Decameron – Abraam il giudeo (riassunto)

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 La vicenda ha per protagonisti due mercanti: Giannotto, cristiano e Abraam, ebreo. I due nonostante la differenza di religione sono legati da una profonda amicizia e da valori comuni come la rettitudine e l’onestà. Giannotto insiste a lungo con l’amico per convincerlo a convertirsi al cristianesimo, ma questo, anche se attratto dalle motivazioni postegli, rimane fedele alla sua religione fino a che un giorno comunica al cristiano che stava per compiere un viaggio a Roma per vedere da vicino lo stile di vita del Papa e del clero e che se ne fosse rimasto colpito si sarebbe fatto battezzare.

Giannotto è ormai convinto che vedendo il comportamento vergognoso del clero Abraam si convinca per sempre a non accettare la sua religione. Infatti Abraam si accorge da subito della vita peccaminosa dei chierici: lussuria, avarizia, simonia e quando torna da Giannotto questo ha ormai perso la speranza nella conversione dell’amico.

A sorpresa Abraam gli annuncia invece che nessuno potrà ostacolargli il battesimo perché proprio durante il proprio viaggio si è accorto che lo Spirito Santo è con il Cristianesimo e con nessuna altra religione, perché, pensa, solo in questo modo avrebbe potuto sopravvivere in mezzo a tanto peccato e ad accrescere di giorno in giorno il numero dei fedeli, nonostante coloro che hanno il compito di guidare il gregge fanno di tutto per disperderlo.

Questa intuizione denota una grande intelligenza ed apertura mentale verso gli altri stili di vita.

Questo accade quando uno si accosta ad una cosa con stupore,senza pregiudizi;solo così ne può vedere la vera essenza senza lasciarsi ingannare dall’aspetto esteriore delle cose.

 di Simone

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Decameron – Abraam il giudeo (riassunto)

I commenti sono chiusi

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: