Beatitudine di Gabriele D’Annunzio

Dall’Alcyone di Gabriele D’Annunzio

Libro Terzo delle Laudi del Cielo del Mare della Terra e degli Eroi

Beatitudine

«Color di perla quasi informa, quale

conviene a donna aver, non fuor misura».

Non è, Dante, tua donna che in figura

della rorida Sera a noi discende?

Non è non è dal ciel Beatrice

discesa in terra a noi

bagnata il viso di pianto d’amore?

Ella col lacrimar degli occhi suoi

tocca tutte le spiche

a una a una e cangia lor colore.

Stanno come persone

inginocchiate elle dinanzi a lei,

a capo chino, um’li; e par si bei

ciascuna del martiro che l’attende.

Vince il silenzio i movimenti umani.

Nell’aerea chiostra

dei poggi l’Arno pallido s’inciela.

Ascosa la Città  di sé non mostra

se non due steli alzati,

torre d’imperio e torre di preghiera,

a noi dolce com’era

al cittadin suo prima dell’esiglio

quand’ei tenendo nella mano un giglio

chinava il viso tra le rosse bende.

Color di perla per ovunque spazia

e il ciel tanto è vicino

che ogni pensier vi nasce come un’ala.

La terra sciolta s’è nell’infinito

sorriso che la sazia,

e da noi lentamente s’allontana

mentre l’Angelo chiama

e dice: «Sire, nel mondo si vede

meraviglia nell’atto, che procede

da un’anima, che fin quassù risplende».

Audio Lezioni su Gabriele D’Annunzio del prof. Gaudio

Ascolta “Gabriele D’Annunzio” su Spreaker.