Insidie della rete

Sharing is caring!

Anzitutto i contatti da sconosciuti. Infatti, purtroppo, il 73% dei ragazzi italiani, a fronte di una media del 63% in Europa, ha contatti informatici con sconosciuti. Questi contatti diventano particolarmente pericolosi, quando i ragazzi condividono con altri informazioni personali (attraverso le quali un pedofilo potrebbe raggiungere e incontrare un ragazzo) o addirittura dati sensibili (opinioni, confidenze, segreti, ecc). Poi virus, minacce e insulti tramite mezzi elettronici (cyberbullismo)

UN capitolo a parte merita la pedofilia. I pedofili sono persone adulte perverse (pedofilo regredito) o non del tutto evolute sessualmente (pedofilo con blocco evolutivo) che perseguono o collezionano materiale relativo a rapporti sessuali con bambini o adolescenti. Internet può essere un mezzo attraverso il quale il pedofilo cerca e trova le sue vittime o il suo materiale (cruising).

Per ovviare a queste insidie, le nazioni si sono incontrate e hanno steso delle carte che pongono l’attenzione sui pericoli maggiori e indicano le soluzioni. I documenti a cui facciamo riferimento sono i seguenti tre:

1.      Carta dei Diritti dei Minori in rete – nel 2004 il Consiglio nazionale degli utenti dellAutorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha elaborato una Carta che sancisce quali sono i diritti da garantire ai minori sulla rete. Nel dettaglio, i diritti da garantire sono:

1 – Libertà di espressione

2 – Eguaglianza

3 – Salute

4 – Educazione e formazione

5 – Socializzazione e gioco

6 – Ascolto

7 – Dignità e riservatezza

8 – Sicurezza

9 – Responsabilità

2.      Convenzione di Lanzarote – nel 2007 in Spagna (su un’isola delle Canarie, Lanzarote) si sono riuniti i rappresentanti del Consiglio di Europa per punire i reati contro l’infanzia a sfondo sessuale (pedofilia)

3.      Dichiarazione di Kandersteg – Alcuni rappresentanti di varie nazioni si sono ritrovati in una amena località svizzera di montagna, per mettere a fuoco alcune riflessioni e suggerire azioni per contrastare il bullismo. I diritti lì riaffermati sono quelli, del bambino e dell’adolescente, a crescere senza i traumi dovuti alle violenze da lui subite ad opera di suoi coetanei.

Numeri di telefono da chiamare o siti web da consultare in caso di abuso:

Polizia Postale e delle Comunicazioni http://poliziadistato.it/

Cyberbullismo: tel. 800669696

Telefono Azzurro, www.azzurro.it/ tel. 19696

Emergenza Infanzia www.hot114.it  tel.114

Save the children www.stop-it.org/

Principali filtri di controllo del minore

a.      Symantec security response

b.     Virtual parent

c.      Naomi

d.     Kiddonet

e.      Davide.it

f.        Il veliero.it

shares