Voi che per li occhi mi passaste ‘ l core di Guido Cavalcanti seconda parte

Voi che per li occhi mi passaste ‘l core
e destaste la mente che dormia,
guardate a l’angosciosa vita mia,
chè sospirando la distrugge amore.                      4

E ven tagliando di s’ gran valore
che’ deboletti spiriti van via;
riman figura sol’ en signoria
e voce alquanta che parla dolore.                          8

Questa virtù d’amor, che m’à  disfatto,
da’ vostr’occhi gentil presta si mosse:
un dardo mi gittò dentro da ‘l fianco.                   11

S’ giunse ritto ‘l colpo al primo tratto,
che l’anima tremando si riscosse
veggendo morto ‘l cor nel lato manco.                  14

Audio Lezioni di Letteratura delle origini, duecento e trecento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura origini duecento e trecento” su Spreaker.