GIOVE

 

I cristiani hanno sempre interpretato il Giove pagano come figura” del Dio cristiano, unico e onnipotente

 

GRECO –

Inni a Giove

Arato: Phaenomena

 

LATINO –

Giove è il re degli dei

Cicerone e Germanico traducono in latino i Arato: Phaenomena di Arato, il primo in modo più pedissequo, mentre il secondo aveva concepito (tra il 14 e il 19 d.C.) gli Aratea in modo più indipendente e critico rispetto al modello greco.

Manilio: Astronomica  opera in 5 libri (nelle intenzioni, probabilmente 6, come nel modello del De rerum natura di Lucrezio), scritta tra la fine del principato di Augusto (14 d.C.) e i primi anni di quello di Tiberio. Gli Astronomica sono permeati dalle teorie filosofiche dello stoico Posidonio. Manilio crede in una presenza divina e razionale che regola le leggi del mondo e i movimenti degli astri. Un po arida e priva di valenza politica (egli rispecchia l’ideologia del principato e la visione ordinata, ma un po fredda, tipica di Tiberio)

SENECA: Naturales quaestiones

PLINIO IL VECCHIO Naturalis istoria” (i libri dal II al VI sonon dedicati all’astronomia e geografia)

 

ITALIANO –

Dante: il cielo di Giove. (Dante chiama Dio anche Sommo Giove”)

 

GEOGRAFIA ASTRONOMICA –

Giove: satelliti e struttura del pianeta