Ripasso di inglese per la terza media

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

di Silvia Sorrentino

I VERBI: PRESENTE, PASSATO E FUTURO

PRESENT SIMPLE & CONTINUOUS

Present simple: azioni abituali, verità generiche, situazioni permanenti.

I play; I don’t play: Do I play?; Yes, I do/ No, I don’t

 

Present continuous: azioni in svolgimento in questo preciso momento, azioni in svolgimento in un

tempo genericamente presente.

I’m playing; I’m not playing; Am I playing?; Yes, I am/ No, I’m not

 

PAST SIMPLE & CONTINUOUS

Past simple TO BE: I was, you were, he/she/it was, we/you/they were

I wasn’t, you weren’t.

Was I? Were you?

Yes, I was. No, I wasn’t.

 

Past simple verbi regolari:

La forma affermativa si ottiene aggiungendo -ed all’infinito senza to. (I walked)

La forma negativa, interrogativa e le short answers si formano con did/didn’t più infinito

(I didn’t walk; did you walk?; Yes, I did / No, I didn’t)

Esprime un’azione svoltasi in un preciso e finito momento del passato.

 

Past simple verbi irregolari: ogni verbo ha forme diverse dal proprio infinito e non seguono regole, perciò bisogna memorizzarli.

 

Past continuous: avvenimenti in svolgimento in un preciso momento del passato.

Forma affermativa: sogg. + was/were + verbo base in forma -ing

I was sleeping

Forma negativa: I wasn’t sleeping.

Forma interrogativa: Was/Were + sogg. + verbo base in forma -ing + ?

Were you sleeping?

Short answers: Yes, I was / No, I wasn’t.

 

Past simple & Past continuos: quando nella stessa frase si usano questi due modi, il Past simple è di solito preceduto da when. L’azione espressa dal Past simple di solito viene interrotta da quella del Past Continuous.

 

IL FUTURO

 

Il futuro con will: si usa per parlare di offerte, di decisioni prese nel momento in cui si parla, per predire un avvenimento che accadrà certamente.

F. affermativa: I will go

F. negativa: I won’t go

F. interrogativa: Will you go to the cinema tomorrow?

Short answers: Yes, I will / No, I won’t

 

Si usa shall invece di will quando si offre qualcosa. (shall I make you a drink?)

 

Il futuro con be going to: si usa per indicare l’intenzione di compiere un’azione o per indicare un’azione che si pensa avverrà in un futuro vicino.

F. affermativa: I’m going to play football

F. negativa: I’m not going to play

F. interrogativa: Are you going to play football?

Short answers: Yes, I am / No, I’m not

 

Il futuro con il Present continuous: se si usa per questa funzione, il Present continuos è accompagnato da espressioni di tempo perché si conosce in anticipo quando si verificherà un determinato avvenimento futuro.(I’m meeting Lucia at four tomorrow)

PARTI INVARIABILI

LE CONGIUNZIONI

And: si usa per unire due frasi principali di un periodo.

You must do your homework and study the lessons.

So: si usa per introdurre una proposizione consecutiva

It may be sunny, so you don’t take the jacket.

But: si usa per introdurre una proposizione avverstaiva.

I’ve got a playstation, but I haven’t got any videogame.

Because: si usa per introdurre una proposizione causale

He didn’t go to school because he had a headache.

 

GLI AVVERBI DI MODO

Descrivono in che modo si compie l’azione. Di solito, seguono il verbo a cui si riferiscono. Regolari: aggetivo + ly ( bad-badly)

Irregolari: fast-fast, good-well, hard-hard, late-late, early-early, near-near

 

L’AGGETTIVO

I GRADI DELL’AGGETTIVO

I comparativi: serve a paragonare due o più persone o cose.

Regolari: old – older than

terminanti in y: happy – happier than

terminanti in e: nice – nicer than

monosillabici term. In consonante preceduta da vocale: hot – hotter than

aggettivi lunghi: intelligent – more intelligent than

irregolari: good – better than; bad – worse than; little – less than; far – further than

much/many – more than

 

Il comparativo di uguaglianza: si usa (not) as … as. ( si usa la forma base dell’aggettivo).

My laptop is as cheap as your.

The pears aren’t as good as apples.

 

I superlativi: si usano per paragonare una persona o una cosa con un certo numero di altre persone o cose. È seguito da of o in.

Regolari: old – the oldest (Carl is the oldest in the factory)

terminanti in y: happy – happiest

terminanti in e: nice – nicest

agg. Lunghi: intelligent – the most intelligent

irregolari: good – the best; bad – the worst; little – the least; far – the furthest;

much/many – the most

 

L’AGGETTIVO DI QUANTITA’

Quantità: a lot of si usa con i nomi non numerabili e con il plurale di quelli numerabili

not much con i nomi non numerabili

not many con quelli numerabili al plurale

Fonte: Grammar Gym 2

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: