GUITTONE D’AREZZO – Tuttor ch’eo dirò “Gioi”: analisi e commento