmoderno.

 

ARTE

  • In architettura la crisi del Movimento Moderno, annunciata nel secondo dopoguerra, esplose più recentemente con il cosiddetto Postmoderno, che valorizza l’individualità, l’intimismo, la complessità e a volte perfino il senso dell’umorismo. Ciò che fa la sua ricomparsa nei progetti postmoderni è la citazione della storia, intesa come vocabolario di forme classiche utilizzabili a piacimento dai progettisti. Il successo dell’architettura postmoderna negli Stati Uniti è dovuto all’influenza di Philip Johnson, e in special modo al suo progetto dell’AT&T Building di New York (1984), con le sue allusioni al Rinascimento e con il frontone che richiama l’arredamento Chippendale.

 

CINEMA

·        Un attore-regista come Nanni Moretti si è fatto interprete della mancanza di punti di riferimento certi, che caratterizza l’uomo nell’epoca del postmoderno.

 

TESINE CORRELATE

http://www.atuttascuola.it/wp-content/uploads/2019/01/la_tesina-9.jpg (8864 byte)

Sessantotto (si trova nel libro  “La tesina” edito da Bignami con 100 TESINE, a soli 8 EURO. Chiedilo nelle librerie o compralo  on-line).