Gilbert Keith Chesterton

L’osteria volante

Romanzo del 1914, una storia all’insegna dellhumour inglese dall’ironia spesso sottile e non sempre comprensibile, ma ricca di spunti interessanti.

Tematiche:

1)    contro il moralismo dei benpensanti proibizionisti. Bisogna sapere infatti che all’epoca si proponeva di chiudere tutte le osterie d’Inghilterra, lasciando aperte solo quelle raccomandate per i ricconi e i Lord. La Vecchia Nave” è appunto un’osteria che, per la legge proposta da Lord Filippo Ivywood, viene fatta chiudere. Diventa allora un osteria volante”, poiché lex-proprietario, il gioviale Humphrey Pumps, decide, insieme al forzuto capitano irlandese Patrick Dalroy, di trasportare l’insegna, portandosi appresso un barilotto di rum e una forma di cacio e piantando appunto l’insegna dove capita, poiché la legge impediva l’apertura delle osterie (a parte quelle con l’insegna lasciata dai poliziotti). Lord Ivywood ama circondarsi di individui insignificanti e adulanti, come il giornalista Hibbis Comunque (traduzione italiana del suo cognome) che evidenzia il suo qualunquismo già nel cognome, appunto. Altri adulatori di Lord Ivywood sono il fattore Bullrose, uomo tutto muscoli e senza cervello, e il poeta Dorian Winpole, che alla fine, però, si avvede dell’ipocrisia di Lord Ivywood e si aggrega alla Vecchia Nave”.

2)    Numerosi gli oggetti della polemica (ironica) di Chesterton. Prima di chiunque altro, Chesterton denunciò l’infiltrazione del musulmanesimo nell’Europa cristiana, nonché il diffondersi delle sette. Chesterton è anche contro il falso ecumenismo che snatura la tradizione, contro il vegetarianismo, il pacifismo, il futurismo e la poligamia. L’antagonista principale, Lord Ivywood, si stava creando un vero e proprio harem, di cui faceva parte anche Lady Enid Winpole, sorella di Dorian, e Lady Giovanna Brett. Alla fine, quando Dalroy arriva alla guida di un esercito popolare a sconfiggere l’esercito (non a caso) di turchi guidati da Lord Ivywood, che muore nella battaglia, Lady Giovanna Brett capisce finalmente di amare Dalroy, con cui vivrà il resto della sua vita, e non Ivywood, che aveva corteggiato molte altre donne oltre a lei.

3)    Il profeta musulmano Misysra Ammon è sempre impegnato a dimostrare l’influenza dell’Islamismo sulla civiltà inglese, prospettando per il futuro un’inquietante omologazione sotto le insegne della religione universale dell’islamismo (quanto fu profetico Chesterton!). Addirittura  Ammon cerca di dimostrare che il simbolo della mezzaluna (il crescente”) prevale sulla croce nella Storia dell’Inghilterra

4)    Gli animali: in particolare interessa Quoodle, il cane di Lord Ivywood, che scappa dalla villa dei suoi padroni, poiché si trova molto più a suo agio presso Pump e Dalroy, in quanto ne intuisce l’animo sincero e genuino.

Audio Lezioni sulla Letteratura del novecento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura del novecento” su Spreaker.