In ricordo di don Savino – di Franca Ferrario e Giuliana Sala

L’8 febbraio, all’età di 71 anni, è rinato in Cristo don Savino Gaudio, parroco dei Santi Pietro e Paolo di Corsico (MI). Unendoci al cordoglio dei famigliari, dei sacerdoti delle parrocchie dei SS. Pietro e Paolo, di S. Adele e Spirito Santo e degli amici più fedeli, desideriamo ricordare la sua attività pastorale attraversata da una lunga sofferenza nella malattia affrontata con coraggio e fiducia. Ha testimoniato a tutti coloro che lo hanno accompagnato in questo doloroso percorso una fede profonda e gioiosa, segno di speranza per ogni ammalato e per ogni credente. Ai suoi parrocchiani ha lasciato in eredità il suo Crocifisso senza braccia, a lui donato dalla parrocchia di S. Arialdo di Baranzate, opera unica del Prof. Don Marco Melzi, già insigne maestro nell’arte sacra alla Scuola del Beato Angelico di Milano. A don Savino dobbiamo la realizzazione dell’altare del Sacro Cuore, richiamo per tutti i fedeli all’amore misericordioso del Padre. A lui si deve anche la collocazione di un altare presso il cimitero di Corsico per la celebrazione delle funzioni liturgiche in occasione della memoria dei defunti il 2 novembre e della Festa Patronale. Ricordiamo da ultimo la sostituzione della lapide, da lui fortemente voluta, di don Flaminio Tornaghi, storico parroco di Corsico. La dedizione di don Savino alla cura pastorale della parrocchia di Corsico si è espressa in modo particolare nell’impegno profuso nel progetto che porterà alla realizzazione del nuovo oratorio S. Luigi, impegno al quale non si è sottratto neppure durante la fase terminale della sua malattia.

Franca Ferrario e Giuliana Sala