Viaggio notturno nella letteratura italiana ep.28 (10/07/2020)

Sharing is caring!

La commendatio di un individuo nelle mani di un’altro, al fine di riceverne protezione dalle richieste dello Stato (che si materializzava nelle vesti di un esoso esattore e di un’entità continuamente bisognosa di braccia per l’esercito), era divenuta un fenomeno frequente nel mondo tardo romano. Alcuni storici ritengono che il diffondersi di questo fenomeno abbia prodotto guasti irreparabili nella macchina fiscale e abbia accelerato in modo significativo la barbarizzazione dell’esercito romano. La commendatio tardoromana non aveva tuttavia alcun valore ufficiale ed era esclusivamente frutto di un accordo privato tra due persone; un accordo che, anzi, i poteri statali cercavano di combattere, per le ripercussioni che si sono appena ricordate.
Allo stesso modo, lo stato tardoromano non riconobbe mai funzione pubblica alle bande armate di buccellarii (da buccella, tipo di pane biscottato a lunga conservazione), che venivano reclutati e mantenuti da potentes allo scopo di mantenere l’ordine nei latifondi, combattere il brigantaggio e proteggere il dominus.

Audio Lezioni di Storia Romana del prof. Gaudio

Ascolta “Storia Romana” su Spreaker.

shares