SIMBOLISMO

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

ITALIANO

·        Per Pascoli in Miricae ogni immagine della natura rimanda ad una realtà interiore: il lampo, la casa, la rondine che rappresenta suo padre ucciso in X agosto, l’assiuolo, la nebbia, il campo mezzo grigio e mezzo nero, il nido. Anche i suoni acquistano la capacità di esprimere un significato (fonosimbolismo). Nei Poemi conviviali la funzione di rimando ad un significato interiore è svolto dalle immagini e dai personaggi del mondo classico, da Ulisse ad Alessandro, come emblemi della sete insoddisfatta del poeta

·        Rebora: vedi il simbolo del pioppo nella omonima poesia e, soprattutto, la poesia Sacchi a terra per gli occhi: “Qualunque cosa tu dica o faccia/ c’è un grido dentro: / non è per questo, non è per questo!”

·        Montale: L’agave sullo scoglio

·        Buzzati: La goccia; Il cane che ha visto Dio; La fortezza Bastiani ne Il deserto dei tartari.

 

INGLESE

Ezra Pound in Vortex esprime la sua poetica tutta incentrata sulla forza dl simbolo, ed in questo influenzerà moltissimo T.S.Eliot (vedi per esempio il simbolo della Rocca= la Chiesa)

 

TEDESCO

·        Rilke nel suo Libro per immagini parte dalla natura per giungere alla realtà umana

·        Kafka: Cruccio di un padre di famiglia (cos’è l’odradeck)

 

FRANCESE

·        Nella lirica Correspondances Baudelaire afferma che la realtà sensibile rimanda ad un’altra realtà che non si può spiegare con la ragione, tra l’altro proprio negli anni in cui si afferma il positivismo, con i suoi movimenti letterari correlati del naturalismo e del verismo. Il simbolo diventa così il mezzo per superare la realtà esteriore e raggiungere quella interiore.

·        Mallarmé ha scritto L’après midi d’un faune da cui Debussy ha tratto spunto per il suo preludio. Il fauno rappresenta la forza vitalistica e istintiva della natura, il tutto in un quadro estremamente rarefatto e antirazionalistico

 

ARTE

·        Il simbolismo di Redon, illustratore di Poe, sfocia nel visionario e quasi precorre la psicanalisi (simboli onirici dell’occhio)

·        I simboli di Rousseau le Douanier, la giungla, il negro, l’animale nero, il serpente, la coda del leone, gli strumenti musicali, ecc… sono anch’essi interpretabili in chiave psicanalitica

·        Gauguin usa i simboli in chiave religiosa, accostando le religioni animiste del popolo di Tahiti a quelle rivelate: è il caso della Madonna, diventata una tipica donna tahitiana

  • Le due madri di Segantini esprimono l’amore, la maternità e la vita
Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: