EROE E ANTIEROE

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

ITALIANO

·        Centrale nel romanticismo la tematica dell’eroe, ribelle ed individuo d’eccezione, tematica che non è del tutto assente ne Le ultime lettere di Jacopo Ortis  di Ugo Foscolo. Ortis è infatti appassionato, incompreso, alfiere di una virtù di pochi che viene sommersa dal vizio dei più.

·        In un certo senso anche il superuomo dannunziano si può definire un eroe, in quanto emerge dalla massa ed è consapevole di una superiorità che gli deriva dalla cultura e dall’aspetto (vedi Andrea Sperelli ne Il piacere e Claudio Cantelmo ne Le vergini delle rocce )

·        Totò Merùmeni di Guido Gozzano è l’antieroe, volutamente contrapposto al superuomo dannunziano. Egli predilige la provincia sonnolenta, la monotonia, la morte anonima, la rassicurante bruttezza slavata del quotidiano.

 

INGLESE

·        Leggi anzitutto I masnadieri di Schiller

·        Celebre eroe romantico è Aroldo nel Pellegrinaggio del giovane Aroldo di Byron, che anche nel Conrad, protagonista del racconto in versi Il corsaro delinea la figura di un uomo che lotta contro la società, pur essendo predestinato alla sconfitta, con indomabile energia interiore, ricerca della giustizia e del bene, passionalità esasperata. Figura emblematica di eroe romantico, del resto, è lo stesso Byron (studia la sua biografia)

·        Nel dramma Salomè Wilde crea un antieroe rispetto a Dorian Gray. Jochanam è l’uomo morale che resiste alla tentazione della conturbante Salomè.

 

FRANCESE

Figura di eroe romantico nella letteratura francese è René di Chateaubriand, individuo inquieto e maledetto

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: