ARISTOTELE – paragone con Platone

RAPPORTI TRA PLATONE E ARISTOTELE
          Concordanze » Diogene Laerzio, nel II sec d.C. lo definisce “il più genuino discepolo di Platone”
                     ÃƒÆ’‚» discepolo non è colui che ripete, ma chi parte dalle teorie del maestro per arrivare alla
                        propria certezza cerca di andare oltre, pur mantenendo intatto lo spirito
          Differenze » non tanto nella sfera della filosofia quanto in quella degli altri interessi
                         1. Aristotele abbandona la componente mistico-religioso-escatologica » no orfismo
                         » riorganizzazione del discorso filosofico: distinzione tra logos e credenze religiose
                         2. Platone ha interesse per le scienze matematiche, ma non per quelle empiriche (le
                             disprezza perché si fondano sulla materia sensibile, che non porta alla verità)
                         ÃƒÆ’‚» Aristotele si interessa a tutte le scienze empiriche (poco per la matematica)
                         » si interessa anche dei fenomeni in quanto tali » raccoglie e classifica i dati empirici
                         3. filosofia platonica caratterizzata da una ricerca senza posa attraverso un dialogo
                             (influenze del metodo socratico dell’ironia, della confutazione e della maieutica)
                         » Aristoteleha più uno spirito scientifico » sistemazione organica delle acquisizioni
                         » distingue i temi e i loro problemi secondo natura, Platone congiungeva i problemi
                         » differenza nei metodi di affronto e risoluzione dei problemi