I Bulgari dimenticati

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

2a parte.

Il difficile viaggio verso nordest

© 2010 di AldoC. Marturano

Mettiamo da parte per un momento la steppa e le sue vicissitudini, sebbene non la lasceremo così presto visto che è lo scenario costante dei vari nomadismi che attraversano gli eventi che raccontiamo, e rivolgiamoci alla questione di chi arrivò sul Medio Volga prima e chi dopo per ricostruire lepopea dei Bulgari fra le genti che qui si avvicendarono.

Cominciamo da una carta geografica moderna dove rintracciamo subito la Repubblica di Bulgaria nel cuore della Penisola Balcanica! Se però ci riuscisse di trovarne un’altra modernamente disegnata, ma basata sulla buona descrizione di qualche dotto musulmano medievale o addirittura tratta dagli scritti di Marco Polo, ecco che, sovrapponendola alla prima, a 3000 e più km di distanza in linea daria verso nordest (vicino a Mosca!) noteremmo un’altra Bulgaria. A questo punto linterrogativo sarebbe: Chi fondò questo stato? E i fondatori erano forse gli antenati dei Bulgari balcanici o i loro epigoni? E come mai questi ultimi ne persero il ricordo una volta sistematisi sul Danubio? Naturalmente le domande si rifanno alla sorpresa tutta occidentale” di trovare una nazione con ugual nome a monte del corso del Volga poiché in realtà nel Medioevo fino al XIV sec. l’unica e vera Bulgaria nota, dalla Spagna alla Persia, fu proprio e soltanto questa!

Non solo! Sapendo che forse i Bulgari parlavano una lingua turca, sarebbe più legittimo chiedersi come mai, visto che quella Bulgaria si trovava in piena area di parlate ugro-finniche. Dobbiamo forse accettare l’idea di chi suggerisce che i Bulgari fossero degli Ugro-finni che persero la loro lingua originaria quando si divisero dai Magiari? E un punto in discussione e ne riparleremo. Se invece i Bulgari fossero veri Turchi, allora le loro radici si troverebbero nella steppa asiatica ed essi sarebbero degli epigoni dellethnos turco che ebbe i suoi primi successi storici nella lontana Mongolia e che poi per qualche ragione da investigare si diressero verso lOccidente. Di conseguenza per la ricerca della patria prima dei Bulgari dovremmo guardare al di là degli Urali e quale fonte dinformazioni sarebbe migliore dellarcheologia, dato che i Turchi dAsia non ci hanno lasciato molte notizie scritte? Da quasi 150 anni nella steppa europea, lungo il Volga e ad est, nei territori steppici asiatici, sono state condotte molte spedizioni archeologiche che hanno lavorato con metodi sempre più raffinati. Si è scavato moltissimo in Turkestan e nelle regioni limitrofe e si sono raccolti numerosi reperti, quasi tutti ormai classificati e pubblicati. Malgrado ciò, non è stata individuata alcuna cultura bulgara, distinta da quella degli altri nomadi e sedentari! Non esiste (almeno finora) alcun oggetto che sia  attribuibile con sicurezza ad unipotetica etnia bulgara in Asia Centrale! Ciò è deludente perché il nostro è un tentativo di risalire alle origini, ma in mancanza di dati archeologici certi e con le contraddizioni a cui abbiamo appena accennato è davvero difficile cercar di conoscere la cultura materiale di questa gente per farne un confronto con quella delle altre vicine. Non ci resta, per il momento, che accontentarci delle presenze classiche dei Bulgari nel continente europeo e cioè in ordine cronologico: 1. quella intorno al Volga, 2. un’altra nella steppa ucraina e un’altra ancora 3. nei Balcani.

Altra questione è sperare di raccogliere informazioni partendo dal nome: Bulgar o Bolgar. In questo caso il problema è più controverso. Già lo aveva affrontato al-Garanati, dotto musulmano granadino in visita da queste parti alla fine del XI sec. affermando che significasse saggio” da una supposta parola turca bular trasposta in arabo in bulghar. In realtà però lo studio etimologico recente dellimprobabile etnonimo suggerisce un’altra derivazione dalla radice verbale turca bulğa che significa mettere in disordine o mescolare. Dunque più che saggi i Bulgari sarebbero meticci (Vassmer) o ribelli o mestatori (Lebedynsky), ma nemmeno tali etimologie sono accettate dalla totalità degli specialisti. E se fosse un nomignolo affibbiato a qualche capetto oppure a qualche gruppo di potere militare che millantava una genealogia di prestigio? Di élites turche che passavano il proprio nome ad intere tribù di cui si ponevano a capo se ne conoscono più duna nella storia

A chi rivolgerci allora? Le fonti primarie più consistenti e più affidabili sarebbero (e alla fin fine lo sono!) gli scritti dei geografi e dei viaggiatori musulmani come pure degli storici ufficiali e degli osservatori militari della corte romea (noi preferiamo l’aggettivo romeo a bizantino) che furono a più stretto contatto (in guerra, ma e soprattutto negli scambi mercantili) con i popoli della steppa.

Sugli scritti e sugli autori, M.I. Artamonov, il fondatore dellarcheologia moderna russo-sovietica, ha fatto un puntuale e meticoloso studio nei primi capitoli del suo monumentale lavoro Storia dei Cazari e ci avverte che le prime apparizioni storiche dei Bulgari sono difficili da interpretare nei documenti a disposizione giacché, semmai sia esistita come popolo a sé, questa gente solitamente si trovava in leghe di popoli diversi e negli elenchi compilati dai vari autori che ne ebbero notizia appare e scompare con gran frequenza. Per di più, da quando acquisì una sede stabile nella regione balcanica, il nome bulgaro” non fu più il distintivo di una gente ben precisa, ma venne usato per riferirsi genericamente agli Unni o persino a singole tribù della lega unna. Di qui i numerosi anacronismi in certe fonti scritte che creano altra confusione.

A questo punto urge qualche considerazione ambientale, soprattutto per capire lo spirito col quale le fonti romee, prima di altre, scrivono.

Larea nella quale ci stiamo movendo ha subito per secoli (dal IV fino alla metà del XV sec. d.C.) l’influenza culturale dellImpero Romano dOriente (in modo analogo la steppa asiatica ha subito quello della Persia) per cui i popoli che accedevano nelle vicinanze guardavano lImpero con rispetto scegliendolo come faro di civiltà e modello da imitare e da emulare. E chiaro che molte delle categorie culturali, filosofiche, religiose che i Romei diffondevano dalle loro basi in Crimea e dal loro Bosforo attraverso unespertissima diplomazia (il più delle volte impersonata da esponenti religiosi cristiani come, ad es., i santi Cirillo e Metodio) diventarono per il barbaro” nomade altrettanti punti di vista, atteggiamenti e maniere ai quali confarsi, pena il disprezzo e lostilità dei popoli vicini e giustificando persino la lotta armata talvolta elevata a supremo mezzo demancipazione. LImpero, da parte sua, volentieri favoriva le misure militari impelagandosi a volte in guerre dirette o suscitandole fra i nomadi, con smaccate esaltazioni del valore dell’un capo rispetto all’altro, con insinuazioni di sospetti di tradimento fra parenti, con doni e concessioni speciali e quantaltro che provocasse ostilità intestine. In altre parole, nelle questioni del rapporto con gli stranieri che premevano ai confini, lImpero spendeva grandissima parte del suo budget nazionale. In tali circostanze saccumulò nel tempo tanta documentazione preziosa sui nomadi della Steppa Ucraina che, addirittura, lImperatore Costantino VII Porfirogenito, riuscì a mettere insieme nel X sec. in una specie di manuale storico-geografico, diventando uno degli autori più consultati sull’argomento. Quelle sue pagine rappresentano una miniera ricchissima di testimonianze, spesso più tarde rispetto a quanto ancora racconteremo, ma la cui parte più importante è quella in cui lImperatore descrive le prassi diplomatiche consolidate a Costantinopoli, le fondamentali politiche per interpretare la scelta delle notizie di cui tener conto. Tutto ciò, per quanto ci riguarda, spiega meglio certe apparenti stranezze o peculiarità della steppa com’è descritta dai Romei e ci torna utilissimo.

Ci interessano moltissimo allora i principi giuridico-religiosi sui quali si fondava la prassi diplomatica, ma che erano pure la base della civiltà romana, al di là delle realizzazioni materiali che chiunque poteva ammirare nella vita e nei monumenti (le ricche chiese!) delle città greche. I concetti più frequentemente diffusi col chiaro scopo di assoggettare lo straniero materialmente e ideologicamente partivano già dalle figure dellImperatore Romano dOriente e del suo Patriarca (o dei loro delegati, naturalmente). Questi erano presentati come le due uniche e le massime autorità sulla Terra alle quali era dovuta obbedienza e sottomissione. Il loro potere era infatti universale e sacro e derivava dal dio unico abitante nei cieli.

Rispetto, venerazione, soggezione, sacralità del potere creavano unatmosfera che condizionava pesantemente i modi di presentarsi a trattare con lImpero e, siccome analoghi concetti erano ben noti e rispettati e usati per gli stessi scopi pure in Asia Centrale, restavano perciò credibilissimi e legittimi anche per un nomade non romeo! Dunque tutto sarebbe dovuto andare liscio E invece no! Prima di tutto occorreva essere riconosciuti uomini” e appartenere ad una nazione” secondo le regole dettate dall’ideologia imperiale e solo come nazione si era ammessi a trattare e inoltre, siccome il Cristianesimo era passato a religione dello stato già dal IV sec., ci si doveva riferire esclusivamente alle Sacre Scritture per averne i fondamenti teorici e santificati. Qui era scritto che Dio avesse creato da Noè in poi 72 stirpi alle quali tutti gli esseri umani appartenevano. In base a ciò ecco tutta una serie di criteri per distinguere fra le selvagge bande nomadi” e una nazione”. Non soltanto! Qualche capetto nomade dové inventarsi un nome proprio per la sua gente pur di facilitare lassimilazione al contesto biblico e passare dal rango di bestie” a quello di uomini”! Da parte loro i relatori romei, soffocati dalle innumerevoli denominazioni rinunciarono a volte a trascrivere tutti quegli incomprensibili nomi ed elencarono le genti semplicemente sotto gli etnonimi più classici, ma soliti (ad es. Cimmeri, Sciti, Unni).

Un altro aspetto ideologico (e pedagogico) degli incontri coi Romei era il fatto che la Corte Imperiale aborriva dalle discussioni assembleari dei Germani o dei nomadi dove le decisioni erano prese con difficoltà e con perdita di tempo e si pretendeva che negli eventuali contatti si presentasse al cospetto del diplomatico di turno un ristrettissimo numero di persone raccomandando che gli argomenti fossero ben chiari e concisi. Ogni conclusione o accordo preso sarebbe poi stato scritto e le parole fissate per sempre” in questo (magico) modo. Alle udienze con la diplomazia romea quindi, un capo da solo, magari con qualche dignitario, ma, soprattutto, accompagnato da ricchissimi omaggi per lImperatore.

In quell’occasione nelle l’unghe conversazioni (lo si fa ancora oggi nei contatti internazionali) si approfittava per raccogliere ogni possibile informazione: geografica, militare, etnografica etc. allo scopo di vagliare la credibilità dellinterlocutore e di capire gli eventuali piani militari in preparazione contro lImpero.

I Romei inoltre erano fortemente cerimoniali, sempre e comunque tesi ad evidenziare la superiorità della loro civiltà rispetto agli usi dei nomadi, marchiati, questi ultimi, al contrario di assoluta inciviltà”, e in ciò il ruolo della religione cristiana con la sua tradizione e i suoi riti elaboratissimi era primario per lo spettacolo del potere. Le cerimonie impressionavano i barbari tanto da affascinarli al punto di farsi battezzare per farne parte” mentre, allo stesso tempo, saffermava che chi non fosse battezzato con la Chiesa Cristiana (ancora non lacerata dal Grande Scisma del 1054) non poteva che restare una specie di uomo a metà.

Per tutto il tempo in cui Costantinopoli e il suo dominio politico-religioso furono riconosciuti in qualche maniera nellarea del Mar Nero, questa sfilza di regole” e di prescrizioni” dovette essere rispettata. In più, quelle regole furono persino imitate dai barbari” o calorosamente consigliate loro dai missionari cristiani perché soltanto così sentrava in un mondo nuovo più alla moda.

Capito lo sfondo ideologico romeo, abbiamo fatto la scelta di non passare attraverso il ginepraio delle menzioni scritte che dibattono il probabile percorso storico dei Bulgari e abbiamo preso fra esse soltanto alcuni episodi, più salienti o più affidabili di altri che speriamo cillustrino levolvere della diaspora bulgara conducendoci al punto della divisione nelle tre correnti che portarono ai detti tre focolai (presenze).

Aggiungiamo una precisazione: sia gli Unni sia i Bulgari stessi non sono mai stati delle etnie omogenee, ma sotto il loro nome hanno sempre coperto una mescolanza di genti differenti.

Su questo palcoscenico uninaspettata ambasciata nel 463 d.C. incontra la diplomazia romea. Narra Prisco di Pani che i Saraguri, gli Uroghi e gli Onoguri in missione unitaria chiesero di poter diventare alleati dellImpero (foederati) e avere il permesso di risiedere pacificamente vicino al confine cioè in questo caso nella zona a nord e immediatamente ad est della Crimea. Il capo-missione riferisce di aver dovuto abbandonare la steppa abitata dai suoi (al di là del Volga) scacciato dai Saviri che a loro volta erano stati spinti via dagli Avari in fuga da un popolo arrivato da lontano delle rive dellOceano (Pacifico? Mar Giallo?) Inoltre i Saraguri avevano battuto e conquistato gli Akatziri ed ora cercavano anch’essi aiuto!

Il racconto dei nomadi probabilmente è vero, se diamo uno sguardo agli avvenimenti contemporanei in Asia Centrale, e, a parte le strane denominazioni di popoli fino allora poco conosciuti dai Romei e gli eventi abbastanza sospetti, dovette suscitare a Costantinopoli una grande apprensione. Non solo! Qui sembra poter riconoscere una precoce menzione indiretta” dei Bulgari perché le tribù nominate non sono che le componenti etniche che più tardi ritroveremo in una specie di grande lega bulgara. A parte il notare che gli Uroghi (Ugri?) sono forse gli antichi predecessori dei Magiari (Ungheresi) o un’altra schiatta ugrofinnica aggregatasi o imparentata, questo episodio ci riguarda, se lo consideriamo riferito a dei proto-bulgari e perciò lo terremo a mente.

Andiamo ancora avanti nel tempo e nel V sec. d.C. (482) dei Bulgari li troviamo alleati dellImpero Romano dOriente invitati da Zenone per battere i Goti benché anche qui letnonimo Bulgari”, ripetiamolo, non è sicuro né univocamente attribuibile ad una precisa entità etnica.

Sempre in ambito romeo, c’è un racconto interessante di Giovanni Efesino che scrive al tempo dellImperatore Maurizio (fine del VI sec. d.C.). E qui la storia comincia a diventare più complicata giacché si narra che tre fratelli provenienti dalla Bersilia Interiore (Ucraina? Alania o Cazaria?) a marce forzate si diressero con ben 30 mila Sciti (è un nome generico che i Romei attribuivano ai popoli della steppa non turchi”) verso il Mare dAzov. Qui giunti e accortisi di essere giunti al confine dellImpero Romano dOriente, uno dei tre prese con sé 10 mila cavalieri e chiese allImperatore una terra dove stabilirsi con la sua gente al servizio dellImpero. Il nome del personaggio in questione è Bulgar cioè leponimo dei Bulgari! Gli altri due fratelli invece si diressero verso est nella terra degli Alani dove cera una città costruita dai Romani chiamata Caspium e là abitarono. Secondo il racconto ci sarebbero, da una parte, i Bulgari che abitano ormai nella zona dei Balcani e dall’altra i Puguri (forse Fanagori, fondatori della città di Fanagoria, oggi Kerc) in Bersilia (tutti cristiani, ci rassicura l’autore). Da questi altri Bulgari deriverebbero i Cazari che presero il nome dal più anziano dei tre fratelli, Kazarik, e che assoggettarono successivamente le altre genti della regione per immetterle nel proprio stato. Questa potrebbe essere una prima notizia del legame che legò per secoli Bulgari e Cazari, se non fosse che purtroppo la versione di Giovanni Efesino è molto sospetta ed è contestata per i suoi vari anacronismi e dunque non è troppo affidabile

Marcellino Còmite invece parla dellAnticaucaso e delle sue genti e cinforma che gli Sciti” si trovano lì da lungo tempo insieme con le genti turche ossia con gli Onoguri e i Kutriguri. Non solo! Nel racconto degli anni seguenti lo stesso autore parla finalmente di bulgari comuni”! Purtroppo nel V-VII sec. sono anni in cui i contatti dei Romei con la steppa diventano più nebulosi e confusi a causa della situazione instabile. I nomi dei personaggi coinvolti sono trascritti in modo non preciso e le loro apparizioni sono poste in sequenze a volte anacronistiche e, benché ci sia perfino un famigerato elenco di sovrani bulgari al quale ci si può riferire, in pratica dobbiamo partire da Kubrat/Kuvrat e dalla sua storia personale

Prima però, seguendo Lebedynsky, diciamo che dai reperti archeologici nella zona del Mar Nero i Bulgari sembrano ora più distinguibili (benché senza unassoluta sicurezza) poiché siamo ai tempi del favoloso Orkhan (o Mohodu khan) quando si forma una grande lega di tribù turcofone, ugro-finniche e iraniche, già in parte trascinate verso ovest dagli Unni, lega che lascia tracce tipiche” nella Steppa Ucraina. Orkhan si presenta come discendente della vecchia dinastia sacra” turca dei Dulo, secondo quanto tramandatoci dagli storici romei Teofane Confessore e dal Patriarca Niceforo, e sembra che sia rimasto a lungo al potere della lega come reggente in quanto il successore, suo nipote Kubrat/Kuvrat (Orkhan è suo zio per parte di madre), è ancora un bimbo. Nel 584 Kubrat finalmente succede allo zio passato a miglior vita e resta a capo della lega finché nel 619 non decide di allearsi con Costantinopoli. E ormai sul trono da 26 anni e, sapendo che alleanza significa anche abbarcciare la religione cristiana, Kubrat si reca dallImperatore Romano Eracl’io (610-641) per farsi battezzare. Rimane qualche tempo nella capitale a studiare presso il Patriarca (il suddetto Niceforo) e finalmente se ne torna nellAnticaucaso, consacrato unico capo cristiano.

Più tardi gli Avari, essi stessi una mescolanza di varie popolazioni non ben sedentarizzate, si scontrano con i Bulgari a nord del Ponto e portano confusione nelle loro relazioni tradizionali. LImpero Romano a questo punto ha tutto linteresse a sostenere Kubrat purché costui riesca a contenere le incursioni àvare. Lindipendenza (e la forza politica e militare) della Grande Bulgaria (è il nome storiografico convenzionale del regno di Kubrat) durerà fino alla sua morte nel 642 (o 665) d.C.

A causa delle liti per la successione fra i suoi numerosi figli lo sfascio della lega è inevitabile. Così i due fratelli maggiori Asparukh e Batbajan (Batbai/Bajan), forse a causa di dissidi sulla posizione da prendere contro la forte pressione militare cazara, si separano. Il primo, il minore, si dirige verso lImpero Romano dove fonderà sul Danubio la Bulgaria danubiana con capitale Pliska (le cui rovine oggi sono nelle vicinanze della cittadina di Aboba) mentre Batbajan rimane nella Steppa Ucraina e confluisce nella realtà statale cazara. L’altro fratello Kotrag si dirige a nord e superato il Don si stabilisce sulla riva sinistra in vicinanza della riva alta del Volga. Che fine fa il cristianesimo di Kubrat? Non lo sappiamo, ma di sicuro non si diffonde fra i Bulgari di Kotrag.

La migrazione di Asparukh verso i Balcani è comunque ricordata nella lettera del khan Cazaro Giuseppe (fine del X sec.) al cordovano Hasdai ibn Scaprut, gran visir ebreo del Califfo Abd-ur-Rahman III, in cui il khan afferma che (i Bulgari di Asparukh) abbandonarono la propria terra e fuggirono, e (noi Cazari) li inseguirono finché non raggiunsero la riva sinistra del Danubio.” Questultima è chiaramente una vanteria esagerata poiché il passaggio dei Bulgari già stava avvenendo in realtà da decine di anni fra il 660 e il 900 d.C. e non è registrato alcun trasferimento improvviso e affrettato di centinaia di famiglie nell’arco di pochi anni in direzione Sponda Destra del Danubio. Ricordiamo invece che nei casi di migrazione consensuale” con lImpero di solito lavanguardia armata prendeva possesso della nuova terra e successivamente i giovani vi si trasferivano, cercando di raggrupparsi per famiglie e per etnie in luoghi assegnati. Solo più in là nel tempo i vecchi, se ancora in gamba, si riunivano al resto della loro gente. Sarà perciò avvenuta la stessa cosa anche qui, sebbene (questo lo concediamo) su spinta dei Cazari. Risulta infatti che i Cazari condussero una politica militare ostile contro la Grande Bulgaria per ca. 20 anni dopo la morte di Kubrat allo scopo di sfasciarla e costruire sulle sue rovine il proprio stato. Ciò avvenne, secondo larcheologia, dopo un episodio leggendario in cui un capo bulgaro non volle seguire Asparukh avendo sotterrato un tesoro segreto che non voleva abbandonare. Costui fu ucciso dai Cazari e la guerra culminò con la vittoria cazara intorno al 670 provocando la definitiva diaspora bulgara verso Occidente.

A parte ciò, è chiaro che il racconto delle vicende dei fratelli è l’idealizzazione popolare di un passato dei Bulgari restato nebuloso che i Romei hanno ripreso come storia Alla fine buona parte dei Bulgari rimase intorno alla Crimea e al Mare dAzov e i loro resti sono le genti storiche odierne dei Balkhari (Bulgari?) e dei Karaciai (Facce-nere).

Sono questi secoli VII-VIII d.C. anni di rafforzamento e di crescita dei Cazari che quasi certamente sono legati ai Bulgari visto che Batbajan si sentì parte del processo politico evolutivo cazaro e vi si integrò. Evidentemente aveva subodorato il futuro successo di uneconomia commerciale basata sulle risorse della regione attraversata da grandi vie dacqua. Proprio queste vie erano controllabili dominando i loro corsi inferiori.

E questo il tempo in cui è cominciata a serpeggiare l’idea che occorre passare da uno stato organizzato militarmente per le guerre e le razzie ad un altro basato sul commercio pacifico vista la crescente domanda di certi prodotti di lusso di cui il Grande Nord è ricchissimo da parte dei grandi mercati come Costantinopoli e Baghdad oltre che la ricca e lontana Cina.

A questo punto mantenere un’organizzazione statale basata sui traffici implica la possibilità di costituire e di disporre dei mezzi non solo per controllare, ma anche per proteggere le vie di terra e dacqua da dannose incursioni, di poter stipulare patti damicizia con i popoli confinanti, da pari a pari. Comera costume in quei secoli si poteva o proclamare una religione di stato allo scopo di avvicinarsi o di distinguersi dagli stati vicini oppure adottare la tolleranza massima in campo religioso per non disturbare i mercanti che erano le persone da coccolare” più seriamente. Una volta scelta questa via, saranno proprio i mercanti ad aver la meglio nella fondazione sia dello stato bulgaro del Volga che di quello cazaro più a sud rendendo Bulgari e Cazari complementari gli uni agli altri.

Il commercio internazionale con prodotti ad alto valore aggiunto diretti ad una clientela come le corti e i signorotti locali richiede investimenti ingenti e a lungo termine perché lungo è il tempo che impiegano le merci per muoversi da un punto all’altro. E chi altri, se non i mercanti ebrei dorigine persiana detti Rahdaniti hanno i mezzi per gestirlo? E, se questi prodotti sono reperibili a costi convenienti nel Grande Nord dEuropa, quale luogo di smercio c’è, migliore della regione dove si trovano i Bulgari di Kotrag? Dunque forte e stretta lalleanza fra Bulgari e Cazari per uno sviluppo comune non ostile!

Le aree migliori per trafficare e per la gestione delle vie di transito sono individuate nella grande ansa che il Volga fa prima di costeggiare la riva alta dirigendosi verso sud ossia nella confluenza con la Kama dove non a caso sorgeranno rispettivamente Grande Bolgar e Kazan. Lungo quei fiumi si può penetrare nelle terre dei popoli del nord fornitori (Visu delle fonti arabe e Ves delle Cronache Russe, Jura o Ugri etc. di ceppo ugro-finnico) e dai punti strategici detti si possono controllare i passaggi e percepire i balzelli. Già non manca la concorrenza poiché contemporaneamente appaiono gli Scandinavi Rus organizzati in bande di tipo mafioso che cercano di sfondare verso sud saccheggiando le stesse terre del nord frequentate dai Bulgari.

Larcheologia conferma in gran parte il quadro: La quasi improvvisa apparizione nel settentrione del mondo della steppa trapiantato dalla lega bulgara per mezzo degli Alani (Bersili) e dei Burtasi in unarea a maggioranza ugro-finnica, mentre nel Volga più a nord appaiono in forza gli Svedesi non ancora slavizzati.

Ibn Rusté (geografo-storico persiano musulmano che scrive alla fine del IX sec. e quindi quando ormai Grande Bolgar è una realtà cittadina da tempo) conferma che: la Terra dei Bulgari confina con quella dei Burtasi. Essi vivono lungo la riva del fiume che sfocia nel Mar dei Cazari (Caspio) e che si chiama Itil (il Volga inferiore) la loro terra (dei Bulgari) è situata fra aree paludose e aree di foreste e i Bulgari si dividono fra genti: Una si chiama Bersela, un’altra Eseghel e la terza Bolgar, sebbene abbiano tutte tre lo stesso modo di vivere.”

 

 

Bibl’iografia di base:

 

M.N. Artamonov – Istorija Hazar, Sankt-Peterburg 2001

G. Chaliand –Les Empires Nomades, Paris 2006

G. Dagron – Empereur et Prêtre, Paris 1996

L. Gumiljov – Otkritie Hazarii,Moskva 2001

G. Herm – I Bizantini, Milano 1983

I. Lebedynsky – Les Nomades, Les peuples nomades de la steppe des origines aux invasions mongoles, Paris 2007

J. Martin – Treasure of the Land of Darkness, Cambridge Univ. 1986

V.V. Mavrodin – Ocerki istorii levoberezhnoi Ukrainy. Leningrad 1940

V.J.Petruhin/D.S.Raevskii – Ocerki istorii narodov Rossii v drevnosti i rannem

srednevekove, Moskva 2004

A. Roth – Chasaren, Neu Isenburg 2006

S. Runciman – Istorija Pervogo bolgarskogo Carstva, Sankt-Peterburg 2009

P.P. Tolocko – Kocevye narody stepei i Kievskaja Rus, Kiev 1999

A. Toynbee – Costantino Porfirogenito e il suo mondo, Firenze 1987

Z.V. Udalcova – Vizantiiskaja Kultura, Moskva 1988

 

 

Nota: L’immagine dei guerrieri bulgari è tratta dalla Cronaca Anglosassone

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: