INFERNO – CANTO II – riassunto e analisi

CANTO II dell’Inferno
CANTO II – RIASSUNTO E ANALISI
  • – Al calare del sole Dante invoca le muse affinché lo aiutino a scrivere il suo viaggio
  • – È un canto statico in cui Dante continua a dubitare, a fermarsi per i suoi pensieri e domande
  • – Tema del secondo canto = paura
  • – Esita reputandosi non all’altezza di questo viaggio (solo Enea e San Paolo lo hanno fatto)
  • Andare nell’inferno significa

      » guardare la vita dalla prospettiva della morte

      » conoscere fino in fondo la vita umana (per salire si deve scendere)

      » prendere l’esperienza come definitiva ed eterna, oltre la prospettiva transitoria

  • – Domanda = perché sono stato scelto proprio io per questo viaggio?
  • – Virgilio gli risponde che per lui si sono mosse tre donne in Paradiso, dopo averlo richiamato al presente, a non essere vile.

      » la Madonna vede Dante e ha pietà di lui » chiama Santa Lucia (a cui Dante era devoto)

      » Santa Lucia trova Beatrice seduta insieme a Santa Rachele (una patriarca) e le riferisce ciò che la Madonna le aveva detto (sia Rachele che Beatrice sono donne molto amate)

      » Beatrice scende negli inferi, mossa da amore, ed entra nel limbo, dove incontra Virgilio

      » l’ gli assegna il compito di trovare Dante, poiché era sul punto di perdersi

      » Virgilio accetta subito ma chiedendole come e perché è scesa negli inferi

      » Beatrice non teme le fiamme dell’Inferno, perché “si deve temere solo ciò che fa male agli uomini” (no preoccupata di venire “contaminata” perché ha delle certezze che vanno oltre)

      » l’esitazione di Dante è insensata perché protetto da tre donne benedette, quindi prosegue

      » il viaggio di Dante non è mosso quindi da un merito ma da una grazia derivata dalla pietà della Madonna e da una chiamata, una vocazione

  • – In questa cantica non si nomina la Madonna (solo dal purgatorio)
  • – Virgilio gli racconta di Beatrice facendola parlare in prima persona (accento sui sentimenti)

       » quando parla non ci sono mai enjembement, il che indica che è una donna risoluta

       » non si spezza la frase = sa ciò che vuole dire e parla con decisione e chiarezza

  • – Il viaggio Dante lo fa col corpo perché la conoscenza deriva dai sensi
  • – Beatrice sceglie Virgilio per le sue parole convincenti (= la sua poesia)

      » qui la poesia assume valore salvifico e profetico (Dante la valorizza moltissimo)

  • – In Dante si ritrova la poesia cortese nel fatto che l’uomo è visto come servitore della donna
  • – Similitudine» il cuore di Dante si scioglie e apre come gigli che si schiudono e riscaldano al Sole (ora non è bloccato dai dubbi, ha avuto una risposta parziale)

                           » il cuore di Dante illuminato dalla speranza rifiorisce come un giglio

  • – Inizia il viaggio

Audio Lezioni su Dante e Divina Commedia del prof. Gaudio

Ascolta “Dante e Divina Commedia” su Spreaker.