Il Verismo italiano

Dalle tendenze realiste già  presenti nella letteratura romantica sorse in Italia il movimento del Verismo. I principi della poetica verista sono:

  • l’abbandono del romanzo romantico storico-politico per il romanzo di costumi contemporanei;

  • la rappresentazione del fatto vero;

  • l’analisi scientifica dei fenomeni psicologici;

  • l’importanza della fantasia e dell’immaginazione per dare alla narrazione colore, movimento, vita vera;

  • l’adozione del canone dell’impersonalità .

Uno dei maggiori esponenti di questa corrente è: Giovanni Verga.

La vita e le opere

Giovanni Verga nacque a Catania nel 1840 da una famiglia di proprietari terrieri d’origine nobiliare di tradizioni liberali. La sua formazione culturale fu alquanto modesta: alla letteratura dei classici preferiva i romanzi francesi. I suoi primi romanzi furono: Amore e patria e I Carbonari della montagna; si tratta di romanzi di intonazione storico-romantica. Nel 1869 si trasfer’ a Firenze, qui si accostò ai circoli letterari e strinse amicizia con il conterraneo Luigi Captano, teorico verista di cui condivise le idee. Nel 1870 pubblicò Storia di una capinera (romanzo epistolare di grande successo). Nel 1872 Verga si trasfer’ a Milano dove lesse i grandi scrittori francesi, tra cui Zola. Verga era affascinato e allo stesso tempo disgustato dalla mondanità  borghese. È nella Prefazione di Eva, (che con Tigre reale ed Eros costituiscono il gruppo di romanzi milanesi, dai toni sentimentali e melodrammatici, ispirati ad amori torbidi e tempestosi) che esso esprime lo sdegno contro la società  del benessere.

Nel 1874 scrisse Nedda, definita dall’autore stesso bozzetto siciliano”. La scelta di un soggetto legato al mondo popolare della sua terra, ha indotto alcuni critici a considerare la novella come la prima tappa della conclusione di Verga al Verismo. Nedda anticipa la narrativa verista, ma non è ancora l’espressione piena dei principi della nuova poetica. Infatti, in essa il narratore è distaccato dalla materia narrativa, che commenta con toni patetici le sofferenze della protagonista. Solo nel 1878 il racconto Rosso Malpelo – il primo della serie raccolta in Vita dei campi – inaugura la grande stagione della produzione verista. In una lettera all’amico Salvatore Paola Verdura, Verga scriveva di aver maturato il progetto di raccontare il lato drammatico, o ridicolo, o comico di tutte le fisionomie sociali. Cos’ veniva preannunciato il ciclo intitolato prima La marea, successivamente I vinti. In questi romanzi il Verga intendeva offrire un quadro totale della lotta per la vita, rappresentata a tutti i livelli sociali.

Gli anni dal 1880 al 1893, circa, rappresentarono il decennio della grande creatività , in cui l’autore scrisse i suoi capolavori:

  • Vita dei campi (1880), raccolta di novelle;

  • I Malavoglia, romanzo che secondo il Verga fu un fiasco totale (1881);

  • Il marito di Elena (1882), romanzo che interrompe il percorso verista;

  • le Novelle rusticane (1883), ambientate in Sicilia;

  • Per le vie (1883), racconti che rappresentano la Milano corrotta e materiale;

  • Vagabondaggio (1887), raccolta che anticipa i temi del ciclo dei Vinti;

  • Mastro-don Gesualdo (1889);

Dopo aver lavorato per il teatro, Verga ritornò a Catania. All’involuzione politica dello scrittore, che approvò la repressione dei fasci siciliani attuata da Crispi nel 1896 e che si rivelò acceso nazionalista, si accompagnò un periodo di crisi creativa. Non fu concluso, pertanto, il terzo romanzo del ciclo dei Vinti, e La duchessa di Leyra di cui stese solo un capitolo e mezzo. Dopo la scrittura di alcuni racconti e opere teatrali di scarso valore artistico, Verga morì a Catania il 14 Gennaio 1922.

 Il pensiero e la poetica

La prima fase della produzione verghiana è caratterizzata da opere che riflettono:

  • la formazione di tipo romantico e patriottico dell’autore (Amore e patria);

  • l’esigenza di incontrare il gusto mondano” dei lettori (Storia di una capinera, Eva).

Diversi furono i fattori che spinsero il Verga alla ricerca di una narrativa più oggettiva, e accesero il suo interesse per la classi sociali più umili. Si avvia la conversione” al Verismo, cioè il passaggio dalla produzione romantico-scapigliata di ambiente cittadino a quella verista legata alle condizioni di vita dei ceti umili siciliani. È la novella Nedda, nella quale è rappresentato per la prima volta il mondo contadino siciliano, a segnare questa svolta. La novella narra le disavventure di una povera e sfortunata contadina siciliana. La conversione di Verga al Verismo andò maturando in quegli anni, sulla scia della poetica naturalista e delle teorie sul romanzo elaborate da Zola.

Le teorie formulate da Verga portarono lo scrittore a rivoluzionare le strategie narrative tradizionali del romanzo. Il canone dell’impersonalità  creava problemi all’autore, che per rispettate questo canone escogitò nuove strategie narrative:

  • l’eclisse dell’autore. L’intervento dell’autore si azzera e il suo punto di vista si colloca all’interno del racconto, gestito da uno o più personaggi;

  • la regressione. Lo scrittore diventa un narratore popolare e regredisce al livello culturale dei personaggi delle sue opere;

  • lo straniamento. Evidenzia il divario fra il punto di vista del narratore e della comunità  cui appartiene e quella dell’autore (lettore);

  • il linguaggio. Ha la funzione di ricostruire i fatti con la massima precisione, spesso si esprime attraverso il lessico, la sintassi, i proverbi popolari;

  • il discorso indiretto libero. Riproduce le sgrammaticature del parlato popolare per esporre fatti, pensieri e ricordi direttamente secondo il punto di vista e il modo di sentire i personaggi.

Audio Lezioni sulla Letteratura italiana dell’ottocento del prof. Gaudio

Ascolta “Letteratura italiana dell’ottocento” su Spreaker.

Un pensiero su “Il Verismo italiano

I commenti sono chiusi.