IL SECONDO DOPOGUERRA

Liberazione dell’Europa dal nazismo à¢â€ ‘ oriente sotto comunismo di Stalin.
                          à¢â€ “
Condizioni di uscita dalla guerra peggiori          Numero dei decaduti minore della prima guerra per
dal conflitto precedente (bombe atomiche, à¢â€ ‘   Italia e Francia, maggiore per Germania e Russia:
bombardamenti sulle città aerei…)                      beni culturali distrutti, civili morti per i bombarda-
                                                                            menti.                            
                                                                                                                    à¢â€ “
Conseguenze morali: 1) l’uomo comprende a che cosa può arrivare l’odio razziale del nazionalsocialismo guardando le stragi degli ebrei. 2) con il rilasciamento delle due bombe atomiche l’uomo capisce dove può arrivare il progresso scientifico e tecnologico senza una mentalità adeguata.
                                       à¢â€ “
Europa: industrie distrutte, popolazione debilitata dalla fame e dalle epidemie, profughi in cerca di rifugio, ebrei fuggenti nella Palestina, reduci di guerra e detenuti in condizioni terribili, famiglie decimate à¢â€ ‘ tragedia di quei russi che si erano schierati con i tedeschi per liberarsi dal comunismo che, liberati dagli anglo-americani vennero sterminati da Stalin.
                                       à¢â€ “
     Germania: devastata dai bombardamenti, problema di ridare casa ai milioni di profughi scappati dai territori orientali.
     Inghilterra: anche se non venne assediata brutta situazione economica per gravi costi di guerra.
     Occidente europeo: esce dalla guerra avendo perso il potere sul globo terrestre, posto preso dall’America (in una certa misura anche l’Unione sovietica) con un predominio sia economico che politico à¢â€ ‘ 1945 metà produzioni industriali era americana.
                                 à¢â€ “
Fra i vincitori: ottimismo, voglia di creare           à¢â€ ‘   PROCESSO di NORIMBERGA e COSTITU-
 un mondo nuovo in cui no orrori di guerra.             ZIONE dell’ONU (1945-46)
                                                                                                                 à¢â€ “
Nella città tedesca di Norimberga un Tribunale Militare Internazionale processa coloro che avevano maggiore responsabilità dei crimini di guerra. Questo processo emette un principio importante: l’idea che esista una legge morale che gli uomini e gli Stati non possono trasgredire.
                      à¢â€ “
Organizzazione delle Nazioni Unite costituita nel 1945 sulla base di accordi con le nazioni vincitrici e dei principi della carta Atl’antica à¢â€ ‘ organi più importanti: Assemblea Generale e Consiglio di Sicurezza (di cui facevano parte USA, URSS, Inghilterra, Francia e, in seguito, la Cina).
                                                      ÃƒÆ’ƒÂ Ã‚¢Ã¢â‚¬Â “
ONU: maggiori poteri tra cui quello di                1948 dichiarazione universale dei diritti dell’uomo:
 poter intervenire militarmente per imporre à¢â€ ‘    base della democrazia. Nascita istituzioni economi-
il rispetto delle sue deliberazioni                           che con a base accordi firmati nel 1944 negli USA.
                                                                                                                     à¢â€ “
Gran Bretagna costretta ad aprire ilCommonwealth alle esportazioni americane, dollaro = unica valuta per scambi economici, istituita una Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale à¢â€ ‘ principi di libero scambio nella parte non governata dai comunisti ottenuta dagli americani.

Germania privata della Slesia, della Pomerania e della Prussia Orientale e venne divisa in due:
                                 à¢â€ ”                                                                      à¢â€ “
                    Germania dell’Est:                                               Germania dell’Ovest:
              sotto occupazione sovietica.               sotto occupazione della Francia, Inghilterra, America.
à¢â€ ‘ Berlino divisa in due: Berlino dell’Ovest (sotto occupazione dell’America, Inghilterra e Francia; democrazia liberale capitalista) e Berlino dell’Est (sotto occupazione sovietica; dittatura comunista; diventa la capitale della Germania dell’Est sotto il nome di Repubblica Democratica Tedesca).
à¢â€ ‘ Inghilterra perde i poteri: dopo la seconda guerra mondiale si era ritrovata con forti debiti che dovevano restituire all’America con cui non poteva competere e quindi mantenere l’impero coloniale
                         à¢â€ “
Il governo laburista prende il posto del governo conservatore di Churchill e avviò un processo di decolonizzazione trasformando l’impero in Commonwealth: un’associazione di Stati sovrani composta dalla Gran Bretagna e dai suoi “domini” e colonie.
à¢â€ ‘ L’Irlanda: non prende parte al Commonwealth e ottenne, nel 1947 la piena indipendenza politica da Londra (nacque cos’ la Repubblica dell’Eire con maggioranza cattolica) eccetto una piccola regione a Nord-Est: l’Irlanda del Nord o Ulster (con discendenti inglesi e irlandesi protestanti) che rimase unita alla Gran Bretagna.
               à¢â€ “
Recrudescenza del terrorismo irlandese                 1951 nuove elezioni in Inghilterra: vincono i con-
contro Londra a causa dell’Irlanda del Nord à¢â€ ‘    servatori e fino al 1955 Churchill governa facendo
in particolare da parte di un’organizzazione          decollare l’economia e avviò la decolonizzazione.
clandestina armata detta IRA.                              
                     à¢â€ “
In Inghilterra muore Re Giorgio VI        nel 1946 in Francia nasce la Quarta Repubblica e De Gaulle
Nel 1952 e gli succede sua sorella:    à¢â€ ‘   si ritira ma, a causa di una grande instabilità questa finisce
la Regina Elisabetta II (attuale)                nel 1958.
                                                                                                                    à¢â€ “
De Gaulle viene rieletto Presidente e fa una nuova costituzione e trasforma la Francia in una Repubblica semipresidenziale nella quale il Presidente (in carica per sette anni e rieleggibile) accentra nelle sue mani i poteri, maggiori del Primo Ministro à¢â€ ‘ Quinta Repubblica francese che dura tuttora.

Durante la seconda guerra mondiale America, Russia e Inghilterra conferenza di Yalta, in Crimea, nel 1944 incui si spartirono le zone d’influenza:
– Unione Sovietica: territori orientali della Polonia (rapporto preferenziale, cioè controllo diretto sui paesi dell’Est) con la condizione che la Polonia avrebbe potuto costruire governi attraverso elezioni democratiche (democrazia per Stalin = massificazione) ma Stalin voleva creare stati satelliti.
                                  ÃƒÆ’ƒÂ Ã‚¢Ã¢â‚¬Â “
I partiti comunisti prevalgono e mettono al bando i movimenti avversari e formano governi di “fronte popolare” à¢â€ ‘sovietizzazione forzata dell’Europa orientale cioè la sottomissione dei paesi dell’Est europeo al rigido controllo sovietico e la loro trasformazione in regimi comunisti (culmine nel 1948 con il colpo di Stato comunista in Cecoslovacchia.)
                                    à¢â€ “
Ungheria, Polonia, Bulgaria, Romania, Albania, Germania dell’Est e Cecoslovacchia diventano “democrazie popolari” = regimi comunisti retti da ferree dittature (Comunismo si insidia anche in Jugoslavia, ma Tito lo blocca).

Inghilterra e America si accorgono della situazione, gli stati sovietizzati sono diventati una “cortina di ferro” (dal Baltico a Trieste) e l’URSS può contare sull’appoggio di molti stati comunisti diretti da Stalin