Harry Potter e la pietra filosofale

riduzione teatrale del romanzo di Joanne K. Rowling

di Sauro Savelli

personaggi ed interpreti

                                      prof. Albus Silente     .

                     prof.ssa Minerva MacGranitt     .

                                                         Hagrid     .

                                    zio Vernon Dursley     .

                                     zia Petunia Dursley     .

                                           Dudley Dursley     .

                              Harry Potter (Grifondoro)     .

                     Tom, barman del Paiolo magico”     .

                                          Doris Crockford     .

                                                        Mago 1     .

                                                        Mago 2     .

                                               Dedalus Lux     .

                                                        Raptor     .

                                        madama McClan     .

                            Draco Malfoy (Serpeverde)     .

                              Ron Weasley Grifondoro)     .

                           Neville Paciock Grifondoro)     .

                    Hermione Granger (Grifondoro)     .

                            Vincent Tiger (Serpeverde)     .

                           Gregory Goyle (Serpeverde)     .

                       Cappello Parlante [solo voce]     .

                         Hannah Abbott (Tassorosso)     .

                                Terry Boot (Corvonero)     .

                   Millicent Bulstrode (Serpeverde)     .

               Justin Finch-Fletchley (Tassorosso)     .

                          Stephen Garper (Corvonero)     ..     

              Mary Moon (Tassorosso) [non parla]     .

                                 Alicia Nott (Tassorosso)     .

                Sally Perks (Corvonero) [non parla]     .

                Lisa Turpin (Corvonero) [non parla]     .

                                     prof. Severus Piton     .

                                              prof.sa Bumb     .

                            Oliver Baston (Grifondoro)     .

                                                Narratore 1     .

                                                Narratore 2     .

                                  Lily Potter [non parla]     .

                              James Potter [non parla]     .

                                  Voldemort [solo voce]     .

                                            Madama Chips     .

 

PRIMA PARTE

 

Scena .1.

Privet Drive

Silente – McGranitt – Hagrid

[Londra, davanti a casa Dursley. Notte. Un gatto è seduto su un muretto. Entra Silente.]

Silente             Che combinazione! Anche lei qui, professoressa McGranitt?

[Il gatto si trasforma nella McGranitt.]

McGranitt      Come faceva a sapere che ero io?

Silente             Ma, mia cara, non ho mai visto un gatto seduto in una posa così rigida.

McGranitt      Anche lei sarebbe rigido se fosse rimasto seduto tutto il giorno su un muretto di mattoni.

Silente             Tutto il giorno? Quando invece avrebbe potuto festeggiare come gli altri?

McGranitt      Eh già, sono proprio tutti lì che festeggiano. Anche i Babbani hanno notato che sta succedendo qualcosa. Lo hanno detto ai loro telegiornali. Stormi di gufi stelle cadenti Be, non sono mica del tutto stupidi. Ci scommetto che è stato Dedalus Lux. È sempre stato un po svitato

Silente             Non gli si può dar torto. Per undici anni abbiamo avuto ben poco da festeggiare.

McGranitt      [irritata] Lo so, lo so. Ma stanno commettendo una vera imprudenza, a girare per la strada in pieno giorno senza neanche vestirsi da Babbano. Sarebbe un bel guaio se, proprio il giorno in cui sembra che Lei-Sa-Chi sia finalmente scomparso, i Babbani dovessero venire a sapere di noi. Ma anche se Lei-Sa-Chi se ne è andato veramente

Silente             Mia cara professoressa, una persona come lei potrebbe decidersi a chiamarlo anche per nome! Tutte queste allusioni a ‘Lei-Sa-Chi sono una vera stupidaggine Sono undici anni che cerco di convincere la gente a chiamarlo col suo vero nome: Voldemort! Non ho mai capito per quale ragione bisognasse avere tanta paura di pronunciare il suo nome.

McGranitt      Oh, certo, per lei è diverso. Lei è il solo di cui Lei-Sa oh, d’accordo: Voldemort aveva paura.

Silente             Lei mi lusinga. Voldemort aveva poteri che io non avrò mai.

McGranitt      Soltanto perché lei è troppo nobile per usarli.

Silente             Meno male che è buio. Non arrossivo tanto da quella volta che Madama Chips mi disse quanto le piacevano i miei nuovi paraorecchi.

McGranitt      Sa che cosa dicono tutti? Su quel che l’ha fermato una buona volta? Quel che vanno dicendo è che la notte scorsa Voldemort è andato a trovare i Potter. Corre voce che Lily e James Potter siano insomma, siano morti.

[Silente china la testa.]

                        [quasi piangendo] Lily e James Non posso crederci Oh, Albus

Silente             [consolandola con piccoli colpi sulla spalla] Lo so lo so

McGranitt      E dicono che ha anche cercato di uccidere il figlio dei Potter, Harry. Ma che non c’è riuscito. Nessuno sa perché né come, ma dicono che quando Voldemort non ce l’ha fatta a uccidere Harry Potter, in qualche modo il suo potere è venuto meno ed è per questo che se né andato.

[Silente annuisce.]

                        È è vero? Dopo tutto quel che ha fatto dopo tutti quelli che ha ammazzato.. non è riuscito a uccidere un bambino indifeso? È strabiliante ma come ha fatto Harry a sopravvivere?

Silente             [estrae un orologio e lo guarda] Hagrid è in ritardo. A proposito, suppongo sia stato lui a dirle che sarei venuto qui.

McGranitt      Sì, anche se non credo che lei mi dirà perché mai, di tanti posti, abbia scelto proprio questo.

Silente             Portiamo Harry dai suoi zii, gli unici parenti che gli rimangono.

McGranitt      Non non saranno mica quei due che abitano lì! Silente non è possibile! Non avrebbe potuto trovare persone più diverse da noi. E poi quel ragazzino che hanno lho visto prendere a calci sua madre, urlando che voleva le caramelle! Harry Potter venire ad abitare qui?

Silente             È il posto migliore per lui. La zia e lo zio potranno spiegargli tutto quando sarà più grande. Ho scritto loro una lettera.

McGranitt      Una lettera? Ma davvero, Silente, crede di poter spiegare tutto questo per lettera? Questa gente non capirà mai Harry. Lui diventerà famoso! Su di lui si scriveranno volumi, tutti conosceranno il suo nome!

Silente             Proprio così. Ce ne sarebbe abbastanza per far girare la testa a qualsiasi ragazzo. Famoso per qualcosa di cui non avrà conservato neanche il ricordo! Non riesce a capire quanto starà meglio, se crescerà lontano da tutto questo fino al giorno in cui sarà pronto per reggerlo?

McGranitt      Sì sì, lei ha ragione, naturalmente. Ma in che modo arriverà qui il ragazzo?

Silente             Lo porterà Hagrid.

McGranitt      E a lei pare saggio affidare a Hagrid un compito tanto importante?

Silente             Affiderei a Hagrid la mia stessa vita.

McGranitt      Non dico che non abbia cuore, ma è un po sventato.

[Si sente un forte boato.]

                        Cos’è stato?

[Entra Hagrid in motocicletta: in mano tiene un involto di coperte con dentro un neonato.]

Silente             Hagrid! Finalmente! Ci sono stati problemi?

Hagrid            No, signore: lui ce lho qui. La casa era distrutta, ma io sono riuscito a tirarlo fuori prima che il posto si riempisse di Babbani. [mostra l’involto]

McGranitt      [indicando la fronte del bambino] È qui che

Silente             Sì. Questa cicatrice se la terrà per sempre.

McGranitt      E lei non può farci niente, Silente?

Silente             Anche se potessi, non lo farei. Le cicatrici possono tornare utili. Anchio ne ho una, sopra io ginocchio sinistro, che è una piantina perfetta della metropolitana di Londra. Dammelo qua, Hagrid; vediamo di concludere. [mette il bambino davanti la porta di casa Dursley; estrae una lettera e la  mette tra le coperte] Ecco fatto. Non c’è più ragione di restare qui. Tanto vale che andiamo a festeggiare.

Hagrid            Già. ‘Notte, professoressa McGranitt. Professor Silente, i miei rispetti. [esce con la moto]

McGranitt      Buona fortuna, Harry.

Silente             Harry Potter, il bambino che è sopravvissuto!

[Buio.]

 

Scena .2.

Casa Dursley

Dudley – Vernon – Petunia – Harry

[Mattina. A tavola Dudley sta facendo colazione e zio Vernon legge il giornale. Zia Petunia sta cucinando. In un angolo una tinozza piena d’acqua e vestiti.]

Petunia           [gridando] Sbrigati! Esci da quel ripostiglio! Immediatamente

Harry             [entra] Buongiorno.

[Vernon risponde con un grugnito; Dudley con la bocca piena.]

Petunia           Era ora!

Harry             [vedendo la tinozza] E questo cos’è?

Petunia           La tua nuova uniforme scolastica.

Harry             Oh, non avevo capito che dovesse essere bagnata!

Petunia           Non fare lo sciocco! Ti sto tingendo di grigio alcuni vestiti smessi di Dudley. Quando avrò finito sembreranno uguali a quelli di tutti gli altri.

[Harry si siede per fare colazione. Bussano alla porta.]

Vernon           Vai a prendere la posta, Dudley.

Dudley            Mandaci Harry.

Vernon           Vai a prendere la posta, Harry.

[Harry si alza ed esce.]

Sbrigati! Che fai: controlli se c’è una bomba nella posta?

[Harry ritorna con alcune buste: le passa tutte a Vernon, tranne una che guarda sorpreso.]

Dudley            Papà! Harry a ricevuto qualcosa!

Vernon           Cosa? [strappa la busta di mano a Harry]

Harry             È mia!

Vernon           E chi mai ti scriverebbe? [apre la busta e legge; terrorizzato] P P Petunia! [le passa la lettera]

Petunia           [dopo aver letto, sottovoce] Oh mio Dio, Vernon! Guarda l’indirizzo

Vernon           Harry Potter, Ripostiglio del Sottoscala, Privet Drive 4, Surrey, Londra.

Petunia           Ma come fanno a sapere dove dorme?

Vernon           [sottovoce] Forse stanno sorvegliando la casa!

Petunia           [sottovoce] Cosa dobbiamo fare? Rispondergli?

Vernon           [sottovoce] No, ignoreremo la faccenda. Se non ricevono risposta, forse

Petunia           [sottovoce] Ma

Vernon           [sottovoce] Non intendo averne uno per casa! Lo avevamo giurato!

Dudley            Voglio leggere quella lettera.

Harry             Io voglio leggerla. È mia!

Vernon           [strappandola] Non se ne parla nemmeno.

Harry             [furioso] Chi mi scrive?

Vernon           Nessuno. Era indirizzata a te per sbaglio.

Harry             Non è stato uno sbaglio. Sopra cera il mio indirizzo.

Vernon           [gridando] Silenzio. [improvvisamente calmo] Harry a proposito del ripostiglio. Sei cresciuto troppo per starci dentro penso che sarebbe carino se ti trasferissi nella seconda camera da letto di Dudley.

Harry – Dudley         Perché?

Vernon           Niente domande. Porta subito la tua roba di sopra, Harry.

[Harry esce, perplesso.]

Dudley            [scoppiando a piangere] Io non ce lo voglio in camera mia.

Petunia           Dudley tesoro

[Bussano alla porta. Vernon va a vedere e torna con un’altra busta.]

Vernon           Ce né un’altra! Harry Potter, Cameretta, Privet Drive 4, Surrey, Londra.

Harry             [entra] Ho sentito suonare

Vernon           Va subito nel tuo ripostiglio cioè, volevo dire, in camera tua!

[Bussano alla porta. Dudley va a vedere e torna con un enorme pacco di buste.]

Questo è troppo. Vi voglio qui tra cinque minuti, pronti a partire. Ce ne andiamo. Prendete solo qualche abito. Niente discussioni.

[Buio.]

 

Scena .3.

La catapecchia sul mare

Dudley – Vernon – Petunia – Harry – Hagrid

[Notte di tempesta. Si sente il rumore del mare in tempesta, con tuoni e lampi. La porta si apre ed entrano Vernon, con in mano un sacco e un fucile, Petunia, Dudley ed Harry.]

Vernon           Ci siamo. Qui, in mezzo al mare, e con questo tempaccio, non ci troverà nessuno!

Petunia           Vernon sei sicuro che

Vernon           [allegro] Harry, adesso tornerebbe utile qualcuna di quelle lettere.

Dudley            Mamma io voglio tornare a casa!

Petunia           Vedremo, Dudley caro vedremo!

Vernon           Intanto preparatevi per la notte.

[Tutti cercano di sistemarsi per dormire. Improvvisamente qualcuno bussa violentemente alla porta. I quattro si immobilizzano e fissano la porta.]

Vernon           Chi va là? Vi avverto sono armato.

[La porta si spalanca; entra Hagrid, vestito con un enorme cappotto e un ombrello al braccio.]

Hagrid            Buonasera. Si potrebbe avere una tazza di tè? Non è stato un viaggio per niente facile. [vede Harry] Oh, ecco Harry! L’ultima volta che ti ho visto, era ancora un soldo di cacio.

Vernon           Esca immediatamente, signore! Questa è

Hagrid            Chiudi il becco, Dursley! [a Harry] Allora, Harry: buon compleanno!

Vernon           Compleanno?

Petunia           Sì oggi è il compleanno di Harry, effettivamente!

Hagrid            Ho una cosetta per te mi sa che mi ci sono seduto sopra, ma il sapore dovrebbe essere ancora buono. [estrae un pacco e lo consegna a Harry]

Harry             Ma tu chi sei?

Hagrid            Giusto, non mi sono presentato. Rubeus Hagrid. Sono il Custode delle Chiavi e dei Luoghi a Hogwarts.

Harry             Hogwarts?!

Hagrid            Naturalmente, saprai tutto di Hogwarts.

Harry             Tutto cosa?

Hagrid            [furioso] Tutto cosa?! Aspetta un attimo. [ai Dursley] Volete dirmi che questo ragazzo non sa niente di niente?

Harry             [un po offeso] Beh alcune cose le so: so far di conto e altre cose del

Hagrid            Del nostro mondo, dico, del mondo dei tuoi genitori.

Harry             Quale mondo?

Hagrid            [furioso] Ma di tua madre e tuo padre devi sapere. Insomma sono famosi. Tu sei famoso!

Harry             Papà e mamma sono famosi?

Hagrid            Harry tu tu non sai chi sei?

Vernon           La smetta immediatamente! Le proibisco di dire qualsiasi cosa!

Hagrid            [rabbioso a Vernon] Non gli hai mai detto che cosa cera scritto nella lettera che Silente gli ha appiccicato addosso?

Vernon           Non cera nessuna lettera

Hagrid            Guarda che io cero, Dursley! Ho visto Silente mentre la metteva tra le coperte. E gliel’hai tenuta nascosta per tutti questi anni?

Harry             Che cosa mi ha tenuto nascosto?

Vernon           Basta! Glielo proibisco!

Hagrid            Harry Harry tu sei un mago!

Harry             Che cosa sono, io?

Hagrid            Un mago, chiaro? Anzi, un mago coi fiocchi, direi, una volta che avrai studiato un po. Penso proprio che è venuto il momento di leggere questa. [estrae una busta e la porge a Harry]

Harry             Harry Potter, Piano Terra, Catapecchia sullo scoglio, Mare. [apre la busta]

McGranitt      [solo voce] Caro Mister Potter, siamo lieti di informarla che lei ha diritto a frequentare la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Qui accl’uso troverà l’elenco di tutti i libri di testo e delle attrezzature necessarie. I corsi avranno inizio il 1° settembre. Restiamo in attesa della sua risposta via gufo entro e non oltre il 31 luglio prossimo venturo. Con ossequi, Minerva McGranitt, vicedirettrice.

Vernon           Non ci andrà.

Hagrid            Vorrei proprio vedere un Babbano della tua specie che ferma Harry.

Harry             Un che cosa?

Hagrid            Un Babbano: è così che chiamiamo le persone senza poteri magici, come loro. Ed è una grande sfortuna che tu sei cresciuto nella famiglia dei Babbani peggio che ho mai visto.

Vernon           Quando lo abbiamo preso, abbiamo giurato di farla finita con tutte queste stupidaggini. Magia! Figuriamoci!

Harry             Lo sapevate? Voi sapevate che io sono un mago?

Petunia           Certo che sapevamo! Mia sorella ricevette una lettera proprio come la tua e sparì in quella scuola Io ero l’unica che capisse quel che era: unanormale! Ma per mio padre e mia madre, no! Loro Lily di qua, Lily di là! Erano tutti fieri di avere una strega in famiglia! Poi, a scuola conobbe quel Potter. Si sposarono e nascesti tu. E poi, se permetti, hanno avuto la bella idea di saltare in aria, e tu ci sei piombato tra capo e collo.

Harry             Saltati in aria? Mi avevate detto che erano morti in un incidente dauto.

Hagrid            Incidente dauto? È scandaloso che Harry ignori la propria storia, quando non c’è moccioso nel nostro mondo che non conosca il suo nome!

Harry             Ma perché? Che cosa è successo?

Hagrid            Oh, Harry, non so se sono la persona giusta per dirtelo ma qualcuno deve pure. Credo che tutto ha avuto inizio con con una persona di nome Ma è incredibile che tu non sai come si chiama: tutti, nel nostro mondo, lo sanno

Harry             Chi?

Hagrid            Preferisco non nominarlo, se posso. Tutti preferiscono non nominarlo.

Harry             Puoi scriverlo?

Hagrid            No, non so scriverlo. E va bene: Voldemort ma non farmelo ripetere. Circa venti anni fa, questo mago cominciò a mettersi in cerca di seguaci. Tempi bui sono successe cose terribili. Qualcuno cercò di fermarlo e lui lo uccise. Credo che Silente è il solo di cui Tu-Sai-Chi avesse paura. Il tuo papà e la tua mamma non volevano avere niente a che fare con il Lato Oscuro. Bene, dieci anni fa, il giorno di Halloween, tu avevi appena un anno, lui entrò nella casa che abitavate e uccise i tuoi genitori. E poi cercò di uccidere anche te. Ma non ci riuscì: e questa è la cosa veramente misteriosa. Nessuno di quelli che lui aveva deciso di uccidere l’ha fatta franca, nessuno, tu solo. E questo è il motivo per cui sei famoso, Harry. Ti sei mai chiesto come hai quella cicatrice sulla fronte?

Harry             Ma che ne è stato di Vol ehm, scusa, di Tu-Sai-Chi?

Hagrid            Svanito nel nulla la stessa notte che cercò di ucciderti. E questo ti ha reso ancor più famoso. Questo è il mistero dei misteri, vedi Stava diventando sempre più potente: perché sparire? Alcuni dicono che è morto. I più credono che è ancora vivo chissà dove, ma che ha perso i suoi poteri perché qualcosa di te, Harry, lo ha sconfitto.

Harry             Hagrid, credo che ti sia sbagliato. È impossibile che io sia un mago.

Hagrid            [ridendo] Harry Potter non è un mago? Aspetta di arrivare a Hogwarts!

Vernon           Mi pareva di averle detto che il ragazzo non ci va, in quel posto.

Hagrid            Harry frequenterà la migliore scuola di magia del mondo, starà sotto il più grande direttore che Hogwarts ha mai avuto, Albus Silente

Vernon           [gridando] Io non intendo pagare perché un vecchio pazzo stravagante gli insegni qualche magia!

Hagrid            [furibondo] Mai insultare Albus Silente davanti a me! [agita l’ombrello]

[Dall’ombrello parte un lampo. Dudley urla e una coda di maiale gli esce dai pantaloni.]

Dudley            [gridando] Ah! Aiuto!

Petunia           [gridando] Dudley, tesoro!

Vernon           [gridando] Presto, fuggiamo!

[I Dursley escono di corsa. Il sipario si chiude: Harry e Hagrid parlano davanti al sipario.]

Hagrid            Che non ti scappi con nessuno, a Hogwarts, eh? Ehm vedi, secondo la regola, io non dovrei fare magie.

Harry             Perché?

Hagrid            Oh, be,  sai anch’io un tempo frequentavo la scuola di Hogwarts, ma ehm per dirla tutta, sono stato espulso. Al terzo anno. Mi hanno spezzato la bacchetta magica a metà, eccetera, eccetera. Ma Silente mi ha permesso di rimanere come guardiacaccia. Granduomo, Silente!

Harry             E perché sei stato espulso?

Hagrid            [imbarazzato] Mi sa che si fa tardi Dobbiamo arrivare in città, comprare i libri e tutto il resto. [porge a Harry un foglio]

McGranitt      [solo voce] Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Uniforme. Gli studenti del primo anno dovranno avere: tre completi da lavoro in tinta unita (nero), un cappello a punta in tinta unita (nero), un paio di guanti di protezione (in pelle di drago o simili), un mantello invernale (nero con alamari d’argento). Tutti gli indumenti degli allievi devono essere contrassegnati da una targhetta con il nome. Libri di testo. Tutti gli allievi dovranno avere una copia dei seguenti testi: Manuale degli Incantesimi, volume primo, di Miranda Gadula, Storia della Magia, di Bathilda Bath, Teoria della Magia, di Adalberth Incant, Guida pratica alla trasfigurazione per principianti, di Emeric Zott, Mille erbe e funghi magici, di Phyllida Spore, Infusi e pozioni magiche, di Arsenius Brodus, Gli animali fantastici: dove trovarli, di Newt Scamandro, Le Forze Oscure: guida allautoprotezione, di Dante Tremante. Altri accessori: una bacchetta magica, un calderone in peltro, un set di provette di vetro o cristallo, un telescopio, una bilancia dottone. Gli allievi possono portare anche un gufo, o un gatto, o un rospo. Si ricorda che agli allievi del primo anno non è consentito l’uso di manici di scopa personali.

[Buio durante la lettura del foglio.]

 

Scena .4.

Il Paiolo magico”

Harry – Hagrid – Tom – Doris – Mago 1 – Mago 2 – Dedalus – Raptor

[Locanda affollata di maghi e streghe. Entrano Harry e Hagrid.]

Hagrid            Eccoci arrivati. Questo è il Paiolo magico”. Un posto famoso.

Tom                Il solito, Hagrid?

Hagrid            Non posso, Tom: sono in servizio per Hogwarts.

Tom                Oh, per tutti i calderoni! Questo è non sarà mica? [si avvicina] Mi venisse un colpo ma è Harry Potter! Quale onore!

[Tutti i presenti ammutoliscono e osservano.]

                        [stringendo la mano a Harry] Bentornato, mister Potter, bentornato!

[Tutti si affollano intorno a loro.]

Doris               [stringendogli la mano] Sono Doris Crockford, mister Potter. Non riesco a crederci! Finalmente la conosco!

Mago 1           [stringendogli la mano] Sono così orgoglioso di conoscerla, mister Potter!

Mago 2           [stringendogli la mano] Ho sempre desiderato stringerle la mano Sono così agitato!

Dedalus          Oh, mister Potter, non so dirle quanto piacere mi fa conoscerla! Mi chiamo Lux, Dedalus Lux.

Harry             Ma io la conosco! Una volta mi ha fatto linchino in un negozio.

Dedalus          Se lo ricorda! Avete sentito? Si ricorda di me!

[Raptor si avvicina.]

Hagrid            Professor Raptor! [a Harry] Harry, il professore Raptor sarà uno dei tuoi insegnanti a Hogwarts.

Raptor            [balbettando] Potter, non so dirle quanto sono felice di conoscerla.

Harry             Che cosa insegna lei, professor Raptor?

Raptor            [balbettando] Difesa contro le Arti Oscure. Non che a lei serva, eh, Potter? Suppongo che starà rifornendosi di tutto quel che le serve, vero, Potter?

Hagrid            Certo Infatti, ora dobbiamo andare: abbiamo un mucchio di acquisti da fare. Sbrigati, Harry.

[Salutano tutti. Il sipario si chiude.]

                        Te lavevo detto, che eri famoso. Anche il professor Raptor tremava tutto quando ti ha conosciuto Va bene che per lui tremare è normale.

Harry             È sempre così nervoso?

Hagrid            Oh sì! Povero diavolo. È stato benissimo fino a che ha studiato sui libri, ma poi si è preso un anno di congedo per andare a fare qualche esperienza sul campo dicono che nella Foresta Nera ha incontrato i vampiri Da allora non è più lui. Tutto lo spaventa

Harry             Hagrid, dove stiano andando?

Hagrid            A fare spesa.

Harry             Ma io non ho soldi. E zio Vernon non tirerà fuori uno spicciolo

Hagrid            Di che ti preoccupi? Pensi che i tuoi genitori non ti hanno lasciato niente?

Harry             Ma la casa è andata distrutta!

Hagrid            Non tenevano mica loro in casa, ragazzo! Prima di tutto dobbiamo passare alla Gringott.

Harry             La Gringott?

Hagrid            La banca dei maghi. Lì ritiriamo un po del tuo denaro. E poi io devo ritirare una certa cosa per conto di Silente. Sbrighiamoci.

[Buio.]

 

Scena .5.

Da Madama McClan”

McClan – Draco – Hagrid – Harry

[Il negozio di madama McClan, che sta sistemando delle stoffe. Entra Draco Malfoy.]

Draco             Lei è madama McClan?

McClan          Buongiorno, mio caro. Sì, sono io. Posso fare qualcosa per te?

Draco             [con aria sostenuta] Certo. Ho bisogno di ununiforme nuova, per il mio primo anno a Hogwarts.

McClan          Sei venuto nel posto giusto. Vediamo cosa posso darti

Draco             Voglio la stoffa migliore. Il mio papà non bada a spese.

McClan          Certo, capisco. Credo che questa faccia al caso tuo. [mostra della stoffa]

Draco             È la stoffa più costosa che avete?

McClan          Direi proprio di sì.

Draco             Allora va bene.

McClan          Se vuoi aspettare un momento, andrò subito a prepararla. [esce]

Harry             [entra] Permesso?

[Draco guarda Harry.]

McClan          [rientra] Avanti.

Harry             Buongiorno.

McClan          Anche tu ad Hogwarts, caro?

Harry             Sì, primo anno.

McClan          Ho qui tutto loccorrente.

Harry             Molto bene, perché io non so proprio cosa comprare.

McClan          Fidati di madama McClan. Dovrai solo aspettare qualche minuto.

Harry             Non si preoccupi: aspetterò.

McClan          [indica Draco] C’è un altro giovanotto che sta comprando l’uniforme. [esce]

Draco             Ciao. Sei del primo anno?

Harry             Sì.

Draco             Mio padre mi sta comprando i libri, e mia madre sta guardando le bacchette magiche, un po più avanti. Dopo li trascinerò a vedere le scope da corsa. Non capisco proprio perché noi del primo anno non possiamo averne di personali. Penso che costringerò mio padre a comperarmene una e la porterò dentro di straforo, in un modo o nell’altro. E tu ce l’hai un manico di scopa tuo?

Harry             No.

Draco             Sai giocare a Quidditch?

Harry             No.

Draco             Io sì. Papà dice che sarebbe un delitto se non mi scegliessero per far parte della squadra del mio dormitorio, e devo dire che sono proprio d’accordo. Tu sai già in quale dormitorio andrai a stare?

Harry             No.

Draco             Be, nessuno lo sa veramente finché non si trova sul posto, non è vero? Ma io so che starò a Serpeverde; tutta la nostra famiglia è stata lì. Pensa, ritrovarsi a Tassorosso! Io credo che me ne andrei, e tu?

[Entra Hagrid, con in mano un pacco voluminoso, e si ferma in disparte per non disturbare.]

                        [sottovoce] Ehi, guarda quello!

Harry             È Hagrid, il guardiacaccia di Hogwarts.

Draco             Ho sentito dire che è una specie di selvaggio vive in una capanna della scuola. Ogni tanto si ubriaca, cerca di fare delle magie e finisce con lappiccare il fuoco al suo letto.

Harry             [gelido] Secondo me è geniale.

Draco             Davvero? Ma perché sei con lui? Dove sono i tuoi genitori?

Harry             Sono morti.

Draco             Oh, scusa. Ma erano come noi?

Harry             Erano una strega e un mago, se è questo che intendi.

Draco             Io non penso che dovrebbero permettere agli altri” di frequentare, non trovi? Loro non sono come noi, non sono capaci di fare quello che facciamo noi. Pensa che alcuni, quando hanno ricevuto la lettera, non avevano mai neanche sentito parlare di Hogwarts. Secondo me, dovrebbero limitare la frequenza alle più antiche famiglie di stregoni. A proposito, tu come ti chiami?

[Rientra McClan con due pacchi.]

McClan          Ecco fatto, miei cari. Sono venti zellini.

Draco             [aprendo un portamonete] Questi sono i miei.

Harry             [estraendo alcune monete di tasca] E questi i miei. Grazie.

McClan          È stato un piacere, miei cari. E in bocca al lupo per gli studi. [esce]

Draco             [a Harry] Bene, penso che ci rivedremo a Hogwarts. [esce]

[Il sipario si chiude. Harry si avvicina a Hagrid.]

Hagrid            [consegnandogli il pacco] Questo è per il tuo compleanno, Harry.

Harry             Oh, Hagrid, non dovevi.

Hagrid            Lo so. Ma ho pensato che ti avrebbe fatto piacere.

[Harry scarta il pacco: contiene una gabbia con una civetta bianca dentro.]

Harry             Una civetta! Oh, è magnifica.

Hagrid            Si chiama Edvige. Sai, nel nostro mondo le usiamo come portalettere.

Harry             [abbracciando Hagrid] Grazie, Hagrid!

Hagrid            Di niente, ragazzo!

Harry             Hagrid, senti che cos’è il Quidditch?

Hagrid            Continuo a dimenticare quanto poco sai Il Quidditch è il nostro sport. Lo sport dei maghi. È come come il calcio nel mondo dei Babbani: tutti seguono il Quidditch. Si gioca in aria, cavalcando manici di scopa, e con quattro palle È difficile spiegare le regole.

Harry             E che cosa sono Serpeverde e Tassorosso?

Hagrid            Sono dormitori. A Hogwarts ce ne sono quattro. Tutti dicono che quelli di Tassorosso sono un branco di mollaccioni, ma

Harry             Scommetto che io finisco a Tassorosso.

Hagrid            Meglio Tassorosso che Serpeverde. Tutti i maghi e le streghe che hanno fatto una brutta fine sono stati a Serpeverde. Tu-Sai-Chi era uno di loro.

Harry             Vol oh, scusa Tu-Sai-Chi è stato a Hogwarts?

Hagrid            Tanti anni fa. Ora dobbiamo sbrigarci, devi ancora comperare la tua bacchetta magica. È importante per un mago e dobbiamo avere il meglio; e per questo andremo da mister Olivander. Vieni.

[Buio.]

 

Scena .6.

L’Espresso per Hogwarts

Harry – Ron – Neville – Hermione – Draco – Tiger – Goyle

[Uno scompartimento. Harry entra, sistema la valigia e si siede. Poco dopo entra Ron.]

Ron                 Quel posto è occupato? Il treno è pieno zeppo

Harry             No, siediti.

Ron                 [tendendo la mano] Ron Weasley.

Harry             [tendendo la mano] Harry Potter.

Ron                 [stupito] Harry Harry Potter? Quel” Harry Potter?

Harry             Lui. Cioè sì, voglio dire, io.

Ron                 E hai veramente voglio dire [si indica la fronte]

Harry             [mostrando la cicatrice] Intendi questa?

Ron                 Allora è lì che Tu-Sai-Chi

Harry             Sì.

Ron                 E come?

Harry             Oh io non ricordo niente: solo una gran luce verde.

Ron                 Wowh!

Harry             Nella tua famiglia siete tutti maghi?

Ron                 Eh sì, credo di sì Penso che mamma abbia un cugino di secondo grado che fa il ragioniere, ma non ne parliamo mai. Ho sentito dire che sei andato a vivere con i Babbani. Come sono?

Harry             Orribili bè, non tutti. Mia zia, mio zio e mio cugino sì, però.

Ron                 Io sono il sesto della nostra famiglia a frequentare Hogwarts. Mi tocca essere all’altezza di un sacco di aspettative. E poi, con cinque fratelli, non riesci mai a metterti un vestito nuovo. Io mi vesto con gli abiti smessi di Bill, uso la vecchia bacchetta di Charlie e il vecchio topo di Percy. Lui ha ricevuto in dono un gufo da papà, perché è stato fatto prefetto, ma i miei non si potevano perm cioè, voglio dire, io invece, ho ricevuto Crosta.

Harry             Io, invece, finché Hagrid non me l’ha detto non sapevo neanche di essere un mago, e ignoravo tutto sui miei genitori o su Voldemort, e così

Ron                 [terrorizzato] Oh no

Harry             Che cosa c’è?

Ron                 Hai pronunciato il nome di Tu-Sai-Chi

[La porta dello scompartimento di apre e si affaccia Neville.]

Neville            Scusate, avete mica visto un rospo?

Harry – Ron   No.

Neville            L’ho perso! Continua a scappare!

Harry             Vedrai, tornerà.

Neville            Se lo vedete [se ne va]

Harry             Posso chiederti un piacere?

Ron                 Se posso.

Harry             Faresti un incantesimo? Non ne ho mai visto uno.

Ron                 Ah, beh Proverò con qualcosa di semplice. [estrae la bacchetta]

[La porta dello scompartimento si apre e si affaccia Hermione.]

Hermione       Qualcuno ha visto un rospo? Neville ha perso il suo.

Ron                 Gli abbiamo già detto che non lo abbiamo visto.

Hermione       State facendo una magia? [entra] Io ho provato a fare alcuni incantesimi semplici semplici e mi sono riusciti tutti. Nella mia famiglia nessuno ha poteri magici; è stata una vera sorpresa quando ho ricevuto la lettera, ma mi ha fatto un tale piacere Ho imparato a memoria tutti i libri di testo, naturalmente A proposito, mi chiamo Hermione Granger, e voi?

Ron                 [di malavoglia, mettendo via la bacchetta] Io sono Ron Weasley.

Harry             Harry Potter.

Hermione       Davvero? Io so tutto di te, naturalmente. Ho visto che sei citato in Storia moderna della magia”, Ascesa e declino delle Arti Oscure” e anche in Grandi eventi magici del Ventesimo Secolo”.

Harry             Sul serio?

Hermione       Non lo sapevi? Io, se fossi in te, avrei cercato di sapere tutto il possibile. Sapete in quale dormitorio andrete? Io spero di essere a Grifondoro; sembra di gran lunga il migliore; ho sentito dire che c’è andato anche Silente, ma anche Corvonero non dovrebbe essere tanto male Comunque, meglio che mi muova per cercare il rospo di Neville. [esce]

Ron                 Qualunque sia il mio dormitorio, spero che non sia anche il suo.

Harry             In quale dormitorio sono i tuoi fratelli?

Ron                 Grifondoro. Anche papà e mamma sono stati lì. Chissà che cosa diranno se io non ci vado. Se mi mettono a Serpeverde

Harry             Era il dormitorio di Vol ehm di Tu-Sai-Chi, vero?

Ron                 Sì. A proposito: hai letto sulla Gazzetta del Profeta”

Harry             Gazzetta del”?

Ron                 No, non credo che arrivi nel mondo dei Babbani: è il giornale di noi maghi. Cera scritto che hanno cercato di rapinare una camera di massima sicurezza della Gringott.

Harry             Davvero?

Ron                 Papà dice che deve essere stato un potente mago del Male, ma pare che non sia stato preso niente, e questa è la cosa strana. Quando succedono cose di questo genere tutti pensano che dietro ci sia Tu-Sai-Chi.

[Si apre la porta dello scompartimento ed entrano Draco, Tiger e Goyle.]

Draco             Per tutto il treno vanno dicendo che tu sei Harry Potter. È vero?

Harry             Sì.

Draco             Oh, questo è Tiger e questo e Goyle. E io mi chiamo Malfoy. Draco Malfoy. [a Ron, che sorride] Trovi buffo il mio nome, vero? Non c’è bisogno che chieda il tuo. Tutti i Weasley hanno capelli rossi, lentiggini e più figli di quelli che si possono permettere. [a Harry] Non tarderai a scoprire che alcune famiglie di maghi sono molto migliori di altre, Potter. Non vorrai mica fare amicizia con le persone sbagliate? In questo posso aiutarti io. [tende la mano verso Harry]

Harry             [gelido] Credo saper capire da solo le persone sbagliate, grazie.

Draco             Io ci andrei piano se fossi in te, Potter. Se non diventi più gentile, farai la stessa fine dei tuoi genitori. Neanche loro sapevano come ci si comporta. Continua a frequentare gentaglia come i Weasley e quell’altro Hagrid là, e diventerai né più né meno come loro.

Ron                 [alzandosi in piedi, minaccioso] Ripetilo.

Draco             Che vuoi fare? Prenderci a pugni?

Harry             [alzandosi in piedi minaccioso] Sì, se non uscite immediatamente di qui.

Draco             Non è il caso di prendersela tanto. Ce ne andiamo. Ma ci rivedremo presto Potter!

[Draco, Tiger e Goyle escono.]

Harry             Non te la prendere

Ron                 Un giorno o l’altro gliela farò vedere io [estrae due Cioccorane dalla tasca] Ne vuoi una?

Harry             Cos’è?

Ron                 È una Cioccorana: sono cioccolatini a forma di rana.

Harry             [prendendola] Grazie.

Ron                 Ah guarda la figurina che c’è dentro.

Harry             Che cosa?

Ron                 Dentro alle Cioccorane ci sono le figurine di streghe e maghi famosi sai, per fare collezione. A me mancano solo Agrippa e Tolomeo.

Harry             [apre la Cioccorana, estrae la figurina] Albus Silente”

Ron                 Di lui ne ho tantissime. [apre la sua Cioccorana] Uffa un’altra Morgana

Harry             [leggendo dietro la figurina] Albus Silente, attuale preside di Hogwarts. Considerato da molti il più grande mago dellera moderna, Silente è noto soprattutto per avere sconfitto nel 1945 il mago del male Grindelwald, per avere scoperto i dodici modi per utilizzare sangue di drago e per i suoi esperimenti di alchimia, insieme al collega Nicolas Flamel. Il professor Silente ama la musica da camera e il bowling.”

Ron                 [dandogli la sua figurina] Tientela. Così inizi anche tu a fare la raccolta.

Voce               [fuori scena] Tra cinque minuti arriveremo a Hogwarts. Siete pregati di lasciare il bagaglio sul treno; verrà portato alla scuola separatamente.

[Buio.]

 

Scena .7.

Lo smistamento

McGranitt – Cappello – Tutti gli studenti – Tutti i professori

[Salone dingresso di Hogwarts. Al centro McGranitt. Entra il gruppo di studenti del primo anno.]

McGranitt      Benvenuti a Hogwarts, cari studenti della prima classe. Il banchetto per l’inizio dell’anno scolastico avrà luogo tra breve, ma prima verrete smistati nei vostri dormitori. Per tutto il tempo che passerete qui a Hogwarts, il vostro dormitorio sarà un po come la vostra famiglia: frequenterete le lezioni con i vostri compagni di dormitorio, dormirete nei locali destinati al vostro dormitorio e passerete il tempo libero nella sala di ritrovo del vostro dormitorio. I quattro dormitori sono Corvonero, Grifondoro, Serpeverde e Tassorosso. Ciascuno ha la sua nobile storia e ciascuno ha sfornato maghi e streghe di primordine. Per il tempo che resterete a Hogwarts, i trionfi che otterrete faranno vincere punti al vostro dormitorio, mentre ogni violazione delle regole gliene farà perdere. Alla fine dell’anno, il dormitorio che avrà totalizzato più punti verrà premiato con una coppa, il che costituisce un grande onore. Spero che ognuno di voi darà lustro al proprio dormitorio. Ora, preparatevi.

[Si apre il fondo della scena e appare la Sala Grande: in fondo il tavolo con i professori; al centro uno sgabello con il Cappello.]

Cappello         Forse pensate che non sono bello, – ma diffidate di ciò che vedete;

                        faccio promessa di far di cappello – se di più saggi ne ritroverete.

                        Non c’è pensiero che mi nascondiate – che il mio potere non sappia vedere,

                        quindi indossatemi ed ascoltate – il dormitorio in cui rimanere.

                        Avvicinatevi senza paure – e sistematemi in capo all’istante:

                        con me sarete tra mani sicure – perché io sono un Cappello Parlante!

[Tutti applaudono. McGranitt estrae una pergamena e la apre.]

McGranitt      Quando chiamerò il vostro nome, voi metterete il cappello in testa e vi siederete sullo sgabello. [leggendo dalla pergamena] Abbott Hannah.

[Man mano che i ragazzi vengono chiamati, si siedono sullo sgabello, mettono il cappello; poi si alzano, depositano il cappello e si rimettono in fila con gli altri.]

Cappello        Tassorosso.

McGranitt      Boot Terry.

Cappello        Corvonero.

McGranitt      Bulstrode Millicent.

Cappello        Serpeverde.

McGranitt      Finch-Fletchley Justin.

Cappello        Tassorosso.

McGranitt      Garper Stephen.

Cappello        Corvonero.

McGranitt      Goyle Vincent.

Cappello        Serpeverde.

McGranitt      Granger Hermione.

Cappello        Grifondoro.

McGranitt      Malfoy Draco.

Cappello        Serpeverde.

McGranitt      Moon Mary.

Cappello        Tassorosso.

McGranitt      Nott Alicia.

Cappello        Tassorosso.

McGranitt      Paciock Neville.

Cappello        Grifondoro.

McGranitt      Perks Sally.

Cappello        Corvonero.

McGranitt      Potter Harry.

[Brusio generale. Harry si avvicina, prende il cappello si siede sullo sgabello.]

Cappello         [tra sé] Ehm Difficile, molto difficile. Vedo coraggio da vendere, e neanche un cervello da buttar via. C’è talento, oh, sì e un bel desiderio di mettersi alla prova. Molto interessante. Allora, dove ti metto?

Harry             [piano, tra sé] Non a Serpeverde, non a Serpeverde!

Cappello         [tra sé] Non a Serpeverde, eh? Nei sei proprio sicuro? Potresti diventare grande, sai: qui, nella tua testa, c’è di tutto, e Serpeverde ti aiuterebbe sulla via della grandezza, su questo non c’è dubbio

Harry             [tra sé] Non a Serpeverde.

Cappello         [tra sé] No? Be, se sei proprio così sicuro allora [forte] Grifondoro!

McGranitt      Tiger Gregory.

Cappello        Serpeverde.

McGranitt      Turpin Lisa.

Cappello        Corvonero.

McGranitt      Weasley Ron.

Cappello        Grifondoro.

[McGranitt porta via il Cappello e Silente si alza in piedi.]

Silente             Benvenuti! Benvenuti al nuovo anno scolastico di Hogwarts! Prima di dare inizio al nostro banchetto, vorrei dire qualche parola. E cioè: stupido, grasso di balena, rimanenze, pizzicotto! Grazie!

[Tutti applaudono. Mentre si chiude il sipario, il Coro intona lInno di Hogwarts.]

Coro               Hogwarts per sempre a noi sarai luce – in questo viaggio, finché avremo vita.

                        In ogni istante del nostro cammino – sempre per Hogwarts

solo per Hogwarts, – sarà per Hogwarts il nostro cuor.

Hogwarts insegnaci tutto il sapere, – riempi la mente di ogni tuo alunno.

                        Giovani o vecchi dovunque saremo – sempre per Hogwarts

solo per Hogwarts, – sarà per Hogwarts il nostro cuor.[1]

 [Buio.]

 

Scena .8.

La lezione di Pozioni

Harry – Ron – Hermione – Studenti – Piton

[Aula di Pozioni. I Grifondoro e i Serpeverde sono seduti ai banchi. Entra Piton, accigliato.]

Piton               Siamo qui per imparare la delicata scienza e l’arte esatta delle Pozioni. Poiché qui non si agita insulsamente la bacchetta, molti di voi stenteranno a credere che si tratti di magia. Non mi aspetto che comprendiate a fondo la bellezza del delicato potere dei liquidi che scorrono nelle vene umane, stregando la mente e i sensi Io posso insegnarvi a imbottigliare la fama, la gloria, addirittura la morte sempre che non siate una manica di teste di legno, come un genere sono tutti gli allievi che mi toccano. [nota Harry] Ah, vedo Harry Potter. La nostra nuova celebrità. Vediamo Potter, che cosa ottengo se verso della radice di asfodelo in polvere dentro un infuso di artemisia?

[Hermione alza la mano.]

Harry             Non lo so, signore.

Piton               Bene, bene è chiaro che la fama non è tutto. Proviamo ancora. Potter dove guarderesti se ti dicessi di trovarmi una pietra bezoar?

[Hermione alza la mano.]

Harry             Non lo so, signore.

Piton               Immagino che tu non abbia neanche aperto un libro prima di venire qui, vero, Potter? E Potter, qual è la differenza tra l«Aconitum napellus» e l«Aconitum lycoctonum»?

[Hermione alza la mano.]

Harry             Non lo so. Ma penso che Hermione lo sappia. Provi a chiederlo a lei.

Piton               Per tua norma e regola, Potter, asfodelo e artemisia insieme fanno una pozione soporifera conosciuta come Distillato della Morte vivente”. Un bezoar è una pietra che si trova nella pancia delle capre e che salva da molti veleni. Per quanto riguarda l«Aconitum napellus» e l«Aconitum lycoctonum», sono la stessa pianta, nota anche con il semplice nome di «aconito». La tua ignoranza, Potter, ha appena fatto perdere tre punti a Grifondoro. Beh, e voialtri? Perché non prendete appunti?

[Buio.]

 

Scena .9.

Lingaggio come cercatore

Bumb – Grifondoro – Serpeverde – Hannah – Stephen – McGranitt – Baston

[A sipario chiuso entra Bumb, parlando verso il pubblico, dove si immagina siano allineati gli allievi di Serpeverde e Grifondoro per la lezione di volo.]

Bumb             Be, che cosa state aspettando? Ciascuno prenda posto accanto a un manico di scopa. Muoversi! Bene. Stendete la mano destra sopra la vostra scopa e dite Su!”.

Tutti               [fuori scena] Su!

Bumb             Molto bene mister Potter. Signorina Granger, la sua scopa non ha fatto che rotolare ai suoi piedi: si concentri. Mister Neville la sua non si è neanche mossa

[Risate dei Serpeverde.]

                        [acida verso i Serpeverde] Ma è una cosa che può succedere, la prima volta. Chiaro, Serpeverde? Avanti, riproviamo.

Tutti               Su!

Bumb             Molto bene. Ora mettetevi a cavallo della scopa. Ecco così. E ora, quando suonerò il fischietto, datevi una spinta premendo i piedi per terra. Tenete salde le scope e sollevatevi di un metro circa; poi tornate giù inclinandovi leggermente in avanti. Al mio fischio: tre, due Mister Neville, deve aspettare il mio fischio! Attento, mister Neville torni giù!

[Neville rotola in scena, mentre la sua scopa schizza avanti: una ricordella” scivola dalla sua tasca. Entrano i Grifondoro allarmati e i Serpeverde divertiti, ciascuno con le proprie scope.]

                        [osservando il polso di Neville] Uhm polso rotto. [aiutandolo ad alzarsi] Coraggio, mio caro non è niente, alzati! [agli altri] Nessuno si muova mentre io lo accompagno in infermeria. Niente tentativi di volo, o verrete espulsi da Hogwarts prima di avere il tempo di dire a”. Andiamo, caro!

[Bumb esce con Neville.]

Draco             Hai visto che faccia, quel gran salame che non è altro?

Hermione       Chiudi il becco, Malfoy.

Millicent         Oh, non prenderai mica le difese di Paciock!

Draco             [prendendo l’oggetto caduto a Neville] Guardate! Sbaglio o è una ricordella.

Tiger               Sì è la ricordella che la nonna di Neville gli ha mandato per aiutarlo a ricordarsi le cose

Harry             Da qui, Malfoy.

Draco             Penso che la metterò in un posticino dove Paciock dovrà andarsela a prendere. Cosa ne dite della cima di un albero? [esce inforcando la scopa]

Harry             [lo segue] Dammela!

Hermione       No, Harry!

Draco             [fuori scena] Vienitela a prendere, Potter!

Hermione       Madama Bumb ci ha detto di non muoverci ci caccerai tutti nei guai!

[Il gruppo fingendo di vedere un inseguimento aereo verso il pubblico. Entrano Hannah e Stephen.]

Stephen          Harry ignora la raccomandazione di Hermione.

Hannah          Sente il sangue pulsargli nelle orecchie.

Stephen          E si rende conto che volare è una cosa facilissima per lui

Hannah          Gli riesce bene, senza bisogno di studiare.

Stephen          Una sensazione meravigliosa.

Harry             [v.f.s.] Dammela, Malfoy! O ti butto giù da quel tuo manico di scopa!

Draco             [v.f.s.] Ah sì? Prendila, se ti riesce, Potter!

[Entra McGranitt, che non vista, assiste alla scena.]

Hannah          Draco getta la ricordella in aria.

Stephen          E si lancia in picchiata verso terra.

Hannah          Harry si china in avanti e punta il manico della scopa verso il basso.

Stephen          Acquista velocità in una picchiata spaventosa.

Hannah          Allunga la mano

Stephen          Afferra la ricordella

Hannah          E raddrizza la scopa, rallentando la sua corsa.

McGranitt      [gridando] Harry Potter!

[Silenzio. Rientrano Draco e Harry, con la ricordella in mano. Hannah e Stephen escono.]

                        Come avete osato avreste potuto rompervi losso del collo!

Hermione       Non è stata colpa di Potter, professoressa

McGranitt      Taci, signorina Granger

Ron                 Ma Malfoy

Mcgranitt       Basta così, signor Weasley. Rientrate immediatamente: la lezione di volo è sospesa. Lei, Potter, resta qui con me. [chiamando] Baston.

[Tutti escono mogi. Entra Baston.]

                        Potter, questo è Oliver Baston. Baston ti ho trovato un Cercatore.

Baston            Dice sul serio, professoressa?

McGranitt      Ci puoi giurare. Il ragazzo ha un talento naturale. Non ho mai visto niente di simile. Era la prima volta che salivi su un manico di scopa, Potter?

Harry             Sì.      

McGranitt      Ha preso quella palla dopo una picchiata di venti metri. Senza farsi un graffio. [a Harry] Baston è il capitano della squadra dei Grifondoro.

Baston            Ha anche la corporatura di un Cercatore. Leggero, veloce Dovremo procurargli una scopa decente, professoressa.

McGranitt      Parlerò con il professor Silente e vedremo di fare un’eccezione alla regola che esclude quelli del primo anno. Sa il cielo se abbiamo bisogno di una squadra migliore di quella dell’anno scorso. I Serpeverde ci hanno stracciato nell’ultima partita Per settimane non ho avuto il coraggio di guardare in faccia il professor Piton Voglio vedertici sudare, Potter, su questo allenamento, altrimenti potrei cambiare idea sul fatto di non punirti. Tuo padre sarebbe stato orgoglioso di te: anche lui era un ottimo giocatore di Quidditch! [esce]

Harry             C’è solo un piccolo problema.

Baston            Cioè?

Harry             Io non so niente del Quidditch!

Baston            [prendendo una borsa, da cui estrarrà le palle del gioco] Beh, il Quidditch è abbastanza facile da capire, anche se giocare non lo è altrettanto. Ci sono sette giocatori per parte. Tre di loro si chiamano Cacciatori. [estrae una palla] Questa si chiama Pluffa. I Cacciatori si lanciano la Pluffa e cercano di farla entrare in uno degli anelli posti in cima a un palo in fondo al campo avversario per fare goal. Dieci punti ogni volta che la Pluffa passa per uno degli anelli. Mi segui?

Harry             Più o meno come la pallacanestro su manici di scopa, ho capito bene?

Beston            Che cos’è la pallacanestro?

Harry             Lascia perdere.

Baston            Ogni squadra ha un Portiere: io sono il Portiere del Grifondoro. Il mio compito è volare intorno agli anelli e impedire agli avversari di segnare. Questi due sono i Bolidi. I Bolidi cercano di disarcionare i giocatori dalla scopa. Ecco perché ci sono due Battitori per squadra per proteggere i loro compagni dai Bolidi e dirottarli contro l’altra squadra. L’ultimo componente della squadra è il Cercatore e quello sei tu. E tu non devi preoccuparti né della Pluffa né dei Bolidi. Ma di questo [estrae il Boccino d’Oro] È il Boccino d’Oro, ed è molto difficile prenderlo perché è velocissimo e non si distingue bene. Tu devi prendere il Boccino prima del Cercatore dell’altra squadra. Chi lo prende per primo guadagna alla sua squadra altri centocinquanta punti, e quindi la squadra vince quasi sempre. Una partita di Quidditch termina soltanto quando il Boccino viene acchiappato, e quindi può andare avanti per settimane Mi pare che il record sia stato di tre mesi. Questo è tutto. Domande?

Harry             I Bolidi hanno mai ammazzato qualcuno?

[Buio.]

 


 

SECONDA PARTE

 

Scena .10.

Narrazione

Narratore 1 – Narratore 2 – Raptor – Piton – Harry – Ron – Hermione – Hagrid

[A sipario chiuso escono i due Narratori, che parlano rivolgendosi direttamente al pubblico.]

Narratore 1    A questo punto, cercare di seguire le vicende di Harry durante il suo primo anno ad Hogwarts, è estremamente complicato.

Narratore 2    Harry è molto amico di Ron Weasley e di Hermione Granger.

Narratore 1    È diventato cercatore per la squadra di Quidditch del Grifondoro.

Narratore 2    Ma aumenta la ruggine con Draco Malfoy e il professor Severus Piton.

Narratore 1    Che non perde occasione di attribuirgli penalità per impedire a Grifondoro di vincere la coppa annuale.

Narratore 2    Inizia ora a profilarsi quella che è la vera avventura del romanzo.

Narratore 1    Tutto è iniziato con la notizia del tentativo di rapina alla banca Gringott.

Narratore 2    Harry collega questo fatto, al giorno in cui lui stesso si era recato con Hagrid alla banca.

Narratore 1    In quell’occasione Hagrid aveva prelevato un lurido pacchettino da una camera blindata per conto di Silente.

Narratore 2    La stessa camera blindata che i rapinatori avevano forzato.

Narratore 1    Era chiaro che il misterioso pacchettino era stato tolto giusto in tempo e portato chi sa dove.

Narratore 2    Poi Harry, Ron ed Hermione scoprono Fuffi, un enorme cane a tre teste che sorveglia una botola in una remota stanza di Hogwarts.

Narratore 1    Intuiscono subito che sotto la botola è custodito il misterioso pacchettino.

Narratore 2    Poi, il giorno di Halloween, avviene l’assalto del troll.

Narratore 1    Durante il pranzo il professor Raptor entra urlando nel refettorio

Raptor            [voce fuori scena] Un mostro nei sotterranei

Narratore 2    Per poi cadere svenuto

Narratore 1    Subito tutti gli alunni vengono mandati nei dormitori.

Narratore 2    Ma Hermione si trova nel bagno delle ragazze, ignara della minaccia.

Narratore 1    Harry e Ron, intuendo il pericolo, giungono in tempo per salvarla, uccidendo il mostro.

Narratore 2    Quella sera Harry si accorge che il professor Piton è ferito a una gamba.

Narratore 1    E gli sente dire

Piton               [voce fuori scena] Come si fa a tenere a bada tutte e tre le teste contemporaneamente?

Narratore 2    Naturalmente riferisce la cosa ai suoi amici.

[Entrano Harry, Ron ed Hermione.]

Harry             Sapete che cosa significa? Il giorno di Halloween, Piton ha cercato di eludere la sorveglianza del cane a tre teste! Sta cercando di impadronirsi della cosa a cui il cane fa la guardia! E sono pronto a scommettere che è stato lui a far entrare il troll, per creare un diversivo!

Hermione       Non lo farebbe mai. Lo so, non è molto simpatico, ma non cercherebbe mai di rubare qualcosa che Silente tiene sotto stretta sorveglianza!

Ron                 Hermione, credi davvero che tutti gli insegnanti siano dei santi, o roba del genere? Io sono d’accordo con Harry. Penso che Piton sia capace di tutto. Ma che cosa sta cercando? E a che cosa fa la guardia quel cane?

[Harry, Ron ed Hermione escono.]

Narratore 1    Harry, Ron ed Hermione sono sempre più incuriositi.

Narratore 2    E decidono di parlarne con Hagrid.

[Entrano Harry, Ron, Hermione ed Hagrid.]

Harry             Lo sai che il giorno di Halloween

Hermione       Quando il troll è entrano nella scuola

Harry             Piton ha cercato di eludere la guardia del cane a tre teste. E quello lo

Hagrid            E voi che ne sapete di Fuffi?

Harry – Ron – Hermione      Fuffi?!

Hagrid            Sì è mio lho comperato da un tizio che ho incontrato al pub l’anno scorso. L’ho prestato a Silente per fare la guardia a

Harry – Ron – Hermione      Sì?

Hagrid            Non chiedetemi niente altro. È una cosa segretissima.

Ron                 Ma Piton sta cercando di rubarlo!

Hagrid            Stupidate! Piton è un insegnante di Hogwarts!

Hermione       E allora perché ha cercato di entrare in quella botola?

Hagrid            Vi dico che prendete un granchio. Vi state immischiando in cose che non vi riguardano. Scordatevene. È una faccenda tra Silente e Nicolas Flamel.

Harry             Aha! Allora c’è di mezzo qualcuno che si chiama Nicolas Flames!

Hagrid            Dannazione alla mia lingua lunga [esce]

Harry             Nicolas Flamel

Ron                 Tu lo conosci, Hermione?

Hermione       No non lho mai sentito nominare

Harry             Eppure credo di avere già sentito questo nome da qualche parte.

[Escono.]

Narratore 1    Per fortuna, arriva il giorno della partita di Quidditch

Narratore 2    La prima partita di Harry come cercatore.

Narratore 1    E il morale di tutti sale alle stelle.

 

Scena .11.

La partita di Quidditch

Bumb – Justin – Terry – McGranitt

[Il campo di Quidditch. La squadra Serpeverde e Grifondoro si fronteggiano. In mezzo a loro c’è Bumb.]

Bumb             Mi raccomando a tutti, voglio una partita senza scorrettezze. Capito? E adesso in sella alle scope, prego!

[Le squadre escono con Bumb; entrano i due commentatori Justin e Terry. Si sente il fischio d’inizio: sullo sfondo vediamo le due squadre che giocano.]

Justin              La partita è iniziata e la Pluffa è stata intercettata immediatamente da Angelina Johnson del Grifondoro

Terry              Brava Cacciatrice e anche piuttosto carina

[Entra McGranitt arrabbiata.]

McGranitt      Terry Boot! Vorremmo un commento il più neutrale possibile.

Terry              Chiedo scusa, professoressa.

Justin              La ragazza si muove, lassù.

Terry              Effettua un passaggio ad Alicia Spinnet, un’ottima scoperta di Oliver

Justin              Oh no la Pluffa è stata intercettata dal capitano del Serpeverde Marcus Flitt, che se la porta via e sta per

Terry              Viene bloccato da un’ottima azione del Portiere del Grifondoro Baston, e il Grifondoro è di nuovo in possesso della Pluffa.

Justin              Ecco la Cacciatrice del Grifondoro Katie Bell che si getta in picchiata

Terry              Ahi! Deve averle fatto male quel colpo di Bolide dietro la testa!

Justin              La Pluffa ritorna a Serpeverde. Adrian Pucey parte a tutta velocità verso i pali della porta, ma è bloccato da un secondo Bolide lanciatogli contro da uno dei gemelli Weasley non riesco mai a distinguerli.

Terry              Angelina vola via come un razzo

Justin              È davanti alla porta

Terry              Il Portiere di Serpeverde si tuffa

Justin              Manca il bersaglio

Insieme           Grifondoro ha segnato!

[Esultanza dei Grifondoro e rammarico dei Serpeverde.]

Terry              Attenzione: sembra che i due Cercatori abbiano visto il Boccino d’Oro.

Justin              Si lanciano testa a testa al suo inseguimento.

Terry              È incredibile volano fianco a fianco!!!

Justin              Oh! Il Cercatore di Serpeverde ha spinto il Cercatore di Grifondoro

Terry              È chiaramente un fallo!

Justin              Infatti Madama Bumb richiama Terence Higgs dei Serpeverde.

Terry              Dopo questa lampante e ignobile scorrettezza

McGranitt      [entrando] Ma insomma!

Justin              Voleva dire, dopo questo fallo palese e schifoso

McGranitt      Terry Boot e Justin Finch-Fletchley, vi avverto

Justin – Terry            E va bene.

McGranitt      Comunque avete ragione: era fallo! [esce]

Justin              Il gioco prosegue con i Grifondoro ancora in possesso di palla. Alicia Spinnett passa la Pluffa ad Angelica

Terry              Ma Serpeverde intercetta il tiro. Flitt ha ora la Pluffa.

Justin              Oltrepassa Spinnett.

Terry              Supera Bell tira

Justin              E segna!

Insieme           Oh no!

[Esultanza dei Serpeverde e rammarico dei Grifondoro.]

Terry              L’azione riprende. Oliver Baston lancia la Pluffa ad Angelina

Justin              Angelica schiva i Bolidi e si getta verso gli anelli

Terry              Ma attenzione

Justin              Che succede?

Terry              Incredibile Harry Potter ha preso il Boccino d’Oro!

Justin              Sì, guardate lo tiene alto in mano

Terry              La partita è finita!

Insieme           Grifondoro ha vinto!!!

[Buio.]

 

Scena .12.

Lo Specchio delle Brame

Narratore 1 – Narratore 2 – Harry – Ron – Silente

[A sipario chiuso entrano i due Narratori.]

Narratore 2    Harry è davvero al settimo cielo dopo questa vittoria.

Narratore 1    Oramai è diventato popolarissimo a Hogwarts.

Narratore 2    E anche se a scuola non è il più brillante, pure si ritiene soddisfatto della piega che sta prendendo la sua nuova vita.

Narratore 1    Arriva Natale.

Narratore 2    E tra i regali che Harry riceve ce né uno particolare.

Narratore 1    Si tratta di un Mantello dellInvisibilità, inviatogli da qualcuno che preferisce restare anonimo.

Narratore 2    Insieme al Mantello c’è un biglietto che dice

Narratore 1    Questo me l’ha affidato tuo padre prima di morire. È giunto il momento che torni a te. Fanne buon uso. Buon Natale.”

Narratore 2    Harry lo mostra a Ron, che rimane senza fiato.

Narratore 1    Harry non vede lora di provarlo.

Narratore 2    Decide di usarlo di notte per fare un giro in biblioteca.

Narratore 1    E scoprire qualcosa su Nicolas Flamel

Narratore 2    Magari cercando nel settore dei libri proibiti.

Narratore 1    Qualche notte dopo parte all’avventura.

Narratore 2    Ma non è così bravo da passare inosservato.

Narratore 1    Mastro Gazza, il custode, lo sente far rumore.

Narratore 2    E comincia a cercarlo.

Narratore 1    Per nascondersi Harry si rifugia in una stanza con la porta aperta.

[Si apre il sipario: una stanza con lo Specchio delle Brame; sulla cornice è scritto erouc li amotlov li ottelfirnon”. Entra Harry, avvolto nel mantello.]

Narratore 2    È vuota a parte un oggetto che sembra fuori luogo in quel posto

Narratore 1    Come se qualcuno l’avesse messo lì per farlo sparire.

[Harry nota lo specchio e si avvicina curioso: vede, sulla superficie, le immagini di Lily e James Potter.]

Narratore 2    Harry vede nello specchio due figure.

Narratore 1    Ma non possono essere un riflesso, perché nella stanza non c’è nessuno.

Narratore 2    Harry nota una forte somiglianza tra sé e quelle due figure.

Narratore 1    E subito capisce.

Harry             Mamma papà!

[Buio.]

Narratore 2    Harry rimane lì a guardare nello specchio per parecchio tempo.

Narratore 1    Ma alla fine distoglie lo sguardo dal volto di sua madre e di suo padre e si allontana in fretta dalla stanza.

Narratore 2    Il giorno dopo racconta tutto a Ron, e gli promette che la notte seguente ci sarebbero tornati insieme.

Narratore 1    Harry vuole presentare a Ron la sua famiglia!

[Di nuovo la stessa stanza. Entrano Harry e Ron nascosti sotto il mantello.]

Harry             Ecco.. è qui! Vedi?

Ron                 Non vedo un bel niente.

Harry             Guarda bene

Ron                 Ma io vedo solo te.

Harry             Ma no Dai, mettiti bene al centro.

Ron                 Ehi, ma quello sono io!

Harry             E vedi i miei genitori intorno a te?

Ron                 No, sono solo. Ma è diverso sembro più grande sono diventato capoclasse!

Harry             Che cosa?

Ron                 Porto il distintivo, come quello che usava Bill e tengo in mano la coppa del dormitorio Sono anche capitano della squadra di Quidditich! Che dici, questo specchio fa vedere il futuro?

Harry             E com’è possibile? I miei sono morti Fammi guardare un’altra volta.

Ron                 Tu l’hai avuto tutto per te la notte scorsa. Lascia guardare me!

Harry             Ma tu ti vedi semplicemente con in mano la coppa del dormitorio! Io voglio vedere i miei genitori.

Ron                 Ehi, non mi spingere!

Narratore 2    Un rumore improvviso, fuori del corridoio, mette fine alla discussione.

Narratore 1    Non si sono resi conto di aver parlato a voce molto alta.

Harry             Svelto!

[Si coprono col mantello ed escono di corsa.]

Narratore 2    Ma Harry non riesce a pensare ad altro che allo Specchio.

Narratore 1    E vuole ritornare a vederlo per la terza notte consecutiva.

Narratore 2    Ron preferisce non accompagnarlo, questa volta come se avesse un presentimento.

[Entra Harry nascosto sotto il mantello. Di nuovo vede Lily e James.]

Silente             [uscendo dall’ombra] Allora di nuovo qui, Harry?

Harry             [spaventato] Io io non lho veduta, signore?

Silente             Strano: essere invisibili rende miopi! Allora Hai scoperto le dolcezze dello specchio delle Brame.

Harry             Non sapevo che si chiamasse così, signore.

Silente             Suppongo che ormai hai capito a che cosa serve.

Harry             Ci vediamo dentro quel che desideriamo le cose che vogliamo

Silente             Ci mostra quello che desideriamo più profondamente e irresistibilmente in cuor nostro. Tu, che non hai mai conosciuto i tuoi genitori, ti vedi circondato da tutta la famiglia. Ronald Weasley, che è sempre vissuto all’ombra dei suoi fratelli, si vede come il migliore di tutti. L’uomo più felice della terra riuscirebbe a usarlo come un normale specchio, vedendo se stesso esattamente com’è. Tuttavia questo specchio non ci dà né la conoscenza né la verità: ci sono uomini che si sono smarriti a forza di guardarcisi, perché non sapevano se quel che esso mostra è reale o anche solo possibile. Domani lo Specchio delle Brame verrà portato in una nuova dimora, Harry, e io ti chiedo di non cercarlo mai più. Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere. E ora, perché non ti rimetti addosso quel meraviglioso mantello e non te ne torni a letto?

Harry             Signore professor Silente Posso farle una domanda?

Silente             Me ne hai appena fatta una! Comunque, puoi farmene anche un’altra!

Harry             Lei che cosa vede, quando si guarda in quello specchio?

Silente             Io? Mi vedo con in mano un paio di grossi calzini di lana.

Harry             Cosa?

Silente             I calzini non bastano mai. È passato un altro Natale, e nessuno mi ha regalato un paio di calzini. Chissà perché a me regalano soltanto libri.

[Buio.]

 

Scena .13.

Nicolas Flamel

Harry – Ron – Hermione – Neville

[A sipario chiuso entrano Harry, Ron ed Hermione. Dall’altra parte entra Neville saltando a piedi uniti.]

Hermione       Che cosa ti è successo?

Neville            Malfoy L’ho incontrato fuori della biblioteca. Ha detto che stava cercando qualcuno su cui sperimentare l’incantesimo.

Hermione       [fa un incantesimo, liberandolo] Va dalla McGranitt! Raccontale tutto!

Neville            Non voglio altri guai!

Ron                 Ma Neville, devi tenergli testa! Quello è abituato a passare sopra gli altri, ma questa non è una ragione per inginocchiarsi davanti a lui.

Neville            Non hai bisogno di dirmi che non sono abbastanza coraggioso: ci ha già pensato Malfoy.

Harry             [estraendo una Cioccorana dalla tasca e dandola a Neville] Tu vali dodici Malfoy. È stato il Cappello Parlante ad assegnarti a Grifondoro, non è vero? E Malfoy, dov’è finito? In quella fogna di Serpeverde.

Neville            [apre la Cioccorana] Grazie, Harry Credo che me ne andrò a letto. Vuoi la figurina? Tu fai la collezione, no? [dà la figurina a Harry ed esce]

Harry             [guarda la figurina] Un altro Silente. È stato il primo che ho tro [si blocca]

Hermione       Che succede, Harry?

Harry             Flamel! L’ho trovato! Ve lavevo detto che quel nome lavevo già letto da qualche parte. È stato su treno, venendo qui a Hogwarts. State a sentire: Il Professor Silente è noto soprattutto per avere scoperto e per i suoi esperimenti di alchimia, insieme al collega Nicolas Flamel”!

Hermione       Aspettate. [apre un libro e lo sfoglia] Eccolo! Nicolas Flamel sentite un po qua: è l’unico di cui si sappia che ha fabbricato la Pietra Filosofale”!

Harry – Ron   La che?

Hermione       [leggendo] L’antica arte dell’alchimia si occupa di fabbricare la Pietra Filosofale, una sostanza leggendaria che è in grado di trasformare qualsiasi metallo in oro puro e produrre lelisir di Lunga Vita, che rende immortale chi la beve. L’unica Pietra Filosofale che esiste, attualmente appartiene al noto alchimista Nicolas Flamel, che ha recentemente festeggiato il suo 665simo compleanno e vive nel Devon assieme alla moglie, Peronella, che ha 658 anni.” [chiude il libro] Di certo Fuffi fa la guardia alla Pietra Filosofale di Flamel! Scommetto che ha chiesto a Silente di custodirla, perché lui sapeva che qualcuno ne era in caccia. Ecco perché Silente l’ha fatta portare via dalla Gringott!

Harry             Una pietra che fabbrica loro e rende immortali! E ci credo che Piton le dà la caccia! Chiunque vorrebbe possederla.

[Escono.]

 

Scena .14.

La capanna di Hagrid

Narratore 1 – Narratore 2 – Raptor – Piton – Harry – Ron – Hermione – Hagrid – McGranitt

[A sipario chiuso entrano i due Narratori.]

Narratore 1    Naturalmente la curiosità dei tre ragazzi aumenta, dopo queste scoperte.

Narratore 2    Soprattutto quando Harry, casualmente, ha modo di ascoltare una strana conversazione tra il professor Piton e il professor Raptor.

[Entrano Piton e Raptor. Harry ascolta in disparte, non visto.]

Raptor            [balbettando] Non capisco perché hai voluto che ci vedessimo qui, Severus, con tanti altri posti che si sono

Piton               Oh, bè, non volevo farlo sapere in giro. In fin dei conti, è bene che gli studenti non sappiano della Pietra Filosofale.

Raptor            [balbettando] Io non so se

Piton               Hai scoperto come si fa a mettere fuori combattimento quella bestiaccia che Hagrid ha piazzato lì dentro?

Raptor            [balbettando] Ma Severus, io

Piton               Guarda che non ti conviene avermi come nemico, Raptor.

Raptor            Non capisco che cosa intendi

Piton               Lo sai benissimo, quel che intendo dire. Tu e quei tuoi abracadabra da quattro soldi.

Raptor            Ma io non so

Piton               Faremo presto un’altra bella chiacchierata, quando avrai avuto il tempo di pensarci su e di decidere da che parte stai [esce]

[Raptor esce dalla parte opposta.]

Narratore 1    Harry corre a raccontare ciò che ha sentito ai suoi amici.

Narratore 2    La situazione si sta facendo sempre più ingarbugliata.

Narratore 1    Decidono di scoprire qualcosa di più.

Narratore 2    E vanno a trovare Hagrid.

[Si apre il sipario: la capanna di Hagrid, occupato con una pentola nel caminetto. Bussano.]

Hagrid            Chi va là?

Harry             [da fuori] Apri, Hagrid. Siamo noi.

[Hagrid apre la porta ed entrano Harry, Ron ed Hermione.]

Hagrid            Qual buon vento, ragazzi? Posso fare qualcosa per voi?

Harry             Ci chiedevamo se potevi dirci da che cosa è protetta la Pietra Filosofale.

Ron                 Oltre che da Fuffi, vogliamo dire

Hagrid            Certo che non ve lo posso dire. Quella Pietra è qui per una buona ragione. Poco ci è mancato che dalla Gringott non la rubassero penso che a questo ci siete arrivati, no? Però, mi venisse un colpo se capisco come avete fatto a sapere di Fuffi.

Hermione       Dai, Hagrid ci chiedevamo soltanto chi si sia occupato della protezione. Cioè, volevamo sapere, a parte te, di chi può essersi fidato Silente al punto da lasciarsi aiutare.

Hagrid            [con orgoglio] Beh, ecco immagino che non c’è niente di male se ve lo dico Silente ha preso Fuffi in prestito da me poi alcuni insegnanti hanno fatto degli incantesimi: il professor Sprite, il professor Vitious, la professoressa McGranitt, il professor Raptor e anche Silente ha fatto qualcosa. Ah ho dimenticato qualcuno: il professor Piton.

Harry – Ron – Hermione      Piton?

Hagrid            Già. Sentite un po, non è che state ancora rimuginando cose strane sul suo conto, no? Guardate che Piton ha dato una mano a proteggere la Pietra: non ha nessuna intenzione di rubarla!

[Ron si avvicina al focolare, osservando la pentola.]

Harry             Tu sei l’unico che sa come si fa a tenere buono Fuffi, vero, Hagrid? E non lo diresti a nessuno, no? Neanche a uno degli insegnanti?

Hagrid            [con fierezza] Non lo sa anima viva: solo io e Silente.

Ron                 Ehi, Hagrid, e quello che cos’è?

Hagrid            [nervoso] Quello ehm è l’uovo di un drago

Harry – Ron – Hermione      Cosa?

Ron                 Dove l’hai preso, Hagrid? Deve esserti costato una fortuna.

Hagrid            L’ho vinto ieri sera. Sono sceso al villaggio per farmi un goccio e mi sono messo a giocare a carte con uno straniero, che mi pareva molto contento di disfarsene.

Hermione       Ma che cosa farai, quando si schiude?

Hagrid            Lo alleverò.

Ron                 Hagrid hai pensato che tu abiti in una capanna di legno?

Hagrid            Oh, non importa

Harry             [colto da un dubbio] Che aspetto aveva lo straniero a cui hai vinto l’uovo?

Hagrid            Boh non si è mai tolto il mantello.

Harry             E di che cosa avete parlato, Hagrid? Gli hai mai accennato a Hogwarts?

Hagrid            Può darsi Sì. Mi ha chiesto che mestiere facevo e io gli ho detto che facevo il guardiacaccia qui e ho anche detto che avevo sempre desiderato avere un drago Poi vediamo ha detto che lui aveva un uovo di drago e se lo volevo potevamo giocarcelo a carte Però dovevo promettergli che lo tenevo bene Allora io gli ho detto che, dopo Fuffi, tenere un drago era la cosa più facile del mondo

Harry             E lui ha mostrato qualche interesse per Fuffi?

Hagrid            Beh, sì Insomma, anche dalle parti di Hogwarts, non è che capiti spesso di incontrare cani a tre teste, no? Allora gli ho detto che Fuffi era buono come il pane, se uno sapeva calmarlo. Bastava un po di musica, e lui si addormentava come un angioletto [rendendosi conto di aver detto troppo] Accidenti, non ve lo dovevo dire! Dimenticate tutto!

[Harry, Ron ed Hermione si scambiano unocchiata, poi escono di corsa dalla capanna.]

                        Ehi ma dove andate?

[Si chiude il sipario. Davanti al sipario rientrano Harry, Ron ed Hermione.]

Harry             Dobbiamo andare da Silente. Hagrid ha raccontato allo straniero come si neutralizza Fuffi, e sotto quel mantello cera o Piton o Voldemort! Spero solo che Silente creda a quello che gli diciamo.

[Entra McGranitt con dei libri in mano.]

McGranitt      Che cosa ci fate qui, voi tre?

Hermione       Vogliamo vedere il professor Silente.

McGranitt      Vedere il professor Silente? E perché?

Harry             Beh sarebbe un segreto

McGranitt      [risentita] Il professor Silente è uscito dieci minuti fa. Ha ricevuto un gufo urgente dal Ministero della Magia ed è subito partito in volo per Londra.

Harry             Se né andato? Proprio adesso?

McGranitt      Potter, il professor Silente è un grandissimo mago, la sua presenza è richiesta da molte parti

Harry             Ma questo è importante!

McGranitt      Più importante del Ministero della Magia, Potter?

Harry             Senta, professoressa, è a proposito della Pietra Filosofale

[McGranitt fa cadere i libri per la sorpresa. Ron si china per raccoglierli.]

McGranitt      E voi come lo sapete?

Harry             Professoressa: io so che Pit che qualcuno tenterà di rubare la Pietra. Devo parlare con il professor Silente.

McGranitt      Il professor Silente sarà di ritorno domani. Non so proprio come abbiate scoperto la storia della Pietra, ma state certi che nessuno può rubarla.

Harry             Ma profess

McGranitt      So quel che dico, Potter. [prende i libri da Ron] E adesso, vi consiglio di tornarvene tutti fuori a godervi questo bel sole. [esce]

Harry             È per stanotte. Stanotte Piton ha intenzione di passare attraverso la botola. Ha trovato tutto quello che gli occorre, e per di più adesso Silente è fuori circolazione. Scommetto che è stato lui a mandare quel gufo.

[Entra Piton.]

Hermione       Ma noi, che cosa possiamo [si interrompe, vedendo Piton]

Piton               Non bisognerebbe stare al chiuso, in una giornata come questa.

Harry             Noi stavamo

Piton               [interrompendolo] Se ciondolate così, la gente può pensare che state combinando chissà cosa. E Grifondoro non può mica permettersi di perdere altri punti, vero Potter? Buona giornata. [esce]

Harry             Io stasera vado e cerco di arrivare alla Pietra prima di lui.

Ron                 Tu sei matto!

Hermione       Non puoi farlo! Sarai espulso!

Harry             E chi se ne importa! Ma non capite? Se Piton si porta via la Pietra, Voldemort torna! E se torna, non ci sarà più una Hogwarts da cui essere espulsi! Ormai perdere punti non ha più importanza e con la Magia Nera non voglio aver niente a che fare! Io stanotte passo attraverso quella botola, e nulla di quel che direte potrà fermarmi! Voldemort ha ucciso i miei genitori! Userò il Mantello dellInvisibilità.

Ron                 Ma basterà a coprirci tutti e tre?

Harry             Come, tutti e tre?

Ron                 Mica penserai che ti lasciamo andare da solo?

Hermione       Come pensi che faresti ad arrivare alla Pietra senza di noi?

Harry             Ma se ci pescano, sarete espulsi anche voi.

Hermione       Oh, non con i miei voti!

[Escono.]

 

Scena .15.

Le prove finali

Narratore 1 – Narratore 2 – Harry – Ron – Hermione – Neville

[A sipario chiuso entrano i due Narratori.]

Narratore 1    I tre ragazzi si preparano all’impresa.

Narratore 2    Aspettano che tutti siano a dormire.

[Entrano Harry, Ron ed Hermione sotto il Mantello. Si muovono in silenzio, guardandosi intorno.]

Neville            [entrando dallo stesso lato degli altri] Che cosa state facendo?

Harry             [cercando di nascondere il Mantello] Niente, Neville, niente.

Neville            State uscendo di nascosto.

Hermione       No, no. Macché uscendo. Senti Neville, perché non te ne vai a letto?

Neville            Non potete uscire. Vi pescheranno, e Grifondoro sarà nei guai.

Harry             Non capisci. È importante.

Neville            [piazzandosi davanti all’uscita] Non vi permetterò di farlo! Sono disposto anche a fare a pugni!

Ron                 Neville! Togliti da là e non fare il cretino

Neville            Non darmi del cretino! Credo proprio che non dovresti violare le regole. Guarda che sei stato proprio tu a insegnarmi a tener testa agli altri!

Ron                 Sì, ma non a noi. Neville, non sai quel che fai.

Neville            E allora dai, prova a picchiarmi! Sono pronto!

Harry             [a Hermione] Hermione, fa qualcosa.

Hermione       Neville, scusami scusami tanto. [punta la bacchetta] Petrificus Totalus”!

[Neville si irrigidisce, come paralizzato e vacilla.]

                        Ragazzi, prendetelo, prima che cada.

[Harry e Ron lo prendono al volo.]

Harry             Ma che cosa gli hai fatto?

Hermione       È lIncantesimo Pastoia Totale. Oh, Neville, mi dispiace tanto.

Harry             Abbiamo dovuto farlo, Neville. Non c’è tempo di spiegare.

Ron                 Capirai dopo, Neville.

Hermione       Riportatelo di là, così nessuno lo troverà, finché è in questo stato.

[Harry e Ron portano Neville fuori scena. Poi tutti e tre escono dalla parte opposta.]

Narratore 1    Harry, Ron ed Hermione arrivano senza altri problemi alla stanza sorvegliata da Fuffi.

Narratore 2    Creano magicamente della musica, addormentando il terribile Fuffi.

Narratore 1    Aprono la botola e si lasciano cadere dentro.

Narratore 2    Per finire giusto tra le braccia di una pianta carnivora, chiamata il Tranello del Diavolo”. La prontezza di Hermione riesce a salvarli.

Narratore 1    Poi affrontano la stanza con le chiavi voltanti, dove si dimostra indispensabile labilità di Cercatore di Harry, che prende la chiave giusta per entrare nella stanza seguente.

Narratore 2    Si ritrovano in un immenso salone occupato da una gigantesca scacchiera. Iniziano una formidabile partita, interpretando personalmente alcuni pezzi. Per vincere, però, Ron deve sacrificarsi, e sviene.

Narratore 1    Solo Harry ed Hermione continuano, giungendo in una stanza per superare la quale occorre risolvere un rompicapo. Naturalmente è Hermione a risolvere lenigma.

Narratore 2    Ma solo una persona può proseguire. Harry chiede ad Hermione di recuperare Ron, tornare all’esterno e chiamare rapidamente aiuto.

Narratore 1    A malincuore Hermione accetta.

Narratore 2    Ed Harry entra, da solo, nell’ultima stanza.

Narratore 1    Dentro c’è già qualcuno

Narratore 2    Ma non è Piton

 

Scena .16.

La Pietra FIlosofale

Harry – Raptor – Voldemort

[Stanza vuota, contenente lo Specchio delle Brame. Davanti allo Specchio c’è Raptor.]

Raptor            [voltandosi] Ben arrivato!

Harry             Lei!

Raptor            Mi stavo proprio chiedendo se ti avrei incontrato qui, Potter.

Harry             Ma io pensavo Piton

Raptor            Sì, Severus sembrava proprio il tipo giusto, non è vero? Con lui in giro, chi sospetterebbe del po-povero ba-balbuziente p-professor Ra-Raptor?

Harry             Ma

Raptor            [muovendo un dito verso Harry] Pietrificus”.

[Harry si immobilizza da collo in giù, ma resta in piedi]

Tu sei troppo ficcanaso per continuare a vivere, Potter. And’artene in giro a quel modo per tutta la scuola, il giorno di Halloween!

Harry             Allora il troll l’ha fatto entrare lei?

Raptor            Ho un talento speciale con i mostri, io. Ma purtroppo, mentre tutti correvano dappertutto cercando di stanarlo, Piton, che già sospettava di me, è venuto dritto filato al terzo piano per intercettarmi, e non solo il mio mostro non ti ha fatto a pezzi, ma neanche il cane a tre teste è riuscito a staccare come si deve la gamba a Piton.

Harry             E io che credevo che Piton mi odiasse

Raptor            Oh, per odiarti, ti odia, ci puoi giurare. Era a Hogwarts con tuo padre, lo sapevi? Si detestavano. Però non ti ha mai voluto morto.

Harry             Non riesco a crederci

Raptor            Ora zitto, Potter! Devo esaminare questo specchio: è la chiave per trovare la Pietra. Figuriamoci se Silente non escogitava una cosa del genere ma tanto lui è a Londra, e per quando ritornerà, io sarò già molto lontano.

Harry             Ma io lho vista parlare con Piton come se la stesse minacciando.

Raptor            Oh sì Piton mi stava molto addosso, cercando di scoprire fino a che punto fossi arrivato. Ha sempre sospettato di me. E ha cercato di spaventarmi come se fosse stato possibile, con Lord Voldemort dalla mia parte! Anche se a volte trovo difficile seguire le istruzioni del mio padrone lui è un mago grande e potente, mentre io sono debole

Harry             Intende dire che Voldemort era insieme a lei, quando

Raptor            Lui è con me ovunque. Lo incontrai all’epoca in cui giravo il mondo. Allora ero un giovanotto pieno di idee ridicole sul bene e sul male. Lord Voldemort mi ha dimostrato che bene e male non esistono. Esistono soltanto il potere e coloro che sono troppo deboli per ricercarlo Da allora lho sempre servito fedelmente, benché lo abbia del’uso molte volte. Quando ho fallito il colpo alla Gringott lui ne è stato molto dispiaciuto. Mi ha punito Ma non capisco la Pietra è non è dentro lo specchio? Come funziona? Padrone, aiutami!

Voldemort      [solo voce] Usa il ragazzo Usa il ragazzo

Raptor            Sì, Potter vieni qui. [muove la mani verso Harry]

[Harry cammina come un automa verso Raptor.]

                        Guarda nello specchio e dimmi che cosa vedi.

Harry             [mentre guarda, mette una mano in tasca, rendendosi conto di avere la Pietra] Vedo Silente che mi stringe la mano. Io ho appena fatto vincere a Grifondoro la coppa del campionato.

Voldemort      Sta mentendo Fammi parlare con lui Faccia a faccia

Raptor            Padrone, ma voi non ne avete la forza!

Voldemort      Certo che sono abbastanza forte per questo!

[Raptor scioglie il turbante, e si gira, mostrando, al posto della nuca, il viso di Voldemort.]

                        Harry Potter! Lo vedi che cosa sono diventato? Pura ombra e vapore io prendo forma soltanto quando posso abitare il corpo di qualcuno. Ma ci sono sempre state persone disposte ad aprirmi il cuore e la mente Una volta che sarò entrato in possesso dellElisir di Lunga Vita, potrò crearmi un corpo tutto mio Perché non mi dai quella Pietra che hai in tasca?

[Harry indietreggia.]

                        Non fare lidiota. Salvati la vita e unisciti a me altrimenti farai la stessa fine dei tuoi genitori! Loro sono morti implorando la mia clemenza

Harry             Bugiardo!

Voldemort      Commovente! Ricordo che per primo ho ucciso tuo padre: lui aveva ingaggiato unintrepida lotta Tua madre, invece, stava solo cercando di proteggerti E ora dammi la pietra, se non vuoi che sia morta invano!

Harry             Mai! [corre verso l’uscita]

Voldemort      Prendilo!

[Raptor si avventa su Harry e lo afferra.]

Raptor            [lasciandolo immediatamente e guardandosi le mani] Ah! Padrone, non riesco a tenerlo le mie mani

Voldemort      E allora ammazzalo, idiota, e facciamola finita!

[Raptor si avventa su Harry, il quale gli afferra il viso.]

Raptor            [gridando di dolore] Ah!!!

Voldemort      Uccidilo! Uccidilo!

[Si chiude il sipario. Entrano i Narratori.]

Narratore 1    Harry balza in piedi, afferra Raptor per un braccio e lo tiene più stretto che può.

Narratore 2    Raptor grida e cerca di scrollarselo di dosso.

Narratore 1    Harry sente un dolore esplodergli in testa.

Narratore 2    Sente il braccio di Raptor scivolargli di mano

Narratore 1    Capisce che tutto è perduto

Narratore 2    Sente le forze sfuggirgli rapidamente

Narratore 1    E sente il grido di dolore di Raptor spegnersi e farsi sempre più lontano.

Narratore 2    Finché perde completamente conoscenza.

 

Scena .17.

Linfermeria

Narratore 1 – Narratore 2 – Harry – Silente – Chips – Ron – Hermione

Narratore 1    Harry si risveglia dopo un tempo indeterminabile.

Narratore 2    Un oggetto dorato luccica proprio sopra di lui.

Narratore 1    Cerca di afferrarlo, credendo sia il Boccino d’Oro

Narratore 2    Ma si sente le braccia troppo pesanti.

Narratore 1    Sbatte gli occhi, cercando di mettere a fuoco l’immagine.

Narratore 2    Non è affatto il Boccino.

Narratore 1    È un paio di occhiali.

Narratore 2    Al suo fianco c’è il professor Albus Silente.

[Si apre il sipario: su un letto giace Harry. Vicino a lui Silente. Intorno al letto pacchi regalo.]

Silente             Buon giorno, Harry!

Harry             [agitato] Signor direttore! La Pietra! È stato Raptor! Adesso ce l’ha lui!

Silente             Calmati, caro figliolo, sei rimasto un po indietro. La Pietra non ce l’ha affatto Raptor.

Harry             E allora chi? Signore, io

Silente             Harry ti prego di calmarti, altrimenti Madama Chips mi farà buttare fuori.

[Harry si guarda intorno.]

Quelli sono pegni di affetto dei tuoi amici e ammiratori. Quel che è accaduto giù nei sotterranei tra te e il professor Raptor è segretissimo, quindi naturalmente tutta la scuole ne è al corrente.

Harry             Da quanto tempo sono qui?

Silente             Tre giorni.

Harry             Cosa?

Silente             Mister Ronald Weasley e Miss Hermione Granger saranno molto sollevati di sapere che hai ripreso i sensi. Erano preoccupatissimi.

Harry             Ma signore, la Pietra

Silente             Vedo che non è facile distrarti. Il professor Raptor non è riuscito a portartela via. Io sono arrivato in tempo per impedirlo, anche se devo ammettere che te le stavi cavando molto bene da solo.

Harry             Non ce lavrei fatta a lungo a tenerlo lontano dalla Pietra

Silente             Non dalla Pietra, ragazzo, da te! Lo sforzo che hai fatto per poco non ti è costato la vita. Quanto alla Pietra, è andata distrutta.

Harry             Distrutta? Ma il suo amico Nicolas Flamel

Silente             Ah, sai di Nicolas? Hai fatto proprio le cose per bene! Be, Nicolas e io abbiamo fatto due chiacchiere, e abbiamo deciso che era la cosa migliore.

Harry             Ma questo significa che lui e sua moglie moriranno, non è così?

Silente             Dispongono di una quantità sufficiente di Elisir per sistemare i loro affari, dopodiché ebbene sì, moriranno.

Harry             Signore? Stavo pensando Ehm, anche se la Pietra non c’è più, Vol voglio dire, Lei-Sa-Chi

Silente             Chiamalo pure Voldemort, Harry. Bisogna sempre chiamare le cose con il loro nome. La paura del nome fa aumentare la paura della cosa stessa.

Harry             Daccordo, signore. Dicevo, Voldemort non se ne è mica andato per sempre, no?

Silente             No, Harry, non se né andato per sempre. È ancora là fuori, da qualche parte, forse in cerca di un altro corpo da abitare visto che non è veramente vivo, è impossibile ucciderlo. Ha lasciato morire Raptor: ha tanta poca compassione per i seguaci quanto  per i nemici.

Harry             Signore, ci sono alcune cose di cui mi piacerebbe sapere la verità.

Silente             La verità è una cosa meravigliosa e terribile, e per questo va trattata con cautela. Risponderò alle tue domande, a meno che non abbia ottime ragioni per non farlo. Ma non mentirò.

Harry             Bene perché Raptor non poteva toccarmi?

Silente             Vedi, tua madre è morta per salvarti. Ora, se c’è una cosa che Voldemort non riesce a concepire, è l’amore. Non poteva capire che un amore potente come quello di tua madre, lascia il segno: non una cicatrice, non un segno visibile Essere stati amati profondamente ci protegge per sempre, anche quando la persona che ci ha amato non c’è più. È una cosa che ti resta dentro. Raptor, che avendo ceduto l’anima a Voldemort era pieno di odio, di brama e di ambizione, non poteva toccarti per questa ragione. Per lui era un tormento toccare un persona segnata da un marchio di tanta bontà.

Harry             E il Mantello dellInvisibilità lei sa chi me l’ha mandato?

Silente             Tuo padre l’aveva lasciato a me, e io ho pensato che poteva farti piacere averlo.

Harry             E ci sarebbe ancora un’altra cosa

Silente             Avanti, spara!

Harry             Raptor ha detto che il professor Piton mi odia perché odiava mio padre.

Silente             Beh, sì, direi proprio che si detestavano. Più o meno come te e Malfoy. Ma poi, tuo padre ha fatto una cosa che Piton non gli ha mai perdonato.

Harry             E cioè?

Silente             Gli ha salvato la vita.

Harry             Che cosa?

Silente             Già Strano come funziona la mente delle persone, non trovi? Il professor Piton non sopportava di dovere qualcosa a tuo padre

Harry             Ehm un’altra domanda, signore!

Silente             Un’altra sola?

Harry             Come ho fatto a tirare fuori la Pietra dallo specchio?

Silente             È stata una delle mie idee più brillanti Vedi, soltanto chi avesse voluto trovare” la Pietra bada bene: trovarla, non usarla sarebbe stato capace di prenderla. Altrimenti lo specchio gli avrebbe rimandato l’immagine di uno che fabbrica oro o che beve Elisir di Lunga Vita. Be, adesso basta con le domande. Propongo che tu cominci ad assaggiare qualcuno di questi dolci. Ah! Gelatine tuttigusti +1 Posso?

Harry             Certo, professore.

Silente             [mastica la caramella, poi storce la bocca] Blah povero me! Cerume!

[Entra Madama Chips.]

Chips              Ora basta, professor Silente. Questo ragazzo è stato strapazzato abbastanza.

Silente             Sì giusto. [piano a Harry] Io dirigo la scuola, ma in infermeria, siamo tutti suoi sudditi

Chips              Come dice, professore?

Silente             Nulla, stavo salutando Harry. Spero di rivederti presto a tavola con noi.

[Silente fa per uscire ed entrano di corsa Ron ed Hermione]

Ron – Hermione        Buongiorno professor Silente.

Silente             Buongiorno ragazzi. [esce]

Chips              [a Ron ed Hermione] Uscite subito tutti e due.

Hermione       La prego madama Chips

Harry             Solo cinque minuti!

Chips              Nemmeno per sogno!

Ron                 Ma ha lasciato entrare il professor Silente

Chips              Lui è il direttore: è una cosa completamente diversa. [a Harry] Hai bisogno di riposo.

Harry             Ma mi sto riposando. La prego, madama Chips

Chips              E va bene, ma soltanto cinque minuti. [esce]

Hermione       Oh, Harry! Stai bene? Eravamo sicuri che tu ce lavresti fatta

Ron                 Tutta la scuola non parla d’altro.

Harry             Ma ditemi cosa avete combinato voi, quando ci siamo separati.

Hermione       Io sono ritornata indietro e ho fatto rinvenire Ron Quando siamo corsi su alla voliera per mandare il messaggio a Silente, lo abbiamo incontrato nel salone dingresso. Sapeva già tutto, e ha detto soltanto

Ron                 [facendo il verso a Silente] Harry gli è andato dietro, vero?”

Hermione       Poi si è precipitato su al terzo piano.

Ron                 Tu pensi che lui abbia voluto farti fare tutto questo intenzionalmente?

Hermione       Beh se è così è terribile potevi anche rimanerci!

Harry             Non, non è così. È un tipo strano, Silente. Penso che abbia voluto darmi una possibilità. Doveva essergli chiaro che noi ci avremmo provato e invece di fermarci, ci ha dato una mano. Probabilmente ha pensato che era mio diritto affrontare Voldemort, se ce la facevo

Ron                 Senti, devi rimetterti in piedi per la festa di fine anno di domani. Il conteggio dei punti è stato ultimato, e naturalmente i Serpeverde hanno vinto: tu mancavi all’ultima partita di Quidditch e i Corvonero ci hanno stracciato Ma almeno il cibo sarà ottimo.

Chips              [rientra] I cinque minuti sono passati. Ora fuori!

[Buio.]

 

Scena .18.

Il pranzo di fine anno

Narratore 1 – Narratore 2 – Tutti i partecipanti a Hogwarts

Narratore 1    Quando Harry, il giorno dopo, entra nella Sala Grande per il pranzo di fine anno, i tavoli sono già pieni.

Narratore 2    Appena si accorgono di lui, cala nella sala un imbarazzante silenzio.

Narratore 1    Poi tutti ricominciano a parlare ad alta voce.

Narratore 2    Harry si infila in un posto libero tra Ron ed Hermione, al tavolo di Grifondoro, facendo finta di non vedere che tutti gli altri lo guardano.

Narratore 1    Di lì a pochi istanti, Silente si alza.

[Si apre il sipario: la Sala Grande; Silente è in piedi.]

Silente             Un altro anno è passato! E che anno! Si spera che adesso abbiate la testa un po meno vuota di quando siete arrivati. Tra qualche giorno sarete in vacanze, presso le vostre famiglie. Ricordo a tutti gli studenti che è assolutamente vietato fare magie fuori dalla Scuola.

[Mormorio di disapprovazione da parte dei ragazzi.]

È inutile che protestiate. Sapete quali sono le regole. Ora a questo punto deve essere assegnata la coppa del dormitorio, e la classifica è questa: al quarto posto Grifondoro, con 312 punti; terzo Tassorosso con 352; secondo Corvonero con 426 e primo Serpeverde con 472.

[Boato di ovazione dei Serpeverde.]

                        Sì, sì, molto bene, Serpeverde. Ma ci sono alcuni recenti avvenimenti che vanno presi in considerazione. Vediamo un po Primo, a mister Ronald Weasley, per aver passato la prova della scacchiera gigante, giocando la miglior partita a scacchi che si sia vista a Hogwarts da molti anni a questa parte, attribuisco al Grifondoro 50 punti.

[Applausi.]

                        Secondo, a miss Hermione Granger, per aver usato abilmente la sua logica al momento opportuno, attribuisco al Grifondoro 50 punti.

[Applausi.]

                        Terzo, a mister Harry Potter, per il suo sangue freddo e l’eccezionale coraggio, attribuisco al Grifondoro altri 60 punti!

[Applausi.]

Alicia              Grifondoro è a 472, come Serpeverde!

Silente             Quarto. Esistono molti tipi di coraggio. Affrontare i nemici richiede notevole ardimento. Ma altrettanto ne occorre per affrontare gli amici. E pertanto attribuisco 10 punti a mister Neville Paciock!

[Applausi e ovazione assordanti. Si chiude il sipario.]

Narratore 2    Quella fu per Harry, la serata più felice della sua vita.

Narratore 1    Poi arrivano i risultati degli esami.

Narratore 2    Sia lui che Ron sono stati promossi con ottimi voti.

Narratore 1    Hermione, come previsto, risulta lalunna migliore dell’anno.

Narratore 2    Persino Neville riesce a passare per il rotto della cuffia.

Narratore 1    Così, eccoci il giorno della partenza per le vacanze estive.

Narratore 2    Gli armadi si svuotano e i bauli si riempiono.

Narratore 1    Tutti gli alunni tornano al treno che tanti mesi prima li aveva portati fin lì e in breve si ritrovano a Londra.

[A sipario chiuso, entrano Harry, Ron ed Hermione, con i bagagli.]

Ron                 Allora ci vediamo durante l’estate?

Harry             Non so non credo che per i miei zii sia una buona idea

Hermione       Spero che tu ehm faccia delle belle vacanze.

Harry             Ma sicuro: loro mica lo sanno, che non abbiamo il permesso di usare la magia a casa. Mi divertirò un mondo con Dudley, questestate

[Buio.]

 


 

 

Proposta di accorpamento di ruoli

per 26 attori (17 maschi e 9 femmine):

 

n.

maschi

femmine

1

Silente

McGranitt

2

Hagrid

Petunia – Alicia

 

3

Vernon – Stephen

Doris – Hannah

 

4

Dudley – Terry

 

McClan – Millicent

 

5

Harry 1 (atto primo)

 

Hermione 1 (atto primo)

 

6

Harry 2 (atto secondo)

 

Hermione 2 (atto secondo)

 

7

Tom – Baston

 

Mary – Chips

 

8

Mago 1 – Justin

 

Sally – Bumb

 

9

Mago 2 – Piton

 

Lisa – Narratore 1

 

10

Dedalus – Narratore 2

 

 

11

Raptor

 

 

12

Draco

 

 

13

Ron 1 (atto primo)

 

 

14

Ron 2 (atto secondo)

 

 

15

Neville

 

 

16

Tiger

 

 

17

Goyle

 

 

 


[1] Sulla musica dellInno di Hogwarts, dal film Harry Potter e la Pietra Filosofale”