Tifo violento


tema svolto

Traccia

Individua un recente fatto di cronaca che ti ha particolarmente colpito, esponilo e esprimi le riflessioni che ha suscitato in te.

Svolgimento

Lo scorso dieci Novembre, durante la sosta in un autogrill, per calmare una rissa tra due bande di tifosi (juventini e laziali) , sono stati sparati dei colpi di pistola in aria da un poliziotto.
Questo atto, presumibilmente compiuto in buona fede, era solo un atto intimidatorio per invitare i ragazzi a calmarsi .
Purtroppo, non si sa come, un proiettile abbia colpito un tifoso laziale, che oltretutto stava dormendo in macchina,uccidendolo.
La dinamica dei fatti non ci è ancora molto chiara, ma la cosa più grave è che, ancora una volta, la giustizia italiana non è riuscita a imporsi.
Dico ciò perché dopo questo terribile incidente” solo la partita Inter-Lazio è stata sospesa in segno di lutto, ma le restanti competizioni calcistiche in programma quel giorno si sono disputate come se nulla fosse successo.
Questo ha destato lira di molte tifoserie, causando risse e provocando atti di vandalismo all’interno e all’esterno degli stadi italiani.
Infatti, dopo pochi minuti dal fischio iniziale della partita Atalanta-Milan, alcuni ultras hanno sfondato il vetro di sicurezza che separa il campo dagli spalti, minacciando che se non fosse stata sospesa la partita, avrebbero invaso il campo, costringendo cos’ larbitro a rinviarla.
Come se non bastasse, i tifosi laziali al posto di tornare a Roma hanno deciso invece di dirigersi verso Parma, dove giocava la Juve, per vendicarsi per la morte di Gabriele, il tifoso ucciso.
Tutto questo ha causato numerosi incidenti e risse fuori dagli stadi, tanto che i giudici sportivi, visti i fatti accaduti lo stesso pomeriggio, hanno deciso di rinviare la partita serale Roma-Cagliari.
Invece, se ritorniamo allo scorso Febbraio, il giorno dopo gli scontri che si sono svolti nel corso della partita Catania-Palermo, durante i quali è stato ucciso un poliziotto, si è deciso di sospendere ogni attività calcistica per una settimana.
Sicuramente i due fatti sono totalmente differenti, ma trovo che comunque se si prende una decisione ci voglia un po di coerenza nel mantenerla.
Certamente le autorità sportive hanno avuto torto in questa vicenda, ma i tifosi ci hanno ricordato ancora una volta che queste ultime non valgono un granché visto che non riescono né a imporsi, né a farsi rispettare.
Che una decisione giudiziaria possa sembrare giusta o meno è soggettivo e si può farlo capire in tanti modi, ma quella di compiere atti di vandalismo e provocare panico tra la gente non mi sembra proprio una grande idea.
Oltretutto ci sono famiglie con bambini e gente perbene che vogliono andare allo stadio per sostenere la loro squadra del cuore e che quindi è meglio non rischiare inutili tragedie.
Inoltre abbiamo fatto, in quanto Italia, una figura pessima agli occhi degli altri stati dove le
autorità sono più severe e le leggi vengono rispettate.
A proposito di questo ci tengo a dire che gli ultras sicuramente non compirebbero atti di questo genere se la giustizia funzionasse un po meglio e se fossero applicate punizioni e ammende più severe.
Per esempio, in Gran Bretagna gli stadi non hanno alcuna barriera divisoria tra il pubblico e il campo, ma le persone non si sentono autorizzate a entrarvi nel bel mezzo della partita, o comunque a compiere atti di violenza.
Sicuramente un motivo ci sarà