La peste in Stephen King

Ne L’ ombra dello scorpione un’ epidemia di sconvolgente violenza uccide in poco più di una settimana la maggior parte degli abitanti degli Stati Uniti. Fra i pochi sopravvissuti, riunitisi nella città di Boulder, si creano due gruppi in lotta fra loro:

quelli attratti dalla visione di serenità assoluta rappresentata dall’ immagine di una vecchia contadina e quelli che seguono Darkman, che incarna il male con il suo carico di colpa ed il suo ambiguo potere di seduzione. Nella eterna lotta fra il bene ed il male quest’ ultimo è destinato a soccombere, non senza aver lasciato dietro si sé uno strascico di inquietudine.

La peste viene letta in questo romanzo, ancor più che ne Il morbo bianco di Frank Herbert, come una vera e propria Apocalisse, rimarcando l’ aspetto esplicitamente sacro della storia narrata.

  • indice dell’ipertesto: La peste in Manzoni…e non solo ipertesto realizzato dalla classe IIE liceo Bramante di Magenta, a.s.1997/98