Prefazione


della tesina interdisciplinare “L’evoluzione nei primi anni del 900 nelle varie scienze” di Nicola Fusco

Pace, prosperità, progresso sono state le caratteristiche del periodo a cavallo dell’800 e del 900.

Sia i prodotti agricoli che quelli industriali erano disponibili in quantità e a buon prezzo grazie ai mutati metodi di lavoro in fabbrica e all’uso di fertilizzanti e macchine in agricoltura.
Lo sviluppo dei trasporti permise di portare i prodotti agricoli ovunque, debellando in parte il fenomeno delle carestie. Prima della Grande Guerra il progresso scientifico, l’ottimismo, la fiducia nel progresso sembravano caratterizzare quegli anni d’oro. Si pensava che non esistessero più problemi non risolvibili col tempo dalla scienza.
Aumentavano a migliaia i viaggiatori grazie ai transatlantici, ai treni, ai palloni aerostatici. Le comunicazioni sono rese immediate dal telegrafo e dal telefono. Le case cominciano ad essere illuminate elettricamente, compaiono i primi elettrodomestici.
Il suffragio universale maschile viene concesso in quasi tutti i paesi più evoluti; i lavoratori si organizzano in sindacati liberamente, antiche malattie come il colera, la tbc e la mal’aria sono debellate nei paesi ricchi.