L’ Io rinasce in un incontro… nella Chiesa – di Don Savino

“Noi non intendiamo far da padroni sulla vostra fede, siamo invece i collaboratori della vostra gioia, perché nella fede voi siete già saldi”. S. Paolo 1Cor. 1,24
Si sta per concludere l’anno di San Paolo e tra le infinite frasi che esprimono l’esperienza straordinaria di questo grande innamorato di Cristo, questa affermazione mi piace molto perché descrive ciò che mi sta più a cuore di quello che ho vissuto tra voi.
Che cosa infatti è stata ed è l’avventura cristiana?
La sorpresa di un incontro umano che, per la sua semplice eccezionalità, ha fatto presagire il presentimento del Mistero di Dio come qualcosa di familiare, amico, presente e buono.
Chi di noi può negare che l’esperienza del nostro esserci incontrati è stata bella?
Non perché abbiamo fatto grandi cose, ma perché abbiamo intuito che c’è tra noi Qualcosa di grande anche se noi siamo piccoli.
Che gioia poter far contento un altro!
Credo che sia la stessa esperienza di una mamma o di un papà che sono felici quando vedono contento il loro figlio.
La seconda grande esperienza infatti che si fa nella comunità cristiana è proprio quella di scoprirsi figlio e quindi generato continuamente da una madre che ha cura di te, che perdona e che richiama e ti vuole così bene che vuole solo il tuo bene che e’ la realizzazione del tuo Destino.
È solo nella Santa Madre Chiesa che si può rinascere sempre.
Gesù manifesta la sua tenerezza nei nostri confronti non facendoci mancare mai amici, esempi, testimoni che ci aiutino tutti i giorni a ridecidere personalmente di accettare la sfida che rende vera e gustosa la vita: “mi ami tu più di costoro?” chiese Gesù a Pietro; chiede Gesù a me e a te oggi?
Auguro a me e a ciascuno di voi di poter rispondere con verità – in ogni circostanza della vita – come rispose Pietro: “SI’ SIGNORE, TU SAI TUTTO, TU LO SAI CHE TI AMO!”
Articolo pubblicato nel 2009 su “Uno Sguardo in Dergano”