Ricerca su MARIA

Miriam è il nome ebraico di Maria.
Maria era la figlia di Gioacchino e Anna, avuta quando ormai i suoi genitori erano convinti di rimanere senza figli.
Essi, infatti, erano in età molto avanzata quando Anna partor’ Maria dopo la visita di un angelo, come vuole la tradizione popolare.

Maria viveva a Nazareth, in Galilea. Promessa sposa di Giuseppe, ricevette dall ‘angelo Gabriele l annuncio che avrebbe partorito il Figlio di Dio senza conoscere uomo” e diede il suo s’. Per questo Maria è considerata modello di tutti i cristiani, perché non esitò a rispondere alla chiamata del Signore. Senza il suo s’, Cristo non si sarebbe incarnato, fatto uomo e quindi non avrebbe potuto salvare gli uomini dal peccato.
Durante lannunciazione, l’angelo Gabriele intona lAve Maria, da allora una delle preghiere più belle e conosciute del mondo.
Dopo lannunciazione Maria si reca presso la cugina Elisabetta, la futura madre di Giovanni Battista. Da Elisabetta è chiamata la madre del mio Signore”, Maria risponde proclamando:” L’anima mia magnifica il Signore”, che divenne un’altra bella preghiera.

L’altro appuntamento di Maria è a Betlemme, in Giudea, dove si trova con suo marito Giuseppe per il censimento di Augusto.
Li si compirono per lei i giorni del parto e diede alla luce Gesù, lo pose in una mangiatoia poiché non cera posto per loro nell’albergo.
La madre è attenta al disegno di Dio e alla storia della salvezza, infatti la troviamo vicina a Gesù quando il figlio riceve la circoncisione e con la sua presentazione al tempio.
Quando Gesù compie 12 anni Maria e Giuseppe lo portano in pellegrinaggio a Gerusalemme, qui Egli manifesta nel tempio la coscienza della sua missione secondo la volontà del Padre. Maria riappare nella sua funzione di madre che preoccupata per la mancanza del figlio, ritrovatolo dopo una lunga ricerca, gli domanda: “Perché ci hai fatto questo?”, ma Gesù ai suoi genitori risponde che deve badare alle cose del Padre Suo che è nei cieli. I vangeli ce la presentano in vari momenti vicino a Gesù nel periodo del suo ministero pubblico. È su richiesta di Maria, per esempio, che Gesù fece il suo primo miracolo durante le nozze di Cana, divenendo cos’ simbolo di colei che sa di intercedere per noi.
Incontriamo ancora Maria ai piedi della croce piangere la condanna di Gesù e accogliere la sua ultima volontà con la quale affidava a lei Giovanni come suo figlio e lei all’apostolo come madre, per questo Maria è considerata madre di tutti i cristiani.
Gli Atti degli Apostoli ce la presentano in preghiera con gli apostoli e i discepoli in attesa della venuta dello Spirito Santo nel Cenacolo: la prima comunità cristiana ha con sé la madre di Gesù.
L’ultimo ricordo di Maria è nel libro dell’Apocalisse che parla della Vergine che assume i tratti della Chiesa, essa infatti trova in Maria la sua forma e il suo modello. Per la Chiesa Maria è considerata senza peccato originale fin dal concepimento (dogma dellImmacolata Concezione) e alla fine della sua vita è stata assunta in cielo come suo figlio (festa dellAssunzione).
I cristiani si rivolgono a lei con molti titoli, ma viene normalmente chiamata Madonna ( dal latino mea domina = mia signora ).
Il Rosario è per i cattolici una meditazione dei misteri della vita di Cristo al fianco di Maria, le 50 Ave Maria ci portano alla croce simbolo di Gesù.

A Maria sono state dedicate moltissime chiese, santuari e cattedrali; sono più di mille le apparizioni della madonna tramandate, e spesso documentate, nella storia della chiesa. Per citarne solo alcune tra quelle più popolari ricorderemo: Lourdes (1858), Fatima (1917) e Medjugorie (dal 1981).
Moltissime sono anche le processioni dedicate a Maria, tra cui quella della Madonna del Rosario nel mio paese, a Cesano Boscone, nel corso della festa patronale di settembre.

Feste mariane:

Immacolata Concezione 8 dicembre
Natività di Maria 8 settembre
Nome di Maria 12 settembre
Annunciazione 25 marzo
Assunzione di Maria 15 agosto
Madonna del Rosario 7 ottobre
Il mese di maggio è dedicato a Maria.

A Maria si sono ispirati i più grandi artisti nella storia dell’arte.