Verifica di Italiano sulle Grazie di Foscolo

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Compito di italiano – Tipologia A – Classe VF – 27 ottobre 2001

Nel 1812 U. Foscolo, dopo il fiasco della rappresentazione scaligera dell’Ajace e a causa forse delle allusioni antinapoleoniche presenti nella tragedia, fu invitato a lasciare Milano e si stabilì a Firenze, ospite nella villa di Bellosguardo di proprietà della contessa d’Albany, l’amante di V. Alfieri. Qui lavorò intensamente al progetto de Le Grazie , le tre dee che donano agli uomini l’armonia, tema già affrontato da A. Canova che è appunto il dedicatario dell’opera.

Il primo inno, dedicato a Venere, inizia con la comparsa delle Grazie nate dal mare insieme con Venere, la grande madre della vita. Qui si inserisce una celebrazione dell’isola di Zacinto (vv. 47-64):

Salve, Zacinto! all’antenoree prode1

de’ santi lari Idei2 ultimo albergo

e de’ miei padri, darò i carmi e l’ossa

e a te il pensier, ché piamente a queste

dee non favella chi la patria obblia 3.

Sacra città è Zacinto. Eran suoi templi

era ne’ colli suoi l’ombra de’ boschi

sacri al tripudio di Diana e al coro 4,

pria che Nettuno al reo Laomedonte5

munisse Ilio di torri inclite in guerra.

Bella è Zacinto. A lei versan tesori

l’angliche navi6; a lei dall’alto manda

i più vitali rai l’eterno sole.

Candide nubi a lei Giove concede

e selve ampie d’ulivi, e liberali

i colti di Lieo7; rosea salute

prometton l’aure, da’ spontanei fiori

alimentate e da’ perpetui8 cedri.

NOTE

1 Le terre venete, così chiamate dal nome di Antenore che fuggendo da Troia giunse nel Veneto e qui fondò Padova.

2I Penati di Troia, detti Idei dal monte Ida presso Troia.

3Poiché non parla con affettuosa devozione alle Grazie (a queste dee) chi dimentica la propria patria.

4Alle danze e agli inni in onore di Diana.

5Nettuno costruì le mura di Troia per il re Laomedonte che poi non gli dette la ricompensa pattuita (reo Laomedonte).

6Si riferisce ai ricchi commerci di uva passa prodotta dall’isola.

7Concede che siano ricchi (liberali) i campi coltivati (colti) di uva (Bacco):

8Perenni, sempreverdi.

______________________________________

Consegne

1 – Analizza il metro e individua le note stilistiche tipiche di Foscolo.

2 – I versi della celebrazione di Zacinto possono essere scanditi in 3 segmenti lirici: individuali e riassumili parafrasando liberamente il testo.

3 – Il primo segmento lirico riprende il motivo dell’esilio e della morte in terra straniera con una forte eco dei versi finali di un sonetto che hai studiato. Quale?

4 – Dopo aver eseguito queste operazioni elabora e argomenta i risultati ottenuti in modo da fondere l’analisi stilistica e quella contenutistica sia con i sonetti (uno in particolare …) sia con I Sepolcri.

5 – Collega il punto 5 con la vita e la poetica di Foscolo.

6 – Inserisci il contesto letterario con particolare riferimento a Le Grazie del Canova (cfr. riproduzione allegata).

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: