Scuola-azienda: una relazione vitale – di Enrico Maranzana

“Le scuole diventeranno aziende, funzioneranno come le aziende, con parole d’ordine chiare, quali produttività, efficienza, competitività, profitto, meritocrazia funzionale alla concorrenza per sfornare non più cittadini, ma lavoratori” è uno slogan ricorrente, intriso di negatività.E’ un tipico messaggio pubblicitario: acritico, che sollecita risposte emotive.
E’ un pensiero con due fondamenti: un’idea d’azienda desunta dal linguaggio domestico e l’indisponibilità a mettere in discussione la mission della scuola.
La dottrina scientifica definisce l’AZIENDA sistema di forze in evoluzione, la cui attività è unitaria e finalizzata, con componenti che trovano il loro significato nell’interazione con l’ambiente organizzato, governato attraverso il controllo che si esercita confrontando gli obiettivi programmati con i risultati conseguiti [feed-back].
PRODUTTIVITA’ – rapporto tra risorse impiegate ed esito della gestione. Misura l’efficacia del servizio scolastico.
EFFICIENZA – esprime il principio del minimo sforzo, evita gli sprechi.
COMPETITIVITA’ – confronta e giudica la gestione scolastica di scuole con condizioni iniziali analoghe.
PROFITTO – i voti che il consiglio di classe assegna sono voti di profitto.
MERITOCRAZIA – problematica la cui soluzione è condizionata dalla puntuale modell’azione del sistema educativo. Questione complessa ma essenziale.