Il Vantone di Plauto


traduzione del “Miles Gloriosus” di Pier Paolo Pasolini

 a cura della prof.ssa Rosalia Di Nardo

ATTO PRIMO

SCENA I – Pirgopolinice, Artrotrogo

PIRGOPOLINICE Guarda che il mio scudo luccichi più del sole,/ quandè estate, che spacca i selci e copre di sudore:/ se si presenta l’occasione, e ciò da fà a cazzotti/ voglio che ai miei nemici, sto scudo je cechi locchi./ Sta bajaffa è un bel pezzo che sta ferma, se lamenta,/ voglio riconsolarla, voglio farla contenta:/ lo sento che je rode, che l’ha presa il capriccio/ de riduce i nemici come tante salsicce. Artrotrogo, indò stai?/

ARTROTROGO Ecchime, sto accanto a te,/ padroncino mio bello, più gajardo de un re!/ Manco il Dio della guerra sarebbe tanto gaggio/ da mettere in confronto il suo col tuo coraggio!/

PIRGOPOLINICE Che dici? De quel tizio che io risparmiai,/ quandera comandante, ai campi Verminai/ il grande Bumbomachide, figlio di Poseidone?

ARTROTROGO Sì, sì, quello collarmi de oro der Giappone/ che tu gli hai distrutto co un soffio la marmaja/ come si se trattasse di un covone di paja!

PIRGOPOLINICE Eeh, che sarà mai!/

ARTROTROGO Ah, niente, padroncino soave,/ niente appetto al resto (che hai fatto col cavolo!)/ (Se qualcuno conosce uno più lavannaro/ de questo, me lo dica! Me vendo paro paro/ a lui, me faccio schiavo… certo però c’è un fatto:/ da lui c’è ‘na cucina che me piace da matto!)

PIRGOPOLINICE Beh, che fai?/

ARTROTROGO Sto qua! E in India? Quel giorno/ chhai rotto a un elefante co na pignata un corno?/

PIRGOPOLINICE Chhai detto? Un corno?/

ARTROTROGO Beh, sì, insomma, na zanna…/

PIRGOPOLINICE Lo castigai per caso…/

ARTROTROGO Se allora, oh diomamma,/ ce mettevi la forza, sgarando pelle e viscere/ dalla bocca te usciva er braccio, liscio liscio!

PIRGOPOLINICE Mo basta de sti fatti!

ARTROTROGO Certo non val la pena/ che li racconti a me, li so! (Tutta na scena/

pietosa che sto a fà! Colpa la panza: orecchi,/ voi dovete ascoltà, perché la lingua lecchi!/ E famoje la spalla mentre inventa de brutto!)/

PIRGOPOLINICE Dunque, che dicevo?/

ARTROTROGO Eh, che; nun se sa? De tutto:/ E io lo testimonio!

PIRGOPOLINICE Ma che?…

ARTROTROGO Quel che te pare!/

PIRGOPOLINICE Prendi…

ARTROTROGO La carta? subbito! Preparati a dettare!/

PIRGOPOLINICE Sei bravo, a interpretare nel tuo cuore il cuor mio!/

ARTROTROGO Capirai, è mio dovere: ciò un buon naso, io!/

PIRGOPOLINICE Dunque, che testimoni?

ARTROTROGO Oh… centocinquanta/ in Cilicia, si nun sbajo, cento in Scitobellanta,/ poi sessanta Macedoni e trenta Sardegnoli:/sti compari in un giorno tutti l’hai fatti fuori.

PIRGOPOLINICE Quanti so in tutto?

ARTROTROGO Beh, circa un settemila./

PIRGOPOLINICE Eh sì, così dev’essere: conta bene e compila!/

ARTROTROGO Mica ce né bisogno! Li so tutti a memoria!/

PIRGOPOLINICE Che memoria, perdio!

ARTROTROGO Che vòi!… La pappatoria!…/

PIRGOPOLINICE Comportati così: non salterai un pasto!/

ARTROTROGO E quando in Cappadocia se non eri rimasto/ con la spada spuntata, ne sventravi seicento?

PIRGOPOLINICE Beh, erano burbe: campino! Per me, so contento./

ARTROTROGO Ma perché sto a dimostrare ciò che tutti assecondano:/che Pirgopollinice è unico nel mondo?/Che in virtù, faccia e fatti, sopra tutti tu brilli?/ Tutte le donne tamano – e chiamale imbecilli,/ bello come sei… Come quelle che ieri/ mhanno preso de petto…

PIRGOPOLINICE Beh? che thanno detto?

ARTROTROGO Mhanno detto: Chi è, Achille?” No, è su fratello,”/ je fo. Ah, ecco perché,” me fanno, è tanto bello!”/ E distinto!” maggiungono. Guarda che capello!/ Fortunata la donna che va dormì co quello! “

PIRGOPOLINICE Ah, così ti dicevano…

ARTROTROGO Facevano la lagna:/ volevano che te portassi da loro in pompa magna.

PIRGOPOLINICE Eh, che disgrazia essere troppo belli!

ARTROTROGO Hai raggione:/ pregano, girano intorno, te rompono i cojoni:/ sattaccano: e impediscono che fai laffari tua…/

PIRGOPOLINICE Andiamo, andiamo al centro: che facciamo quassù?/ Ricordi i mercenari che abbiamo messo in nota?/ Li dobbiamo saldare. Re Saleuco mi invoca/ che gli arruoli soldati, a gran velocità./ Oggi voglio dedicarmi tutto a Sua Maestà.

ARTROTROGO Annamo, che aspettamo?

PIRGOPOLINICE (ai garzoni) Forza, a baccalà!/

 

ATTO SECONDO

SCENA I – Palestrione

PALESTRIONE Ve lo farei il riassunto, di questa commedia/ se un poco dattenzione mi voleste concedere…/ Se ci stasse qualcuno che proprio nun je va/ prenda e lasci il posto: naltro loccuperà./ Dato che avete preso posto qui tutti arzillotti/ come a una festa, bene: vi voglio fare edotti/ dei fatti e del titolo di questa sceneggiata./ Il titolo in greco, sarebbe Alozanone,/ ma noi in nostra lingua, diciamo Er Vantone”./ Questa città è Efeso. Quel soldato che mo,/ da qui, è ito al centro, io gli sottostò:/ è il padrone, sto zozzo, lavannaro, sbruffone/ pieno de merda, bravo soltanto a fare limbroglione./ Per lui, dice, le donne ciànno tutte la pece:/ tutte lo sanno bene chè un cafone, invece./ A forza di mandargli bacetti le mignotte,/ secondo lui, ciavrebbero tutte gonfie le bocche./ Mica è tanto tempo chio sto a servizio suo:/ anzi, ecco com’è, che mi sé preso lui./ Fate bene attenzione, che qui comincia il bello./ Il vero mio padrone, a Atene, era un bravo pivello:/ e sera innamorato duna pischella greca,/ e pure lei di lui: na relazione quieta./ Un giorno, lui, lo mandano, co un pubblico incarico,/ a un paese, e chi arriva? Sto nostro generale/ che, in quattro e quattrotto, va a prenderla di petto,/ cominciando a allisciarsi – con qualche regaletto,/ qualche chilo di pasta, na bella damigiana –/ la madre; e in poco tempo, la compra, sta ruffiana./ E poi la frega. Come cià noccasione,/ prende la figlia, core del mio poro padrone,/ la imbarca e se la porta qua nella sua città./ Io, come vengo a sapere che la ragazza è storta,/ via! prendo na nave, e navigo alla volta/ del mio padrone caro, per spifferargli tutto:/ ma appena in alto mare, è qui che viene il brutto:/ incontriamo i pirati, e addio il mio messaggio:/ la nave è catturata, e finisce sto viaggio./ Il tizio che mi prende, mi vende a sto generale:/ e come arrivo qui, schiavo, chi mi compare/ davanti allocchi? Lei, quella che stava a Atene,/ quella del mio padrone: lei, pora stella, appena/ mi vede, strizza l’occhio, perché non faccia nomi:/ e poi subito, svelta, alla prima occasione,/ porella, viene a piagne con me sulle sue pene;/ dice che vuol scappare da qua, tornare a Atene,/ che vuole bene soltanto al mio vecchio padrone,/ e che non può vedere questo brutto cafone./ Io la scandaglio bene, vedo chè vera amante,/ scrivo una bella lettera, e la do a un ambulante,/ che la porti ad Atene, perché il mio signore/ venga subito qui… Lui infatti ci vola./ Qui, mo sé alloggiato da un amico del padre,/ un vecchietto simpatico, che si sta a fare in quattro/ per dare un po d’aiuto a questo innamorato./ Pure io, qua dentro, faccio tutta una Babilonia/ perché i due amanti possano realizzare i suoi sogni./ Dunque: il generale si è scelto una stanza/ dove nessuno entra, tranne la sua ganza./ Beh, a questa stanza, io ciò fatto un buco/ e lei entra ed esce… E stato quel nasuto/ del vecchietto ospitale chha avuto sta trovata./ Quanto al mio collega che sorveglia l’entrata,/ è un broccolo: bastano due tre battute brave/ e un po de fumo, perché nun veda un cavolo./ Ma mo state in campana: sta ragazzetta scaltra/ quando entra è una, e quando esce è naltra./ È sempre lei, sintende: ma è tutta na moina/ per daje un po de fumo a la guardia burina./ Aòh, la porta del vecchio vicino ha cigolato:/ è il vecchio simpatico, che già vho presentato…

 

SCENA II – Peripl’ecomeno, Palestrione

PERIPLECOMENO Mannaggia, se non spezzate le gambe a ogni straniero/ che spia sopra il mio tetto, vi faccio er culo nero!/ Possibile che i vicini mi stiano dentro casa?/ Dai tetti, dal cortile… Aòh, nun fate gli asini:/ il primo che saffaccia dai tetti de quel farlocco/ a spià li fatti mia, buttatelo de sotto./ Tutti, me riccomando, eccetto Palestrione:/ se dicono che inseguono na gallina o un piccione/ nun je date retta! Spaccateje tutte lossa/ che se imparino a vive, sti fiji de na mignotta!

PALESTRIONE (fra sé) Me sa che il mio padrone, je fa qualche drittata/ a sto caro vecchietto, e lui se lè legata/ al dito! Disgrazziato chi je capita sotto!/ Ma a me che me ne importa: pe llaltri so le botte!/ Vediamo un po che dice…

PERIPLECOMENO (fra sé) Ma questo è Palestrione…/

PALESTRIONE Che fai, Periplecò?

PERIPLECOMENO Aòh, fra tutte le persone/ che potevo incontrare, te eri er più indicato!/

PALESTRIONE Che ciài che strilli tanto co noi?

PERIPLECOMENO Ciànno fregato./

PALESTRIONE Come sarebbe a dì?

PERIPLECOMENO Ciànno scoperto

PALESTRIONE De che?

PERIPLECOMENO Dal tetto/ un tuo collega ha visto, giù nel mio cortiletto/ Filocomasio stretta al suo amore fatale,/ che lo baciava…

PALESTRIONE Chi, l’ha visti?

PERIPLECOMENO Un tuo compare./

PALESTRIONE Il nome?

PERIPLECOMENO Mah, no lo so! Sè dato come un fulmine…

PALESTRIONE Addio,/ so morto.

PERIPLECOMENO Je gridai: Che fai sul tetto mio?”/ Sto a cercà na scimmietta,” me fa quello scappando./

PALESTRIONE Sta qua Filocomasio?

PERIPLECOMENO Sì, quando so escito, quando./

PALESTRIONE Dai, va a dirle che passi di qua, che se sbrighi,/ che la vedano in casa… Qua, co tutti stintrighi/ per amor suo, me sa, finimo crocifissi./

PERIPLECOMENO Già glielho detto…

PALESTRIONE E che sia fedelissima,/ aggiungeje pure, al suo istinto de donna:/ cià narte, cià na tecnica, che ladoperi…

PERIPLECOMENO E come?/

PALESTRIONE Eeeh, a quello che l’ha vista, lei je fa un bel sermone,/ fino che je fa crede chè stata na visione./ Che te credi? Cià lingua, malizia e cattiveria;/ nun je manca la faccia; è na ragazza sveglia,/ cocciuta, linguacciuta, se a uno je viè in mente/ de accusalla, quella ne fa pochi de controgiuramenti!/ Cià in saccoccia calunnie, infamie e carognate,/ cià in saccoccia moine, dritterie patentate:/ na donna paragula nun je serve capoccia:/ lattrezzi, i condimenti, ce l’ha tutti in saccoccia./

PERIPLECOMENO Je lo dirò sé ancora in casa… A Palestriò,/ e mo che pensi, tutto preso?

PALESTRIONE Zitto un po!/ Me sto a ispirà su quello che ce conviene fà:/ na bella dritteria contro quel dritto là/ che ha spiato er bacio, sto zozzo scimpanzè…/ Faje crede che quello chha visto non c’è…

PERIPLECOMENO (fra sé) Ih, guardalo come sta lì nero, concentrato./ Batte il petto coi diti: er core è interrogato./ Mo se rivolta, teso; appoggia la manciola/ sopra la coscia; l’altra, ladopra come a scola/ a fà i conti: che conta? Ahio! mo sallenta/ na sleppa sulla coscia: nun ha trovato niente!/ Fa schiocchi co le dita, smania, cambia posa,/ fa no no co la testa: pensa che nun è cosa…/ Certo che se fa il cuoco, cuoce bene, cuoce./ Ecco! ce l’ha fatta! Fa la faccia feroce!/ (Mh, mica me va tanto, questa sua espressione…/ Dice che stespressione, usa farla un poeta/ che scrive mezzo barbaro: e siccome ha per meta/ la rivoluzione, sta sempre sotto locchi/ dei vecchi, benedetti, fedeli poliziotti.)/ Bene perdio! Me sembra er servitore classico/ delle commedie; certo, l’idea non la lascia/ fino che non l’ha presa. Ma mo l’ha presa! Dai,/ parla, shai da parlà! Che, dormi? Ce lo sai/ che a forza de cintate te risveglio io!/ Aòh, parlo a te, sa! Ma che, hai bevuto? Addio!/ Svejete, Palestriò, sé fatto giorno!

PALESTRIONE Ecco…/

PERIPLECOMENO Guarda, ce sta er nemico chè pronto a farti secco./

PALESTRIONE Beh, me lincollo io, tutta sta faccenda…/

PERIPLECOMENO Allora è proprio fatta!

PALESTRIONE Ah, fussi ispirato/ dal cielo!

PERIPLECOMENO Mo me dici che cavolo hai inventato?/

PALESTRIONE Bono! Mo te introduco dentro i Regni del Dritto,/ a mostrarti i miei trucchi: basta che te stai zitto!/

PERIPLECOMENO Te ridarò i tuoi trucchi, come me l’hai dati./

PALESTRIONE Un bisonte ha sensi molto più delicati/ che il mio padrone: e un coccio ha più criterio… !

PERIPLECOMENO Lo so, lo so…

PALESTRIONE Allora: ho un piano molto serio./ Dirò chè venuta, da Atene, col suo amante/ ‘na sorella gemella, tanto somigliante/ a Filocomasio, come il latte al latte:

e che sta a casa tua…

PERIPLECOMENO Bene! Nun se batte!/

PALESTRIONE Così se quel compare è ito a fà la spia/ che la donna era qua, in dolce compagnia,/ io dirò invece chera la gemella/ che stava cor ragazzo a fà la marachella…

PERIPLECOMENO E così dirò anch’io, al tuo caro padrone!/

PALESTRIONE Aòh, la somiglianza è proprio d’eccezione,/ ricorda! E va a avvertire pure Filocomasio;/ il nostro generale è un pochetto da naso,/ potrebbe interrogarla…

PERIPLECOMENO Mannaggia, che finezza!/ Ma se il tuo generale avesse laccortezza/ dinterrogarle insieme?

PALESTRIONE Eeee! Ce so mille scuse!/ E uscita, è ita a spasso, sta a sentì un po de musica,/ Dorme, se lava, magna, cià da fà, nun je va…”/ Hai voja a trovà scuse, tanto pe rimandà:/ Basta che lui ce caschi la prima volta, basta./

PERIPLECOMENO Mhai persuaso.

PALESTRIONE Mo entra: se la donna è rimasta,/ dille dannà a casa, spiegale il nostro trucco;/ e dentro la capoccia faje entrà soprattutto/ la sorella gemella…

PERIPLECOMENO Se tu sei raffinato,/ io so raffinatissimo. C’è altro?

PALESTRIONE È tutto.

PERIPLECOMENO Addio./

PALESTRIONE Adesso micio micio, entro in casa purio:/ vojo appurà chi è lomo de la scimmietta”./ Quello ha certo parlato, lingua maledetta!/ e mo tutti sapranno che, giù nel cortiletto,/ Filocomasio ha fatto con il suo ragazzetto…/ Li conosco i miei polli; anch’io non so stà zitto/ se so qualcosa! Almeno, lo trovassi quel micco/ che ha visto tutto: me metterei de brutto/ a faje guerra, fin che no lho distrutto./ Se non lo trovo qua, me do da fà da matto,/ come un cane che sente lodorino del gatto./ Ma, oh, la porta cigola. Starò qua locco locco…/ È er guardiano de lei, alè, che se fa sotto!

 

SCENA III – Sceledro, Palestrione

SCELEDRO (fra sé) Boh! O io dormivo, oggi, là sopra i tetti,/ oppure lho veduta, proprio co stocchietti,/ Filocomasio, sotto, che stava a cercà rogna…/

PALESTRIONE Ah, è lui, allora, er bravo testimone…/

SCELEDRO Chi va là?

PALESTRIONE So un compare. A Scelè, mbeh, che fai?/

SCELEDRO Ah, sei te! Meno male!

PALESTRIONE Perché? Che, stai nei guai?/

SCELEDRO Me sa proprio…

PALESTRIONE De che?

SCELEDRO Che oggi a tutti quanti/ ce toccherà fà er ballo dei crocifissanti.

PALESTRIONE Aòh, fallo te sto ballo, è un ballo chio nun ballo!/

SCELEDRO Quando saprai er fatto, te toccherà imparallo!/

PALESTRIONE Ma che fattaccio è?

SCELEDRO Mh! Roba da coltello!/

PALESTRIONE Io nun ne so niente! e nun vojo sapello!/

SCELEDRO Sì, mo nun te lo dico! Stavo a inseguì na scimmiuccia…/

PALESTRIONE Belli, te e la scimmia! Che coppietta caruccia!/

SCELEDRO Va a fà l’erba! Stavo sul tetto, e lì, de sotto…/ chi vedo? Filocomasio stretta a un bel giovanotto./

PALESTRIONE Ahio, che brutto affare… o è una fantasia?/

SCELEDRO L’ho visto io!

PALESTRIONE Tune?

SCELEDRO Sine, co stocchi mia!/

PALESTRIONE Ma daje, hai visto male!

SCELEDRO Io mica so guercio!/

PALESTRIONE Fatte curà, ch`è mejo! Guarda, sto fatto lercio,/ io, se fussi in te, nun lo direi per niente:/ rischi brutto, lo sai, se qualcuno te sente./ Ce stanno du raggioni, almeno, pe morì,/ si nun tieni la cica…

SCELEDRO Quali raggioni, dì!/

PALESTRIONE Prima de tutto, intanto, se fai na falsa accusa:/ e poi, nun eri te er guardiano de la ragazza, scusa?

SCELEDRO Magari morirò, ma, quanto a vede, ho visto.

PALESTRIONE E insisti, sa, mannaggia!

SCELEDRO Insisto sì, insisto!/ Anzi, se vòi sapello, quella sta ancora là…

PALESTRIONE Come? Nun sta a casa?

SCELEDRO Te puoi pure accertà,/ ce metti tanto poco…

PALESTRIONE Vojo proprio smiccià!

SCELEDRO Taspetto. Eh, de qua – pe ritornà a lovile –/ deve passà la vacca, mica mi può sfuggire!/ Mannaggia, e mo? Devo proprio morì?/ Moro, si la denuncio, moro si me sto zitto/ – e se i fatti se scoprono… Ah, chi è più dritto/ e zozzo de na femmina? Io giro per i tetti/ e lei se napprofitta, pannà coi ragazzetti/ a fà le zozzerie. Se la chiacchiera gira,/ finimo tutti in croce, e io in prima fila./ Col cavolo, che parlo: se quella la dà via,/ faccia come je pare, la colpa mica è mia!

PALESTRIONE (rientrando) A Scelè, a Scelè! Sei lomo più bugiardo/ der mondo! Manco a Dio, tu je porti riguardo!

SCELEDRO E perché?

PALESTRIONE Ma acc’ècate quellocchi con cui vedi/ ciò che non c’è!

SCELEDRO Che? Che?

PALESTRIONE Nun darebbe na sedia/ rotta per la tu vita…

SCELEDRO Ma de che parli?

PALESTRIONE A gaggio,/ ciài coraggio de chiederlo?

SCELEDRO Ma che, ce vò coraggio?/

PALESTRIONE Nun te la mozzi ancora, sta lingua ficcanaso?/

SCELEDRO Perché dovrei mozzalla?

PALESTRIONE Perché Filocomasio,/ ecchela lì in casa, e no, come tu hai detto,/ a baciasse qua fori con un novo soggetto!

SCELEDRO Me cali, a Palestriò! Vedi fischi pe fiaschi!/

PALESTRIONE Nun ce provà!

SCELEDRO Sei bègalo.

PALESTRIONE Aòh, muso da ergastolo,/ tu sei cieco, no bègalo. Quella sta a casa!/

SCELEDRO A casa?

PALESTRIONE Sì a casa, a casa!

SCELEDRO Nun me menà per naso!/

PALESTRIONE Che, ciò le mani zozze?

SCELEDRO E perché zozze?

PALESTRIONE Lavrei,/ se te toccassi er naso, zozzo quanto sei!

SCELEDRO Che te pijasse un corpo!

PALESTRIONE Attento a te piuttosto,/ che fai na brutta fine, si nun cambi discorso…/ Oh, la porta aricìgola..

SCELEDRO Quella io guardo, de porta:/ lho vista, sta de là, deve stà là per forza!

PALESTRIONE (indicando Filocomasio uscita dalla porta del generale) Ecchela là, a casa. Che te dice er cervello?

SCELEDRO (sempre voltato verso lallra porta) Vedo io, so io: io ciò questo de bello,/ che me fido de me, e nun credo a nissuno./ Me piazzo qua e l’aspetto: nun me scappa…

PALESTRIONE Te comunico/ che posso dimostrarti che sei no stupidello./

SCELEDRO Daje!

PALESTRIONE Che non ciài occhi e anche meno cervello./

SCELEDRO Forza!

PALESTRIONE Così tu insisti a dì che lei sta dietro lì?/

SCELEDRO E se sta a sbaciucchià co naltro omo, sì!/

PALESTRIONE Lo sai che nun se passa, da quel palazzo al nostro?/

SCELEDRO Giusto.

PALESTRIONE Né dal cortile, né dal tetto o dallorto?/

SCELEDRO Giusto.

PALESTRIONE Dì un po: se adesso la vedi uscì de fora,/ da dentro casa, pensi che un cazzotto de core/ in faccia, nun lo meriti?

SCELEDRO Eccome!

PALESTRIONE Sta lì al tuo posto,/ e guarda bene che intanto non sorta de niscosto!/

SCELEDRO Faccio proprio così.

PALESTRIONE Mo te la porto qui./

SCELEDRO (fra sé) Va, va! Mo vojo vede se, come ho visto io,/ lho visto proprio, o quello me lo fa immagginà,/ chè in casa. Locchi mia, nun me ponno ingannà./ Sto ruffiano! Lalliscia, parapì parapà/ tutto pappa e ciccia; e è sempre primo a magnà./ E manco so tre mesi, chè venuto a stà qua!/ Cià messi tutti sotto; cià sbaraccati, cià!/ Ma famme fà la guardia de bona volontà:/ Mo je fo vede io, Scelledro che te fa!/

 

SCENA IV – Filocomasio, Palestrione, Sceledro

PALESTRIONE Allora, sta in campana.

FILOCOMASIO Sì, sì, lho capita!/

PALESTRIONE Ma… te la sai sbrigà?

FILOCOMASIO Io sono rifinita/ sai, dammene dieci ingenue: gli tolgo la virtù/ solo co la malizia che mi ritrovo in più./

PALESTRIONE Allora, daje, parti! A Scelè, che me ricconti?/

SCELEDRO (sempre con le braccia aperte contro la por ta, senza voltarsi) Lorecchi ce lho boni. Dì…

PALESTRIONE Aòh, ma già sei pronto/

a fatte mette in croce, lì co le braccia tese?/

SCELEDRO Sì! In croce!/

PALESTRIONE Guarda un po, qua, che bella sorpresa!/ Chi è sta donna?

SCELEDRO (voltandosi) Oddio, la mecca del padrone!/

PALESTRIONE Eh già, così me pare! Mbè, che aspetti, a buffone?/

SCELEDRO A che fà?

PALESTRIONE A impiccatte!

FILOCOMASIO Dov’è quella buona lana/ che mi accusa innocente di fare la puttana?/

PALESTRIONE È questo, che mha detto ciò che tho riferito./

FILOCOMASIO A sei tu, Scelle…rato! Sicchè io ho tradito…/

SCELEDRO So io, sì; so io!

FILOCOMASIO Allora, tu ciài spiati?/

SCELEDRO Sì, co questocchi mia!

FILOCOMASIO Mo te li sei giocati/ questocchi con cui vedi più di quello che vedi!

SCELEDRO Nun minaccià! Er destino mio è la croce, te credo!/ in croce io ho perduto padre nonno e bisnonno…/ Ma famme crede cieco, li strilli tuoi nun ponno!/ Spiegheme, Palestriò: ma questa dandò è uscita?

PALESTRIONE Dandò è uscita! Da casa!

SCELEDRO Da casa?

PALESTRIONE Tu, me vedi?/

SCELEDRO Te vedo sì! Ma questa, questa no, nun me freghi,/ no lho vista sortì… E nel palazzo nostro/ nun se pò entrà pel solaio o pellorto…/ Eppure io lho vista!

PALESTRIONE Insisti sa!

FILOCOMASIO Mio Dio,/ allora era vero, stanotte, il sogno mio!

PALESTRIONE Che sogno hai fatto?

FILOCOMASIO Che strano… Chè arrivata…/ da Atene mia sorella gemella, accompagnata/ dal suo ragazzo… e stavano tutti due qua vicino…/

PALESTRIONE (Brava!) – E poi?/

FILOCOMASIO Ero… tutta contenta, fino/ che non mi presero brutti presentimenti:/ mi pareva che un servo, come tu adesso tenti,/ maccusasse di dare baci ad un giovinetto,/ mentrera mia sorella che si teneva stretto/ il suo uomo… E io, io ero incolpata!

PALESTRIONE Proprio la stessa cosa, che mo tè capitata!/ Mannaggia, un brutto sogno che realmente savvera:/ Va in casa, corri subbito a dì qualche preghiera!/ E a avvertì er generale…

FILOCOMASIO Vado subito, eccome:/ io fare la disonesta? La pagherai, cafone! (esce)

SCELEDRO Ciò un poco de spagheggio: che dici, avrò le botte?/

PALESTRIONE Le botte? Sì, er patibolo!

SCELEDRO Io sto qua, e nun sfotte!/

PALESTRIONE Ma scusame, a Scelè! Mo ce sta pure er sogno…/

SCELEDRO Oddio, comincio a crede che, a bonbisogno/ ciò che ho visto è vero… e anche nun è vero!

PALESTRIONE Ce ripensi un po tardi… ma mo ritratti, spero:/ che se lo sa er padrone finisci proprio male…

SCELEDRO Forse avevo l’occhio corto de visuale…/

PALESTRIONE Certo è che la ragazza, nun è uscita stasera!/

SCELEDRO Nun capisco più niente; cera benché non cera…/

PALESTRIONE Ma intanto, a fà er cretino, a noi potevi nuoce,/ e te, a fà er ruffiano, finivi sulla croce.

 

SCENA V – Filocomasio, Palestrione, Sceledro

FILOCOMASIO (a una schiava) Accendi due candele, per grazia ricevuta:/ chè la Provvidenza, chi la prega laiuta.

SCELEDRO Palestriò, Palestriò!

PALESTRIONE A Scelè, a Scelè!

SCELEDRO Quella donna chè uscita mo da qua dentro, è/ o no Filocomasio?

PALESTRIONE E chi devesse allora?/ An vedi! E chi è questa, che mo sorte de fora?

SCELEDRO E lei o nun è lei?     

PALESTRIONE Me pare lei.

SCELEDRO Pijamola/ de petto… Ma a che gioco giochiamo, Filocomà?/ Che cerchi in questa casa? De che cosa si tratta?/ Oh, parlo a te, sa!

PALESTRIONE Nun risponde; che è matta?/ Te fa parlà da solo…

SCELEDRO Rispondi, a zozzona,/ vai coi vicini, eh?

FILOCOMASIO E chi è sta persona?/ Che, ce l’ha con me?

SCELEDRO Sì, proprio co te!/

FILOCOMASIO Ma mi facci capire, prego, lei chi è?/

SCELEDRO Come? E me lo chiedi?

FILOCOMASIO Oh bella! Non lo so!/

PALESTRIONE Se lui non lo conosci, allora io chi so?/

FILOCOMASIO Lei è un altro antipatico, pure lei come lui!/

SCELEDRO Dunque, nun ce conosci?

FILOCOMASIO No, nessuno dei due!/

SCELEDRO Mh, me sa tanto che…

PALESTRIONE Che…

SCELEDRO Che noi nun semo qua:/ semo da naltra parte, co naltra identità!

PALESTRIONE Qua vojo scannajà, per bene, esse sicuro/ se noi semo noi, o no; può esse pure/ che qualche coinquilino, chissà, per distrazione/ ha preso e trasformato le nostre due persone…

SCELEDRO Aòh, io so proprio io!

PALESTRIONE E anch’io! Filocomà,/ me sa che cerchi rogna!

FILOCOMASIO Ma che le prenderà!/ Questo è mica il mio nome!

PALESTRIONE Come tho da chiamà?

FILOCOMASIO Il mio nome è Giustina!/

SCELEDRO Sentila, questa qua!/ A Ingiusta, e no Giustina, te cambi pure er nome/

per metteje facile le corna ar mio padrone?/

FILOCOMASIO Chine?

SCELEDRO Tune!

FILOCOMASIO Son giunta, ieri sera, da Atene/

col mio amante, figurati!

SCELEDRO Su, dillo a mene/ che sei venuta a fà?

FILOCOMASIO Per via di mia sorella/ gemella; mhanno detto che è qua…

SCELEDRO A bella,/ sei furba, eh?

FILOCOMASIO Cretina, sono, a perdere del tempo/ con voi. Addio.

SCELEDRO Sta qua!

FILOCOMASIO Lasciami!

SCELEDRO In fragrante/ tho presa, e chi tammolla!

FILOCOMASIO Fermo brutto ignorante,/ o ti spacco la faccia.

SCELEDRO (a Palestrione) A Palestriò, che, dormi?/ Nun te vòi compromette?

PALESTRIONE Io ce tengo ai miei stinchi!/ Che ne so io se questa è in carne e ossa o finta!

FILOCOMASIO Mi lasci o non mi lasci?

SCELEDRO Si non vòi co le bone,/ vieni co le cattive!

FILOCOMASIO Ma io sto a sto portone!/ io e il mio ragazzo siamo ospiti qui!/ Te e il tuo palazzo, non vho mai visti, io!

SCELEDRO Famme causa, ma io nun tammollo, se tu/ non giuri che rientri subito in casa; giuri?/

FILOCOMASIO Sai metterti con me, eh? con la prepotenza!/ Sì, te lo giuro, andrò dove vuoi tu, pazienza!

SCELEDRO (lasciandola) Dai, fila in casa!

FILOCOMASIO (scappando in casa di Peripl’ecomeno) Addio!

SCELEDRO Ha giurato na donna!/

PALESTRIONE Mo semo iti in bianco, mannaggia a te e a tu nonna!/ Te vòi riabilità?

 

SCELEDRO Che devo fà?

PALESTRIONE Va a pijà/ un cortellaccio.

SCELEDRO Che? vòi fà na dritteria?/

PALESTRIONE Entro dentro a sta casa: se lì c’è un giovanotto/ che la bacia, lammazzo, in quattro e quattrotto!/

SCELEDRO Sei certo che era lei?

PALESTRIONE Era lei, sì, perdio!/

SCELEDRO Come giobbava!

PALESTRIONE Daje! larma!

SCELEDRO (uscendo) Ce penso io!/

PALESTRIONE (fra sé) È proprio vero: manco un soldato armato/ de tutto punto, a piedi, o motorizzato,/ se ne va più tranquillo de na donna de vita!/ Che commediante, ammazzala! E mo tutta impunita/ sarà là che passa er muro per il buco!/

SCELEDRO (rientrando di corsa) Nun serve più er coltello!

PALESTRIONE Perché? che è accaduto?/

SCELEDRO Sta là, Filocomasio!

PALESTRIONE Dove? A casa?

SCELEDRO A letto!/

PALESTRIONE Ahi, so cavoli tua, sé vero come hai detto!/

SCELEDRO Come sarebbe a dì?

PALESTRIONE Eh, sì! Te sei permesso/

de toccà la signora chabita dirimpetto!/

SCELEDRO Oddio, che spagheggio!

PALESTRIONE E quella è senza meno/

la sorella de questa: te sei sbajato in pieno!/

SCELEDRO Hai raggione, hai raggione. Se per caso parlavo,/ ero nomo finito…

PALESTRIONE Ma mo, se vòi fà er bravo,/ la lingua, te la cuci. A un servo je conviene/

più sapè che parlà, lo sai sì? Io con tene/ niente ciò da spartì: me ne vado, te lasso/ solo coi tuoi pensieri, magari te schiattassero!

 

SCENA V – Sceledro, Peripl’ecomeno

SCELEDRO (da solo) Mo se ne va così? E ammolla linteressi/ der generale? Che, solo noi semo fessi?/ Certo quella sta proprio dentro casa, lho vista/ sul suo letto; perciò, sto qua, e approfondisco…

PERIPLECOMENO (uscendo di casa) Sti maledetti servi del mio caro vicino/ me sa che nun me fanno de sesso mascolino:/ me pijano pe micco… Ma se pò tollerà/ che unospite mia, appena giunta qua,/ venga trattata come una donna di strada?

SCELEDRO Mamma mia!, so fatto! Questo nun me persuade:/ ce l’ha proprio co me, sto vecchio maledetto!

PERIPLECOMENO Scelledro! Scellerato! Te, hai preso de petto/ dì, l’ospite mia, poco fa, sotto casa?

SCELEDRO State a sentì…

PERIPLECOMENO Nun sento niente!

SCELEDRO È stato un caso…/

PERIPLECOMENO Chiamalo caso te! l’hai fatta grossa, eccome!/ Perché siete al servizio dun generalone/ credete che potete fà come ve pare,/ eh, faccia da schiaffi?

SCELEDRO Perdono!

PERIPLECOMENO È tanto chiaro!/ ciavrei tutto er diritto de fatte fustigà/ da mattina a sera, per l’eternità!/ Primo: mhai rovinato i tetti e er cornicione/ pe ripijà na scimmia chè tutta er suo padrone./ Secondo: hai accusato lamica, tanto seria,/ del tuo generale, di fare nadulterio./ Terzo: praticamente, mhai dato del ruffiano./ Quarto: qua sotto casa, hai alzato la mano/ contro l’ospite mia: e mo se il tuo padrone/ nun lassa che te rompa er nerbo sul groppone/ ce penso io a faje na pubblicità/ da affogallo nel peggio mare dinfamità./

 

SCELEDRO A sor Periplegomeno, so proprio in imbarazzo!/ Non so se me dovete, in tutto questo strazio,/ voi na spiegazione, oppure sono io/ che devo chiede scusa… Ma quella donna, oddio,/ lho vista o non lho vista, è lei o non è lei?/ È la nostra o la vostra?

PERIPLECOMENO Sei proprio tosto, sei!/ Va dentro casa e guarda.

SCELEDRO Posso?

PERIPLECOMENO Te lo comando, va/

rifatte locchi!

SCELEDRO Corro!

PERIPLECOMENO (facendosi alla porta del generale) Daje, Filocomà!/ te cercheno de qua, buttete da sta parte!/ Ma statte accorta! Come sto Scelledro riparte/ e torna qua, tu fila di nuovo a casa tua!/ Auffa, mamma mia, nun ce la faccio più!

SCELEDRO (rientrando) Oddio, manco Iddio, secondo me, può fà/ due donne così uguali come queste due qua!/

PERIPLECOMENO Embè, mo che me dici?

SCELEDRO Me trovo in mezzo ai guai!/ PERIPLECOMENO E allora è lei o no?

SCELEDRO Non lo so, te lo sai?/

PERIPLECOMENO Ma l’hai vista?

SCELEDRO L’ho vista: baciava un giovanotto./

PERIPLECOMENO È lei?

SCELEDRO Boh!

PERIPLECOMENO Vuoi saperlo?

SCELEDRO Magara!

PERIPLECOMENO Fatte sotto,/ va dentro casa e guarda se la vostra sta là.

SCELEDRO Giusto, hai ragione, corro!

PERIPLECOMENO Mah, nun ho visto mai,/ mettere sotto uno con tutta sta finezza!/ Mannaggia, già sta qua!

SCELEDRO Oddio, Eccellenza, Altezza,/ pietà de me, ve supplico, so stato un ignorante,/

siate bravo, pietà…

PERIPLECOMENO Pietà de che?

SCELEDRO Nho tante/ da famme perdonà! So stato cieco e matto:/ Filocomasio è là!

PERIPLECOMENO A faccia da coatto,/ te sei convinto?

SCELEDRO Eh già!

PERIPLECOMENO Mo chiama er tuo padrone./

SCELEDRO Riconosco che merito la peggio punizione,/ che ho fatto il disgraziato, là, co l’ospite tua:/ ma er padrone mha messo a guardà la virtù/ della sua, de ragazza: io che ce posso fà/ se manco dentro un pozzo ce se ponno trovà/ du gocce d’acqua uguali come so ste du mecche…/ Ho spiato dal tetto: questo, sì, lo confesso: ecchime/ qua, fate voi…

PERIPLECOMENO Vergognete! Un servo, giovanotto,/ devesse senza bocca, senza mano e senzocchio!

 

SCELEDRO E così vojo esse, dora in poi: ve lo giuro./ E se no, sulla croce, inchiodateme pure!/ Io me consegno a voi… Ma per stavolta sola/ fateme na grazia!

PERIPLECOMENO Vojo esse de core,/ vojo pensà chhai fatto tutto in bona fede./ Questa te la perdono.

SCELEDRO Ah, Dio vede e provvede!/

PERIPLECOMENO Sì, ma se vòi che Dio te protegga, essi muto:/ non vedi ciò che sai, non sai ciò chhai veduto.

SCELEDRO Quanto avete raggione! ma raggione, raggione!/ Mo me metto in ginocchio, e ve fo un’orazione…/

PERIPLECOMENO Vattene!

SCELEDRO Ve serve altro?

PERIPLECOMENO Tu non mi hai mai parlato./

SCELEDRO (solo) Questo mha infinocchiato. Mha troppo perdonato,/ troppo! Era troppo calmo… Boh! che intenziona avrà?/ Me sa che come arriva er generale, va/ da lui, e me fa strigne. Tra questo e Palestrione/ me la tirano proprio, lo so – che? so minchione?/ Eh, ma io nun abbocco! Lo troverò un bel posto,/ dove, un po de tempo, me ne starò niscosto!/ Più io, nho combinate, che un regno de baldracche!/ Passasse er temporale! Se calmassero l’acque!

 

 

ATTO TERZO

SCENA I – Palestrione, Peripl’ecomeno, Pleusicle

 

PALESTRIONE (rivolto all’interno di casa Peripl’ecomeno) Alt! Stateve fermi, lì ancora un pochetto:/ fateme dà unocchiata, sto posto è maledetto!/ Volete stà tranquilli? Raggionà in santa pace?/ Un piano, se è scoperto, non è più efficace:/ dico bene? Er nemico, va tenuto all’oscuro/ chè se scopre i tuoi piani, te li mette in der c…!/ Boh, nun ce sta nissuno, da ste bande, me pare:/ vedo dappertutto libera visuale…/ Pleusì, Periplecò, ve potete affaccià!

PERIPLECOMENO Pronti!

PALESTRIONE So sempre pronti, i bravi. Beh, d’accordo?/Famo come âmo detto, o c’è quarche contrordine?

PERIPLECOMENO No, no, per me va bene!

PALESTRIONE E per te, a Pleusì?/

PLEUSICLE Se per voi va bene, per me va bene, sì!/ Tu sei un vero amico!

PERIPLECOMENO Grazie, per ste parole!/

PALESTRIONE (Lo credo, che le dice!)

PLEUSICLE Ah so tutto un dolore,/ per sta stupida storia…

PERIPLECOMENO Ma per quale raggione?/

PLEUSICLE Me dispiace di darti tanta preoccupazione!/ Non sono grattacapi, degni di un signore/ vero come sei te: certo non ti fa onore,/ – anche se lo fai, per me, per il mio amore –/ affrontare avventure degne di ragazzacci:/ da vecchi non convengono certi pasticciacci!

PALESTRIONE Io nun te capisco! Se hai vergogna de fà/ ciò che fai per amore, l’amore nun ce sta!

PLEUSICLE Beh, cià una certa età, per il ritmo moderno!

PERIPLECOMENO Iiih, come cori, aòh! Già me fai all’Inferno?/ Mica so agonizzante! Che, te do l’impressione/ desse vissuto troppo? Va beh che so un vecchione/ ma ciò occhi da lince, salto come un fringuello,/ e ciò certe manine…

PALESTRIONE È bianco de capello,/ ma no de core,insomma! Eh, buon sangue non mente!/

PLEUSICLE Beh, certo a dar retta alle mie esperienze/ risulta chè disponibile, come un ragazzetto!

PERIPLECOMENO Eh, proprio così! Me sento tutto come un galletto,/ ciò la carne smaniosa… E qualche scappatella/ me la concedo ancora! Io ciò na cosa bella:/ che, quando è, so ride, sfotte, stà a lo scherzo,/ quando nun è, sto zitto. Essendo un omo esperto,/ io so de compagnia: so quandè er momento/ de parlà o fà parlà. Me vedrai raramente/ tirà su col naso o sputà le ranocchie:/ io so nato in città, mica alle Frattocchie!

PALESTRIONE Sentilo stanzianotto de primo pelo! A tene/ me sa sicuramente che tha allattato Venere!

PERIPLECOMENO Mo vedrai da te stesso, se nun so un giovanotto:/ se c’è da fà un piacere, so er primo a famme sotto./ Hai bisogno de un duro? Puoi contà su sto tizio./ Se poi te occorre dolce, sta certo, te delizio,/ mejo dun venticello fresco de primavera!/ So fà er matto a un banchetto, a scroccà ciò maniera,/ so er mejo de la piazza a organizzà norgetta…/ E, se me metto, ballo mejo de un frocetto!

PALESTRIONE E tu, Pleusicle, quali virtù vorresti av’è?/

PLEUSICLE LA riconoscenza: sia per lui che per te./ Siete tanto carini, che non so come fare/ per contraccambiare, dal lato materiale…

PERIPLECOMENO Magna e bevi, fa tutto quello che te pare!/ A stupido, ce pensi? Se na persona vale,/

io do tutto per lei, chè tutto guadagnato!/ Fa come a casa tua, essi pure sfacciato,/ me fa piacere! Io, qua so er padrone,/ e, pure, nomo libbero! Io l’approvazione/ me la do da me solo! Che co tutta sta grana/che me ritrovo, pensa un po te che anima/ de moje che potevo pijà, e no lho fatto./ Perde la libertà? Aòh, mica so matto!/Na moje! Se esistesse una moje ideale,/ beh, tanto tanto, allora ti puoi pure sposare…/ Ma indò la trovi, una che ti dica, mettiamo:/ Caro, compra la lana, che ti faccio a mano/ na maglia e un par de calze per la brutta stagione”?/ Sì! la sogni na moje che cià sta intenzione!/ Sai che dice na moje, da la mattina presto?/ Caro, te lo ricordi che domani è la festa/ della Donna? Bisogna fare un bel regaletto/ a mia madre… Ah, poi, in casa siamo senza un confetto…/ E c’è da compensare il prete, il sagrestano,/ la chiromante… Inoltre, bisogna che paghiamo/ la massaggiatrice… Ia stiratrice è un mese/ che mi fa il muso, dice che lei sta sulle spese…/ Piange anche lostetrica, che la paghiamo poco…/ E la balia dei figli della servitù…/ Da morire di rabbia, da non poterne più!/

PALESTRIONE Mo annamo al sodo, a cosi! State qua co la testa,/ nun c’è da perde tempo… Io ciò in mente na tresca/ da mannà er generale olmo, senza più un pelo./ Che così sto ragazzo ardente va leggero:/ se pija la ragazza e via, sul battello!/

PERIPLECOMENO Dillo, sto piano!

PALESTRIONE Piano! Vojo prima stanello…/

PERIPLECOMENO Perché?

PALESTRIONE Te intanto dammelo…

PERIPLECOMENO È tuo, ecchelo, tiè!/

PALESTRIONE Scambio merce: mo tu saprai tutto da me!/

PERIPLECOMENO Sono qua tuttorecchi…

PALESTRIONE Il mio padrone batte/ co le donne sposate: da diventacce matto…

PERIPLECOMENO Lo so, lo so…

PALESTRIONE Se crede… desse un verace Adone,/ e tutte le sue donne, lelenca sul coppone.

PERIPLECOMENO Ah quanta gente spera che sia solo un vantone!/ Per me è tutta chiacchiera, e te ciai raggione!/ E allora, che concludl?

PALESTRIONE Te, la puoi rimedià/ na ragazza caruccia, ma che ce sappia fà?

PERIPLECOMENO De alto o basso rango?

PAI.ESTRIONE È uguale: l’essenziale/ è che ce tenga ai soldi, che l’atto materiale/je vada, e che ciàbbia na bella intelligenza:/ non dico sentimento, perché ogni donna è senza.

PERIPLECOMENO In carne o poco in carne?

PALESTRIONE Coi tratti regolari…/ Ma che sia ridarella… minorenne, magari…

PERIPLECOMENO Una lho sottomano, namore de pischella…/ Che ce vòi fà?

PALESTRIONE La porti qua in casa, tutta bella,/ tutta acchittata, come una vera signora,/ ben pettinata, piena tutta de nastrini e de ori…/ Fai finta chè tu moje.

PERIPLECOMENO Beh, dove vuoi parà?/

PALESTRIONE E ce l’ha na servetta, quella tua amica là?/

PERIPLECOMENO Paraguletta, pure!

PALESTRIONE Bene! mo tu je dici/ che voi due siete due sposini felici/ Però che lei è cotta per il mio generale/ E – dato che l’amore si deve dimostrare –/ deve dare stanello alla sua cameriera,/ che lo dà a me, e io lo faccio avere/ da bravo ruffiano, al mio caro padrone…

PERIPLECOMENO Parla piano, te sento, lorecchie ce lho bone!/

PALESTRIONE Io je do l’anello, je dico che lho avuto/ da tu moje, per prova che te vuò fà cornuto./ Lui, povero cocco, smanierà de passione:/ solo se frega un altro, gode, sto lazzarone!

PERIPLECOMENO Guarda, le due che ciò, so le mejo der mondo!/

PALESTRIONE Allora corri, va! A Pleusì, tu sei pronto?/

PLEUSICLE Dimme tutto.

PALESTRIONE È semplice: nun fà mai sotto il naso/ del generale il nome di Filocomasio…

PLEUSICLE Come devo chiamarla?

PALESTRIONE Chiamala Giustina/

PLEUSICLE Benissimo.

PALESTRIONE E guardiamo de fà nopera fina!/

 

SCENA II – Palestrione, Lucrione

PALESTRIONE (da solo) So proprio na potenza! Sto a fà proprio un macello!/ La donna, al generale, je la frego de bello,/ se, quelli che ho a catena, se sanno comportà…/ A Sceledro! A Scelè! Scegni! Che, ciài da fà?

LUCRIONE (alla finestra) Non può venì, Sceledro.

PALESTRIONE Perché?

LUCRIONE È lì che succhia./

PALESTRIONE Succhia? E che se succhia? Me stai a fà li trucchi?/

LUCRIONE Dorme, a coso, e ronfa…

PALESTRIONE Ah, e così sé addormito!/