I TRATTI DISTINTIVI E LA TEORIA DEL BINARISMO – fonologia

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Tratti distintivi:

Le opposizioni provative hanno aperto lo studio alla teoria fonologica del binarismo (Roman Jakobson) = ogni elemento linguistico si differenzia dall’altro per una serie di scelte binarie (di tipo “si/no”)

  • Sillabico: fonemi che possono fungere da nucleo sillabico
  • Consonantico: fonemi la cui realizzazione implica un’ostruzione dell’aria
  • Sonorante: fonemi per la cui produzione l’aria fuoriesce piuttosto liberamente (vocali, semiconsonanti, liquide, nasali)
  • Sonoro: suoni prodotti con vibrazione delle corde vocali
  • Continuo: suoni la cui articolazione può essere protratta nel tempo
  • Nasale: suoni prodotti con il velo palatino abbassato
  • Stridente: suoni la cui produzione implica una frizione dovuta all’attrito del flusso d’aria
  • Laterale: il flusso d’aria supera l’ostacolo della lingua dai due lati
  • Anteriore: suoni prodotti con un’ostruzione posizionata nella regione alveolare
  • Rilascio ritardato: suoni che iniziano con articolazione occlusiva e finiscono con articolazione fricativa
  • Coronale: suoni prodotti con parte anteriore della lingua (corona) sollevata al di sopra della posizione neutra
  • Arrotondato: suoni prodotti con l’arrotondamento delle labbra
  • Alto: suoni prodotti con la lingua in posizione più alta rispetto a quella di riposo
  • Basso: suoni prodotti con la lingua più in basso rispetto alla posizione di riposo
  • Arretrato: suoni prodotti con il corpo della lingua arretrato rispetto alla posizione di riposo

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: