GUERRA

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

LATINO

Per gli scrittori latini è innegabile il valore positivo della guerra, che forgia l’animo e il coraggio dell’uomo (leggi, per esempio, la Germania di Tacito, in cui si fa capire che proprio ).

ITALIANO

Privilegiamo in questa tesina i testi sulla Prima guerra Mondiale, e rimandiamo ad altre tesine per la seconda.

·        La guerra rigenera: D’Annunzio, Marinetti.

·        La guerra è assurda, ma serve per riattaccarsi alla vita: Ungaretti (Veglia) e Rebora (Viatico)

·        La guerra è giusta: La grande proletaria si è mossa (Pascoli)

·        La Prima guerra mondiale è stato uno sciocco spreco di vite al grido di Avanti Savoia” (Un anno sull’altipiano di Emil’io Lussu, da cui è stato tratto anche un film)

·        Anche Montale era interventista, ma la prima guerra mondiale non ispirò la sua poesia

INGLESE

  • R.Brooke celebra la guerra come evento positivo, in chiave nazionalistica

  • Allen e Sassoon la criticano inutilmente invece come inutile sacrificio

  • Hemingway non è pregiudizialmente contrario alla lotta e alla violenza, e descrive con toni vivaci, ma anche realistici, la ritirata di Caporetto, facendo cronaca più che propaganda pro o contro la guerra nel suo romanzo A farewell to Arms

TEDESCO

·        La vita di un uomo non è neanche degna di menzione, in mezzo al massacro generale, pertanto il laconico messaggio Niente di nuovo dal fronte occidentale che dà il titolo ad un romanzo di Eric Maria Remarque non riporta neanche la morte, ormai quasi alla fine della Prima guerra mondiale, del protagonista del romanzo

·        Bertold Brecht

CINEMA

·        Gli anni spezzati è un film australiano che descrive l’esistenza di un giovane, promettente atleta australiano, che verrà poi

·        Salvate il soldato Ryan è la riproposizione del tema caro a Brecht del sacrificio anonimo del singolo soldato, determinante per realizzare i piani bellici e politici teorizzati dalle alte sfere militari e governative

·        Codice d’onore è un atto d’accusa contro la rigidità del corpo dei marines, ed in generale di chi antepone l’orgoglio militaresco ai diritti più elementari della persona

·        Il deserto dei tartari di Valerio Zurlini contiene una polemica antimilitarista che non era presente nel testo originario di Dino Buzzati

MUSICA

·        Generale di Francesco De Gregari

La guerra di Piero di Fabrizio De André

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: