Radio a Galena

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

RADIO A GALENA

L’informazione sonora, modulata in ampiezza, può essere ricevuta in modo semplice: il segnale raccolto dalla dall’antenna viene inviato a un diodo che ne elimina le semionde negative; ciò che resta è un segnale proporzionale all’ampiezza dell’onda incidente e quindi uguale al segnale sonoro trasmesso, basta quindi collegare una cuffia per poterlo sentire.
Per selezionare una emittente (e quindi una frequenza di ricezione) si antepone un semplice circuito oscillante LC.
Oggi questo sistema non funziona più in modo adeguato per la molteplicità delle emittenti esistenti e la loro minima differenza in frequenza.
Il diodo era realizzato con un tubetto di vetro in fondo al quale c’era un cristallo semiconduttore di galena (PbS) e all’altra estremità c’era un sottile filo metallico che veniva orientato facendolo toccare all’estremità con la galena.
Il diodo a galena è stato completamente abbandonato a causa del suo comportamento poco riproducibile. I diodi a giunzione sono più piccoli e molto più affidabili.
 

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: