Così nel mio parlar voglio esser aspro. Parafrasi e commento delle rime di Dante – di Carlo Zacco