Il diavolo nelle sacre scritture

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

La Divina Commedia, Inferno, Canto 34, vv. 1-69

E quindi uscimmo a riveder le stelle. Come termina l’ Inferno di Dante, XXXIV, 70-139

A.S. 2001-2002

TESINA PER L’ESAME DI STATO DI LAURA BOSONI

Il diavolo nelle sacre scritture

Nella Bibbia il problema del Diavolo è naturalmente messo in relazione alla cristianità in generale. In essa si possono distinguere cinque moduli interpretativi d’analisi per ognuno dei quali ho scelto un passo.

Il Diavolo intento a trascinare al male gli uomini:

 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: “ E’ vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?”. Rispose la donna al serpente:” Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto : Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”. Ma il serpente disse alla donna: “Non morirete affatto! Anzi Dio sa che, quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male”(si noti l’orgoglio e la vanità del Diavolo). Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi (…)                                                                                                                  Gn 3, 1 ss

Quando un giorno i figli di Dio andarono a presentarsi al Signore, anche Satana andò in mezzo a loro a presentarsi al Signore. (…

                                                                                              Gb 2, 1

Il Diavolo non può fare più di quanto gli permetta Dio:

(Un tempo) Nel numero di quei ribelli, del resto, siamo vissuti anche tutti noi, un tempo, con i desideri della nostra carne, seguendo le voglie della carne e i desideri cattivi; ed eravamo per paura meritevoli d’ira, come gli altri. Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati, da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo (…)                                 Ef 2, 2

Il Diavolo è padre e principe del mondo e di tutti gli empi:

(…) voi che avete per padre il Diavolo , e volete compiere i desideri del padre vostro (…)  Gv 8, 44

Il regno del Diavolo distrutto per opera di Cristo:

(…) I settantadue tornarono pieni di gioia dicendo:” Signore, anche i demoni si sottomettono a noi nel tuo nome”. Egli disse:” Io vedevo Satana cadere dal cielo come la folgore(…)                 Lc 10, 18

Il  Diavolo tenta Gesù:

meglio conosciute come le “tentazioni di Gesù”, esse sono contenute nei Vangeli Sinottici , subito dopo i racconti del battesimo di Gesù nel Giordano, e trattano, appunto, le tentazioni che Gesù subì durante il periodo di raccoglimento passato nel deserto:

(…) Subito dopo lo Spirito lo sospinse nel deserto e vi rimase per quaranta giorni, tentato da Satana; stava con le fiere e gli angeli lo servivano  (…)                                                                    Mc 1, 13

Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. E dopo aver digiunato quaranta giorni  e quaranta notti, ebbe fame. Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: “ Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane”. Ma egli rispose: “Sta scritto:

Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”.

Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio e gli disse: “ Se sei Figlio di Dio gettati giù poiché sta scritto:

Ai suoi angeli darà ordini  a tuo riguardo, ed essi ti sorreggeranno con le loro mani, perché non abbia ad urtare contro un sasso il tuo piede”

Gesù gli rispose : “Sta scritto anche:

Non tentare il Signore Dio tuo”.

Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse: “ tutte queste cose io ti darò , se prostrandoti, mi adorerai”. Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana! Sta scritto:

Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”

Allora il diavolo se ne andò e lo lasciò mentre gli angeli gli si accostarono e lo servirono.   Mt 4, 1-11

La prima tentazione del Diavolo consiste nel risolvere i problemi solamente materiali degli uomini così da avere il consenso delle persone: è la tentazione economica. In secondo luogo il Diavolo tenta nuovamente Gesù: è la tentazione dell’immagine, della notorietà, dell’eclatanza. Infine l’ultima tentazione della quale il Vangelo di Matteo ci porta testimonianza è quella del compromesso, della mancanza di coerenza pur di ottenere qualcosa.

  • torna all’indice della tesina Il diavolo di Laura Bosoni
Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: